Greenpeace

 

Salva il mare dalla plastica!

Il mare sta soffocando: in media 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono ogni anno nei mari di tutto il mondo.

Questo disastro può essere fermato. L'UE sta rivedendo le Direttive sui rifiuti: è una occasione da non perdere! Chiedi al Ministro di difendere il mare! Le tartarughe, le balene, i pesci, gli uccelli marini... ti ringrazieranno!

Scrivi al Ministro dell'Ambiente Galletti e chiedigli di schierarsi contro l'invasione della plastica. Il mare non è una discarica!

 FIRME

Campo Obbligatorio.

Campo Obbligatorio.

Campo Obbligatorio. Email non valida.

Campo Obbligatorio. Numero di cellulare non valido.

Partecipando alla petizione riceverai informazioni in linea con le tue preferenze e interessi su questa ed altre attività di Greenpeace. Tuteliamo la tua privacy.

Produciamo sempre più plastica usa e getta, molta più del necessario e riciclarla non basta. L'80% dell'inquinamento marino è fatto di plastica. Quest'invasione sta rapidamente trasformando i nostri mari nella più grande discarica del mondo.

Non lasciare che tutta questa plastica soffochi i nostri mari: uccide la fauna marina, contamina la catena alimentare e persiste nell'ambiente per centinaia di anni.

Nel Mediterraneo, residui di plastica sono stati trovati nello stomaco di pesci, uccelli marini, tartarughe e cetacei. Bisogna cambiare rotta e il momento per farlo è adesso.

L'UE sta rivedendo le Direttive sui rifiuti: è una occasione da non perdere. Chiediamo al Ministro Galletti di schierarsi contro l'invasione della plastica, eliminando gli imballaggi usa-e-getta e adottando misure che risolvano il problema della plastica alla fonte! Non abbiamo molto tempo: il momento di cambiare è ora!

Cosa chiediamo?

Chiediamo al Ministro dell'Ambiente Galletti:

  • di garantire che la revisione delle norme UE consenta agli Stati Membri di ridurre al minimo la produzione di plastica.
  • di adottare tutte le misure utili a ridurre la produzione di plastica e imballaggi usa-e-getta e di incoraggiare le buone pratiche e l'innovazione! Le 3 parole d'ordine sono: Riduci, Riusa... E poi Ricicla!

FIRMA ORA!

Firma Ora!

Gentile Ministro Galletti,

La plastica sta invadendo il nostro Pianeta, tanto in mare, quanto a terra. Gli scienziati hanno stimato che ogni anno a livello globale finiscono in mare tra 4,7 e 12,7 milioni di tonnellate di plastica, che minacciano la fauna marina e contaminano le acque, fino a raggiungere la catena alimentare.

L'Europa gioca un ruolo fondamentale nel business della plastica: è il secondo più grande produttore al mondo (circa 50 milioni di tonnellate di plastica prodotte ogni anno). La maggior parte di questi materiali viene utilizzato per la produzione di imballaggi, che rappresentano circa il 40% della produzione di plastica.

Molta di questa plastica viene utilizzata per prodotti usa-e-getta, che finiscono nelle discariche, negli inceneritori e... in mare!

Nel 2014, per esempio, a livello europeo, solo il 29.7% della plastica finita nel ciclo dei rifiuti è stato riciclata. Il resto è finito in discarica, negli inceneritori o è stato semplicemente abbandonato nell'ambiente. Nel 2012, i 27 Stati Membri dell'UE hanno esportato la metà della plastica raccolta per il riciclo, una cifra equivalente a 3.4 milioni di tonnellate di plastica, per un valore stimato intorno a 1.7 miliardi di euro (di cui l'87% è stato esportato in Cina).

L'Unione europea non sta facendo abbastanza per risolvere il problema dell'inquinamento da plastica, ma la revisione delle Direttive UE sui rifiuti (il cosiddetto pacchetto sull'Economia circolare), in corso proprio in questi mesi, offre all'Europa l'opportunità di stabilire misure urgenti per ridurre la produzione di plastica monouso e fare finalmente un passo avanti contro l'inquinamento da plastica.

Per questo Le chiedo di fare tutto ciò che è in suo potere per garantire che la graduale eliminazione della plastica monouso venga inclusa nelle normative UE e di sostenere queste fondamentali misure nelle decisioni del Consiglio Europeo: