È la Giornata mondiale degli Oceani

News - 8 giugno, 2013
Dobbiamo ricordarci di proteggerli ogni giorno e oggi, nella giornata dedicata a loro, vi diamo i numeri della pesca che li tutela. I nostri mari sono in crisi, il 60% delle risorse ittiche studiate a livello europeo è sovra sfruttato. Nel Mediterraneo la situazione è ancora più allarmante: l'88% degli stock di cui è stata effettuata una valutazione soffre di pesca eccessiva.

venerdì 7 giugno 2013

 

Ma la pesca eccessiva e distruttiva non è l'unica minaccia. Inquinamento, trivellazioni off-shore e cambiamenti climatici contribuiscono a minarne il futuro.

Dobbiamo intervenire subito, con misure che tutelano gli habitat chiave e sostenendo chi pesca in modo sostenibile. In caso contrario, perderemo  un enorme patrimonio di biodiversità, dalle barriere coralline che potrebbero scomparire in soli 50 anni, a risorse ittiche fondamentali per la sicurezza alimentare e il futuro del settore pesca.

Dati sulla pesca che salva il mare:

In Italia la piccola pesca rappresenta circa il 67% della flotta e dà lavoro a quasi la metà dell'intera flotta peschereccia italiana. Eppure questi pescatori, da sempre penalizzati da politiche che favoriscono le grandi flotte industriali, rischiano di scomparire: negli ultimi 10 anni è sparito circa il 20% delle imbarcazioni della piccola pesca e il numero degli imbarcati si è ridotto di quasi un terzo da 40.701 nel 2001 a 28.724 nel 2011.

Una delle regioni dove la piccola pesca è più importante è la Sicilia, dove troviamo una flotta con oltre 3 mila imbarcati. Di particolare importanza sono i porti che si affacciano sul Canale di Sicilia, che abbiamo raggiunto ad aprile a bordo dell'Arctic Sunrise.

Il documentaro sui pescatori di Favignana:

Durante la tappa italiana del tour "Sostieni chi pesca Sostenibile" abbiamo ascoltato i pescatori di Trapani e delle Isole Egadi. Grazie alle loro testimonianze abbiamo prodotto il documentario "Favignana: il mare è la nostra vita". Domenico e Giuseppe raccontano una vita per il mare, le difficoltà di oggi, le loro speranze.

 

Oggi l'Arctic Sunrise si trova a Londra, ultima tappa del tour europeo a sostegno della pesca sostenibile. In questi mesi siamo riusciti a raccogliere 120.000 adesioni sul sito myboat.it per chiedere una politica della pesca più equa.

I recenti accordi presi a Bruxelles sembrano aver posto le premesse per garantire ai pescatori artigianali un accesso "preferenziale" alle risorse del mare a differenza di quanto accaduto finora. Ora i Governi dovranno applicare seriamente queste regole, prima che il mare si svuoti per sempre.

Leggi il rapporto "Una pesca sostenibile per il futuro del mare"

Categorie