Indonesia. In campo i difensori delle foreste

News - 9 ottobre, 2007
A Riau, in Indonesia, nasce un campo di lavoro a difesa delle foreste. E' la nuova impresa di Greenpeace per documentare, insieme alle comunità locali, l'incontrollata distruzione delle foreste torbiere indonesiane. Volontari da tutte le parti del mondo - accompagnati da esperti - parteciperanno ad attività di prevenzione, di ricerca e censimento di quest'ecosistema unico.

L'Indonesia ospita una delle più favolose foreste millenarie: 100 milioni di ettari di foreste ricchissime di specie animali e vegetali. Le attività illegale di estrazione del legno la stanno distruggendo.

L'Indonesia oltre a essere il paese con il piu' alto tasso di deforestazione, è il terzo grande emettitore di gas serra dopo Cina e Stati Uniti, soprattutto a causa della distruzione delle torbiere. Solo fino a qualche tempo fa, l'area su cui oggi sorge il Balai Adat, la struttura principale del campo, era occupata da rigogliose foreste torbiere ormai ridotte a strade spianate a servizio delle coltivazioni di palma da olio.

 embed type="application/x-shockwave-flash" pluginspage="http://www.macromedia.com/shockwave/download/index.cgi?P1_Prod_Version=ShockwaveFlash" quality="high" base="http://www.greenpeace.it/planet/slideshow/indonesia-091007/" src="http://www.greenpeace.it/planet/slideshow/slideshow.swf" height="312" width="430" wmode="transparent">

L’Indonesia è il paese che accoglierà a Bali – dal 3 al 14 dicembre - il secondo round delle negoziazioni del Protocollo di Kyoto. La deforestazione incide per un quinto sull'emissione totale dei gas serra. Il lavoro e i documenti che verranno prodotti dalla "stazione forestale" di Greenpeace dimostreranno l'inevitabile necessità di porre fine alla deforestazione. Per prevenire la perdita di biodiversità. Per garantire i diritti di milioni di persone. Per combattere il cambiamento climatico.

Secondo Greenpeace, per porre fine alla distruzione delle foreste, è necessaria un'azione a livello internazionale che venga inclusa nella seconda fase del Protocollo di Kyoto.

Categorie