Più di cento attivisti bloccano quattro centrali a carbone

Mentre i leader delle nazioni più ricche del Pianeta arrivano al summit del G8, oltre cento attivisti di Greenpeace da tutto il mondo hanno occupato quattro centrali elettriche a carbone sparse sul territorio italiano, chiedendo ai Capi di Stato del G8 di assumere un ruolo di leadership contro i cambiamenti climatici.

Dettagli video



Chi cambia il clima

Dopo aver abbattuto foreste, arato terreni, aperto canali e strade, costruito città, l’uomo è arrivato a uno stadio superiore di intervento sulla Terra: è diventato, per dirla con gli scienziati, un “agente di trasformazione planetaria”., «L’umanità rappresenta oggi una vera e propria forza geologica in continua e illimitata crescita», scriveva nel secolo scorso il geochimico russo Vladimir Vernadskij, padre dell’ecologia globale.

Se vogliamo individuare il momento in cui avviene il salto di qualità indicato da Vernadskij, non possiamo che guardare al Settecento, alle origini di quella Rivoluzione industriale che inaugura la stagione delle macchine a vapore e spinge la popolazione mondiale a una crescita senza precedenti – dagli 800 milioni circa di metà secolo ai 6 miliardi abbondanti del Duemila –, ma speriamo non illimitata. L’uomo – che ha già conquistato il Pianeta, almeno nella sua porzione abitabile, nei secoli precedenti – abbandona i mulini a vento e consolida la sua capacità d’intervento per mezzo della tecnologia industriale.

Mai prima d’ora l’azione dell’uomo ha inciso tanto sull’ambiente circostante, e mai questa azione è stata così forte e diversificata come adesso.
Vladimir Vernadskij

Il motore dell’industrializzazione è l’energia termica originata dalla combustione di carbone, petrolio, gas naturale: infatti è bruciando questi combustibili – che vengono chiamati “fossili” perché si sono formati per decomposizione di sostanze organiche vegetali o marine – che si muovono le macchine. Purtroppo, nel corso della combustione, queste fonti liberano il carbonio immagazzinato, restituendolo all’atmosfera sotto forma di anidride carbonica e di altri gas serra. Quello che millenni di evoluzione geologica avevano nascosto sotto la crosta del pianeta viene ora reinserito in circolazione. Andando ad alterare l’effetto serra naturale, e quindi il clima.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri

Immagine | 29 gennaio, 2007 a 17:23

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri della Torre Effeil e stendono un enorme striscione con un messaggio sul cambiamento climatico: "Non è troppo tardi per salvare il clima!". In questi giorni si tiene proprio a Parigi la riunione...

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri

Immagine | 29 gennaio, 2007 a 17:22

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri della Torre Effeil e stendono un enorme striscione con un messaggio sul cambiamento climatico: "Non è troppo tardi per salvare il clima!". In questi giorni si tiene proprio a Parigi la riunione...

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri

Immagine | 29 gennaio, 2007 a 17:21

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri della Torre Effeil e stendono un enorme striscione con un messaggio sul cambiamento climatico: "Non è troppo tardi per salvare il clima!". In questi giorni si tiene proprio a Parigi la riunione...

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri

Immagine | 29 gennaio, 2007 a 17:20

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri della Torre Effeil e stendono un enorme striscione con un messaggio sul cambiamento climatico: "Non è troppo tardi per salvare il clima!". In questi giorni si tiene proprio a Parigi la riunione...

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri

Immagine | 29 gennaio, 2007 a 17:19

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri della Torre Effeil e stendono un enorme striscione con un messaggio sul cambiamento climatico: "Non è troppo tardi per salvare il clima!". In questi giorni si tiene proprio a Parigi la riunione...

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri

Immagine | 29 gennaio, 2007 a 17:18

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri della Torre Effeil e stendono un enorme striscione con un messaggio sul cambiamento climatico: "Non è troppo tardi per salvare il clima!". In questi giorni si tiene proprio a Parigi la riunione...

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri

Immagine | 29 gennaio, 2007 a 17:17

Attivisti di Greenpeace scalano i 327 metri della Torre Effeil e stendono un enorme striscione con un messaggio sul cambiamento climatico: "Non è troppo tardi per salvare il clima!". In questi giorni si tiene proprio a Parigi la riunione...

Il clima cambia. E le assicurazioni tremano.

News | 19 gennaio, 2007 a 0:00

Inverno torrido al sud. Devastanti cicloni al nord. Europa e Stati Uniti accusano il colpo degli effetti del riscaldamento globale. E le assicurazioni registrano un aumento dei danni legati ai fenomeni climatici estremi. Il tema è più che attuale...

Una scomoda verità: il ritorno al carbone allontana l'Italia da Kyoto

Pubblicazione | 14 dicembre, 2006 a 0:00

In questo rapporto Greenpeace presenta alcune riflessioni sulle politiche per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra in Italia, strette nella contraddizione degli obiettivi di Kyoto e dell'espansione del consumo di carbone. Nello...

Galanzino è secondo anche in Sahara.

News | 4 novembre, 2006 a 0:00

La sfinge e le piramidi non portano fortuna a Francesco Galanzino che, dopo aver dominato la classifica generale nelle prime cinque giornate di gara, viene superato, proprio nell'ultima tappa, dal runner danese Jimmi Olsen. Francesco non ha...

391 - 400 di 426 risultati.

Categorie