Chi cambia il clima

Dopo aver abbattuto foreste, arato terreni, aperto canali e strade, costruito città, l’uomo è arrivato a uno stadio superiore di intervento sulla Terra: è diventato, per dirla con gli scienziati, un “agente di trasformazione planetaria”., «L’umanità rappresenta oggi una vera e propria forza geologica in continua e illimitata crescita», scriveva nel secolo scorso il geochimico russo Vladimir Vernadskij, padre dell’ecologia globale.

Se vogliamo individuare il momento in cui avviene il salto di qualità indicato da Vernadskij, non possiamo che guardare al Settecento, alle origini di quella Rivoluzione industriale che inaugura la stagione delle macchine a vapore e spinge la popolazione mondiale a una crescita senza precedenti – dagli 800 milioni circa di metà secolo ai 6 miliardi abbondanti del Duemila –, ma speriamo non illimitata. L’uomo – che ha già conquistato il Pianeta, almeno nella sua porzione abitabile, nei secoli precedenti – abbandona i mulini a vento e consolida la sua capacità d’intervento per mezzo della tecnologia industriale.

Mai prima d’ora l’azione dell’uomo ha inciso tanto sull’ambiente circostante, e mai questa azione è stata così forte e diversificata come adesso.
Vladimir Vernadskij

Il motore dell’industrializzazione è l’energia termica originata dalla combustione di carbone, petrolio, gas naturale: infatti è bruciando questi combustibili – che vengono chiamati “fossili” perché si sono formati per decomposizione di sostanze organiche vegetali o marine – che si muovono le macchine. Purtroppo, nel corso della combustione, queste fonti liberano il carbonio immagazzinato, restituendolo all’atmosfera sotto forma di anidride carbonica e di altri gas serra. Quello che millenni di evoluzione geologica avevano nascosto sotto la crosta del pianeta viene ora reinserito in circolazione. Andando ad alterare l’effetto serra naturale, e quindi il clima.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Gli italiani e l'eolico: il feeling c'è

News | 14 giugno, 2007 a 0:00

Gli italiani vogliono l'eolico? Pare proprio di sì. Greenpeace, in collaborazione con Anev, presenta oggi i risultati di un'indagine sull'eolico commissionata alla Customer Asset Improvement: 800 persone intervistate e otto domande per capire...

Come Noè per salvare il clima

News | 31 maggio, 2007 a 0:00

Una nuova arca di Noè. A 2.500 metri sopra il livello del mare. Sul Monte Ararat. È lo scenario biblico ricostruito da Greenpeace per richiamare l'attenzione del prossimo G8 sul tema dei cambiamenti climatici. Di fronte all'Arca, è stata...

Non c'è vento da perdere. Né energia da sprecare

News | 20 aprile, 2007 a 0:00

Greenpeace lancia a Cagliari la "MARATONA EOLICA 2007". L'eolico in Sardegna deve correre se vogliamo combattere il cambiamento climatico. Questa Regione è una delle più ventose in Italia. L'eolico avrebbe ottime opportunità di crescita.

Polo Nord. La nuova sfida di Francesco Galanzino.

News | 29 marzo, 2007 a 19:06

Ha attraversato i deserti più estremi del pianeta. Il vento del Gobi, i laghi salati dell’Atacama, le tempeste di sabbia del Sahara non l’hanno fermato. Giovedì prossimo, infatti, Francesco Galanzino affronterà una nuova gara: il Polo Nord. È...

Europa in prima linea per salvare il clima

News | 9 marzo, 2007 a 0:00

Il 20 per cento di gas serra in meno e il 20 per cento di energia da fonti rinnovabili. Entro il 2020. Sono questi gli obiettivi vincolanti previsti dal testo della Merkel che il Consiglio UE ha appena approvato per contrastare il riscaldamento...

Orsi polari a Palazzo Chigi

News | 5 marzo, 2007 a 0:00

In inverno è già primavera. Il ghiaccio si assottiglia. E due orsi polari di Greenpeace stazionano di fronte a Palazzo Chigi. Il cambiamento climatico è un'emergenza. Gli attivisti chiedono a Prodi di sostenere l'adozione di obiettivi vincolanti...

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri

Immagine | 30 gennaio, 2007 a 12:46

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri della Torre Effeil e stendono un enorme striscione con un messaggio sul cambiamento climatico: "Non è troppo tardi per salvare il clima!". In questi giorni si tiene proprio a Parigi la riunione...

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri

Immagine | 30 gennaio, 2007 a 12:46

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri della Torre Effeil e stendono un enorme striscione con un messaggio sul cambiamento climatico: "Non è troppo tardi per salvare il clima!". In questi giorni si tiene proprio a Parigi la riunione...

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri

Immagine | 30 gennaio, 2007 a 12:45

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri della Torre Effeil e stendono un enorme striscione con un messaggio sul cambiamento climatico: "Non è troppo tardi per salvare il clima!". In questi giorni si tiene proprio a Parigi la riunione...

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri

Immagine | 29 gennaio, 2007 a 17:23

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri della Torre Effeil e stendono un enorme striscione con un messaggio sul cambiamento climatico: "Non è troppo tardi per salvare il clima!". In questi giorni si tiene proprio a Parigi la riunione...

381 - 390 di 425 risultati.

Categorie