Continua il pressing di Grenpeace su BNP / BNL, prima banca al mondo nei finanziamenti ai progetti nucleari. Lo scorso week end, durante il Masters di Parigi, attivisti francesi e brasiliani hanno appeso un banner di 11 metri quadri per chiedere al colosso bancario francese, sponsor internazionale del torneo, di fermare i suoi "investimenti radioattivi", in particolare il finanziamento della centrale nucleare in Brasile, obsoleta e pericolosa.
Una bella samba è stata ballata da alcuni attivisti sul campo centrale del complesso sportivo attirando l’attenzione degli spettatori e della sicurezza..Nel frattempo, altri attivisti rilasciavano uno striscione lungo la parete “verde” del Palazzetto.

BNP, con sede anche in Italia attraverso la controllata BNL, è il principale finanziatore di progetti nel settore nucleare a livello mondiale e sta decidendo di finanziare, assieme ad altre banche francesi, la costruzione del controverso reattore Angra3, a soli 150 chilometri da Rio de Janeiro, per un valore complessivo 1,1 miliardi di euro. La costruzione di Angra 3 è iniziata nel 1984, per fermarsi poi nel 1986 dopo il disastro di Cernobyl, quando le banche rinunciarono al suo finanziamento. Circa il 70% della tecnologia presente sul sito risale a quella data e chiaramente non risponde ai criteri di sicurezza attuali.

Greenpeace continuerà a informare i clienti di queste banche sul modo in cui vengono utilizzati i loro risparmi.

Domenico Belli
(responsabile campagna Energia e Clima)