Eco-guida IX - Settembre 2008

Nokia al primo posto

News - 16 settembre, 2008
Nella IX versione dell’Eco-guida di Greenpeace ai prodotti elettronici Nokia ritorna, dopo un anno, in testa alla classifica: ha migliorato le pratiche di ritiro degli articoli a fine vita in India. Apple fa un passo avanti con la nuova linea di iPod. Agli ultimi posti si trovano Sharp con 3.1, Microsoft con 2.2 punti e Nintendo con soli 0.8 punti.

Lo smaltimento dei rifiuti elettronici e l'impiego di sostanze chimiche pericolose nella produzione di prodotti tecnologici come personal computer e cellulari rappresentano una vera e proprio emergenza ambientale.

In generale la maggior parte delle aziende stanno rispondendo bene sia al rafforzamento dei criteri sui rifiuti elettronici e sulla chimica che alla recente introduzione di quelli relativi all'energia. I punteggi più alti sull'efficienza energetica vanno a singoli prodotti di Apple, Nokia, Sony Ericsson e Samsung. Toshiba fa da esempio per aver migliorato la sua politica sull'impatto climatico.

Le nove edizioni dell'Eco-guida di Greenpeace ai prodotti elettronici

Fujitsu Siemens Computers salta dalla quindicesima posizione, che ricopriva a giugno, alla terza per aver individuato il 2010 come scadenza entro cui eliminare la plastica in PVC e tutti i ritardanti di fiamma a base di bromo dai suoi prodotti. In quarta posizione si trovano Sony Ericsson e Sony, con un punteggio pari a 5,3.

I nuovi articoli messi di recente in commercio da molte aziende sono meno tossici, ma finora nessuna ha mai prodotto un computer completamente privo di ritardanti di fiamma a base di bromo e di PVC.

La scorsa settimana Steve Jobs, il numero uno della Apple, ha annunciato una nuova linea di iPod davvero priva di queste sostanze, incluso il mercurio, seguendo l'esempio di altre compagnie leader come Nokia e Sony Ericsson.

Un ottimo passo avanti, perfettamente in linea con l'impegno assunto da Jobs di eliminare questi elementi tossici dai suoi prodotti entro il 2008. Greenpeace non è favorevole, però, alla modalità di progettazione di questa linea che, dato l'elevato costo di sostituzione della batteria, incoraggia il consumatore a compare un nuovo prodotto.

Philips risulta essere la compagnia con la peggiore posizione in materia di gestione e riciclo dei propri rifiuti elettronici. Si trova in 12esima posizione, con un punteggio pari a 4,3, anche perchè continua a ostacolare qualsiasi approccio a favore del principio di responsabilità individuale del produttore nell'Ue.

L'Eco-guida ai prodotti elettronici verdi continua a influenzare l'industria hi-tech verso produzioni più sostenibili, come dimostra il recente lancio del nuovo processore Xeon 5400 ad uso dei transistor, prodotto da Hafnium senza alcun ritardante di fiamma, compresi quelli a base di bromo.

Leggi la classifica in dettaglio

Categorie