Presidente della Camera Boldrini: "Disseppelliremo i segreti tossici"

Aggiungi un commento
News - 2013-12-16
Intervistata dal Manifesto, Laura Boldrini ha dichiarato che, dopo la nostra richiesta, l'ufficio di Presidenza di Montecitorio ha avviato il percorso per la desecretazione dei documenti riservati delle Commissioni parlamentari di inchiesta.

"Sulle 'navi dei veleni' ho ricevuto pochi giorni fa una richiesta da parte di Greenpeace e dei Verdi  - ha dichiarato il Presidente della Camera - e ho sottoposto immediatamente la questione all’ufficio di Presidenza, dove è stata condivisa da tutti la necessità di avviare una procedura per togliere il segreto sul più alto numero possibile di documenti in materia. Ricordo che delle cosiddette 'navi dei veleni' si sono occupate sia le Commissioni sul ciclo dei rifiuti che hanno operato negli ultimi dieci anni, sia la Commissione di inchiesta sulla morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin istituita nella sedicesima legislatura. Quegli atti sono conservati presso l’archivio storico della Camera".

 

Gli uffici di Montecitorio sarebbero già al lavoro per individuare gli atti e documenti interessati dal provvedimento. "I documenti di cui parliamo - ha spiegato la terza carica dello Stato - sono essenzialmente atti che le Commissioni parlamentari di inchiesta hanno acquisito da altre autorità, che li hanno trasmessi con il vincolo di riservatezza o segretezza. Per togliere il segreto dunque dovremo interpellare loro affinché possano rimuovere o confermare il vincolo. Questa è la procedura prevista dal regolamento dell’archivio storico della Camera. Nel caso invece di atti o documenti prodotti dalle Commissioni stesse, e poi sottoposti al cosiddetto 'segreto funzionale' – quello che può essere posto per tutelare il buon esito dell’inchiesta parlamentare e che, ad esempio, si pone per preservare certi testimoni chiamati a rilasciare dichiarazioni davanti alla commissione d’inchiesta –, si potrà procedere alla loro desecretazione una volta verificato che ciò non intralci l’attività di altri organi dello Stato, ad esempio inchieste giudiziarie in corso", ha concluso.

Siamo soddisfatti per l'apertura della Presidente Boldrini. Un'operazione trasparenza su oltre 600 dossier secretati è la premessa necessaria per fare luce su alcuni misteri degli ultimi vent'anni della storia recente italiana. Tra questi, la morte sospetta del Comandante De Grazia, i traffici internazionali di rifiuti verso la Somalia o gli affondamenti di navi cariche di rifiuti nel Mediterraneo, vicende di cui ci siamo occupati in diverse occasioni e che sono state oggetto del nostro rapporto  "The toxic ships - The Italian hub, the Mediterranean area and Africa" (versione integrale in inglese) del giugno 2010.

Download sintesi in italiano

Non ci sono commenti Aggiungi commento

Invia un commento 

Per inviare un commento devi essere registrato.