Cernobyl 22 anni fa. E oggi?

News - 26 aprile, 2008
22 anni fa il mondo assisteva al più grande disastro nucleare della storia: l'incidente al reattore numero quattro della centrale di Cernobyl. Oggi la lezione non è ancora stata recepita: in Spagna l'industria nucleare prova a insabbiare un grave incidente, mentre in Finlandia e in Francia si registrano ritardi e problemi nella costruzione dei nuovi reattori EPR. Intanto - dopo le proteste di Greenpeace in tutta Europa - Enel rinuncia ai fondi per il completamento dei due vecchi reattori sovietici 3&4 a Mochovce, in Slovacchia.

Una delle foto scattate da Robert Knoth ed esposte fino al 14 maggio all'Auditorium di Roma, nell'ambito del Festival Internazionale di Roma della Fotografia. Per maggiori informazioni visita il sito della mostra.

La compagnia slovacca Slovenske Elektrarne- controllata al 66% da Enel - ha comunicato di rinunciare al finanziamento di 800 milioni di euro per Mochovce. Enel/SE intende ora finanziare con proprie risorse il completamento dei reattori. Sul progetto gravano tuttavia nodi irrisolti: i reattori sono privi di un guscio di contenimento che possa tamponare la fuoriuscita di radioattività in caso di incidente grave, in più c'è il sospetto di aiuti di stato illegali concessi dal Governo slovacco.

Tra le banche inizialmente coinvolte nel finanziamento anche Intesa Sanpaolo, che in seguito a due giornate di mobilitazione degli attivisti di Greenepace in oltre venti città italiane, aveva dichiarato di congelare la linea di credito per Mochovce in vista di maggiori garanzie sulla sicurezza del progetto.

Riguardo all'incompetenza dell'industria nucleare, Greenpeace ha rivelato lo scorso 5 aprile che un incidente alla centrale Asco-I in Spagna ha provocato la contaminazione radioattiva della popolazione che vive nell'area attorno alla centrale. Il gestore dell'impianto Iberdrola-Endesa - quest'ultima controllata da Enel al 67% - ha nascosto per quattro mesi l'accaduto.

Dopo che Greenpeace ha pubblicato i dettagli dell'incidente, l'agenzia di sicurezza nucleare spagnola ha ammesso che l'entità era superiore di cento volte a quanto dichiarato inizialmente, e che particelle radioattive si sono diffuse a chilometri dalla centrale. Greenpeace ha chiesto alla Commissione Europea di effettuare una verifica urgente sull'incidente.

In Francia, dopo solo tre mesi dall'inizio della costruzione a Flamaville dell'EPR - il reattore pressurizzato europeo simbolo del cosiddetto "rinascimento nucleare" - l'agenzia francese ASN ha scoperto una serie di problemi seri per quello che - secondo il costruttore Areva - dovrebbe essere il progetto nucleare più economico, sicuro e affidabile. La base di cemento è stata colata in modo non corretto, la lastra di cemento su cui dovrebbe poggiare il reattore presenta fratture, le barre in acciaio di rinforzo sono state posate in modo sbagliato, il contenitore di metallo è stato saldato da una società priva delle certificazioni richieste, e un quarto delle saldature sono inadeguate. Inoltre, i controlli di qualità sono inefficaci o inesistenti e il costruttore ha fallito nel riparare agli errori già segnalati e a migliorare le procedure.

Il rinascimento nucleare di oggi prepara le nuove Cernobyl del futuro

L'industria nucleare rimane impantanata in incidenti, bugie, insabbiamenti e incompetenza. Il nucleare rimane un esperimento fallito del Ventesimo secolo che non potrà in alcun modo soddisfare il fabbisogno futuro di energia o aiutare a contenere i cambiamenti climatici.

I governi che scelgono il nucleare non aumenteranno la propria indipendenza energetica, ma dipenderanno anzi dai pochi Paesi che hanno la tecnologia e il combustibile. Secondo Greenpeace solo con una "Rivoluzione Energetica" basata su efficienza e fonti rinnovabili riusciremo a tagliare le emissioni di gas a effetto serra del 50 per cento entro il 2050. Taglio necessario per evitare le conseguenze più catastrofiche dei cambiamenti climatici.

Categorie