Chi cambia il clima

Dopo aver abbattuto foreste, arato terreni, aperto canali e strade, costruito città, l’uomo è arrivato a uno stadio superiore di intervento sulla Terra: è diventato, per dirla con gli scienziati, un “agente di trasformazione planetaria”., «L’umanità rappresenta oggi una vera e propria forza geologica in continua e illimitata crescita», scriveva nel secolo scorso il geochimico russo Vladimir Vernadskij, padre dell’ecologia globale.

Se vogliamo individuare il momento in cui avviene il salto di qualità indicato da Vernadskij, non possiamo che guardare al Settecento, alle origini di quella Rivoluzione industriale che inaugura la stagione delle macchine a vapore e spinge la popolazione mondiale a una crescita senza precedenti – dagli 800 milioni circa di metà secolo ai 6 miliardi abbondanti del Duemila –, ma speriamo non illimitata. L’uomo – che ha già conquistato il Pianeta, almeno nella sua porzione abitabile, nei secoli precedenti – abbandona i mulini a vento e consolida la sua capacità d’intervento per mezzo della tecnologia industriale.

Mai prima d’ora l’azione dell’uomo ha inciso tanto sull’ambiente circostante, e mai questa azione è stata così forte e diversificata come adesso.
Vladimir Vernadskij

Il motore dell’industrializzazione è l’energia termica originata dalla combustione di carbone, petrolio, gas naturale: infatti è bruciando questi combustibili – che vengono chiamati “fossili” perché si sono formati per decomposizione di sostanze organiche vegetali o marine – che si muovono le macchine. Purtroppo, nel corso della combustione, queste fonti liberano il carbonio immagazzinato, restituendolo all’atmosfera sotto forma di anidride carbonica e di altri gas serra. Quello che millenni di evoluzione geologica avevano nascosto sotto la crosta del pianeta viene ora reinserito in circolazione. Andando ad alterare l’effetto serra naturale, e quindi il clima.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Inceneritori: 30.000 firme per dire no ai sussidi

News | 28 settembre, 2006 a 0:00

Si è tenuta oggi a Montecitorio una conferenza stampa sul tema dell'incenerimento dei rifiuti, presieduta da Greenpeace e dalla Rete Nazionale Rifiuti Zero, che hanno consegnato quasi 30.000 mila firme ai Presidenti di Camera e Senato per...

Fenomeno Galanzino. Non voleva forzare nel Gobi: è arrivato secondo.

News | 6 giugno, 2006 a 0:00

Aveva dichiarato di non voler forzare troppo. Aveva detto che il suo obiettivo era di arrivare in fondo alla prima della quattro competizioni che compongono lo slam della 4 deserti. E invece Francesco Galanzino - testimonial della campagna...

Francesco Galanzino e Greenpeace. Un milione di passi, un'impresa sportiva per il...

News | 16 maggio, 2006 a 19:16

Il vento tagliente del deserto dei Gobi. I laghi salati dell'Acatama. Le tempeste di sabbia del Sahara. Le temperature agghiaccianti del Polo Sud. Sono questi gli scenari con i quali dovrà confrontarsi, nei prossimi otto mesi, Francesco Galanzino...

L'effetto dell'aumento delle temperature

Immagine | 20 febbraio, 2006 a 16:56

L'effetto dell'aumento delle temperature sulla calotta polare... La foto fa parte della documentazione raccolta dall'Arctic Sunrise nel corso di un tour organizzato per studiare gli impatti e gli effetti del cambiamento climatico.

L'effetto dell'aumento delle temperature

Immagine | 20 febbraio, 2006 a 16:54

L'effetto dell'aumento delle temperature sulla calotta polare... La foto fa parte della documentazione raccolta dall'Arctic Sunrise nel corso di un tour organizzato per studiare gli impatti e gli effetti del cambiamento climatico.

L'effetto dell'aumento delle temperature

Immagine | 20 febbraio, 2006 a 16:52

L'effetto dell'aumento delle temperature sulla calotta polare... La foto fa parte della documentazione raccolta dall'Arctic Sunrise nel corso di un tour organizzato per studiare gli impatti e gli effetti del cambiamento climatico.

Iceberg nel fiordo di Scorosbysund

Immagine | 20 febbraio, 2006 a 16:30

Iceberg nel fiordo di Scorosbysund, lungo la costa orientale della Groenlandia. La foto fa parte della documentazione raccolta dall'Arctic Sunrise nel corso di un tour organizzato per studiare gli impatti e gli effetti del cambiamento climatico.

Iceberg nel fiordo di Scorosbysund

Immagine | 20 febbraio, 2006 a 16:26

Iceberg nel fiordo di Scorosbysund, lungo la costa orientale della Groenlandia. La foto fa parte della documentazione raccolta dall'Arctic Sunrise nel corso di un tour organizzato per studiare gli impatti e gli effetti del cambiamento climatico.

Iceberg nel fiordo di Scorosbysund

Immagine | 20 febbraio, 2006 a 16:24

Iceberg nel fiordo di Scorosbysund, lungo la costa orientale della Groenlandia. La foto fa parte della documentazione raccolta dall'Arctic Sunrise nel corso di un tour organizzato per studiare gli impatti e gli effetti del cambiamento climatico.

Iceberg nel fiordo di Scorosbysund

Immagine | 20 febbraio, 2006 a 16:15

Iceberg nel fiordo di Scorosbysund, lungo la costa orientale della Groenlandia. La foto fa parte della documentazione raccolta dall'Arctic Sunrise nel corso di un tour organizzato per studiare gli impatti e gli effetti del cambiamento climatico.

401 - 410 di 424 risultati.

Categorie