A Galanzino il grande slam dei deserti

Secondo posto in Antartide e Francesco realizza il sogno.

News - 29 novembre, 2007
Grande risultato per Francesco Galanzino. Il corridore italiano è arrivato secondo nella maratona Anctartica. E si è aggiudicato il grande slam dei Quattro Deserti, edizione 2007. Soltanto 27 persone al mondo sono riuscite a completare la Quattro Deserti. E Francesco – primo italiano tra i vincitori – ha corso con Greenpeace. Per salvare il clima.

Francesco Galanzino taglia il traguardo di Antarctica, la maratona in Antartide, con lo striscione della Campagna Energia e Clima, di cui è testimonial.

L'imprenditore piemontese, appassionato di questo tipo di corse estreme, ha attraversato il deserto più caldo (Sahara), il più freddo (Polo Sud), il più arido (Acatama) e il più ventoso (Gobi).

L'ultima delle quattro competizioni - la maratona Antartica - si è conclusa martedì. Ai nastri di partenza, 15 partecipanti, provenienti da 6 differenti Paesi. I concorrenti avevano 5 giorni di tempo a disposizione e 250 chilometri di rocce, neve, fango, ghiaccio da percorrere, zaino in spalla, con un vento gelido e temperature che andavano dai -10 ai -30 C°.

Una gallery di immagini relative alle 4 gare estreme concluse da Francesco Galanzino.

Francesco - costretto per cinque giorni a indossare mutande antibatteriche in fibra d'argento e a nutrirsi di gel - ha tagliato il traguardo esponendo la bandiera di Greenpeace "Save the Climate, Energy Revolution". E ha applicato anche il progetto Carbon Zero, per compensare le emissioni di CO2 derivate dalla gara in Antartide.

Documenti collegati

Categorie