Il caso Arctic30 arriva alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo

Aggiungi un commento
News - 17 marzo, 2014
Gli Arctic30 – i 28 attivisti di Greenpeace e i due giornalisti freelance ingiustamente detenuti per due mesi in Russia lo scorso anno – si sono rivolti questa mattina alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo chiedendo un risarcimento alla Federazione Russa, oltre che una dichiarazione che affermi che il loro arresto e la loro detenzione sono stati illegittimi.

 

I 30, tra cui l’italiano Cristian D’Alessandro, erano stati fermati in acque internazionali, in palese violazione del diritto internazionale del mare e delle stesse leggi russe, durante una protesta pacifica in difesa dell’Artico.

L’avvocato Sergey Golubok, che ha presentato il ricorso per gli Arctic30, ha dichiarato:

“La reazione delle autorità russe fu completamente sproporzionata rispetto alla protesta pacifica in corso, dato che gli attivisti stavano cercando di denunciare in modo non violento i rischi delle trivellazioni in Artico”.

Il ricorso chiede alla Corte Europea di emettere una "sentenza dichiarativa" sulla violazione di due diritti fondamentali da parte della Federazione Russa, ovvero il diritto alla libertà (Articolo 5) e il diritto di espressione (Articolo 10).

Potrebbe volerci all’incirca un anno prima che la Corte Europea dei diritti dell’uomo comunichi l’apertura del caso alla Russia. Ad ogni modo, noi chiediamo alla Corte di occuparsi al più presto di questo caso.

Non va inoltre dimenticato che la nostra Arctic Sunrise continua ad essere tenuta sotto sequestro a Murmansk da oltre 6 mesi. Proprio la settimana scorsa, una corte di San Pietroburgo ha respinto una petizione formale di Greenpeace International con cui si chiedeva accesso alla nave, lasciata per mesi in acque gelide, per determinare se dopo il sequestro e durante le indagini sia stata effettuata la necessaria manutenzione.

Non ci sono commenti Aggiungi commento

Invia un commento 

Per inviare un commento devi essere registrato.