Chi cambia il clima

Dopo aver abbattuto foreste, arato terreni, aperto canali e strade, costruito città, l’uomo è arrivato a uno stadio superiore di intervento sulla Terra: è diventato, per dirla con gli scienziati, un “agente di trasformazione planetaria”., «L’umanità rappresenta oggi una vera e propria forza geologica in continua e illimitata crescita», scriveva nel secolo scorso il geochimico russo Vladimir Vernadskij, padre dell’ecologia globale.

Se vogliamo individuare il momento in cui avviene il salto di qualità indicato da Vernadskij, non possiamo che guardare al Settecento, alle origini di quella Rivoluzione industriale che inaugura la stagione delle macchine a vapore e spinge la popolazione mondiale a una crescita senza precedenti – dagli 800 milioni circa di metà secolo ai 6 miliardi abbondanti del Duemila –, ma speriamo non illimitata. L’uomo – che ha già conquistato il Pianeta, almeno nella sua porzione abitabile, nei secoli precedenti – abbandona i mulini a vento e consolida la sua capacità d’intervento per mezzo della tecnologia industriale.

Mai prima d’ora l’azione dell’uomo ha inciso tanto sull’ambiente circostante, e mai questa azione è stata così forte e diversificata come adesso.
Vladimir Vernadskij

Il motore dell’industrializzazione è l’energia termica originata dalla combustione di carbone, petrolio, gas naturale: infatti è bruciando questi combustibili – che vengono chiamati “fossili” perché si sono formati per decomposizione di sostanze organiche vegetali o marine – che si muovono le macchine. Purtroppo, nel corso della combustione, queste fonti liberano il carbonio immagazzinato, restituendolo all’atmosfera sotto forma di anidride carbonica e di altri gas serra. Quello che millenni di evoluzione geologica avevano nascosto sotto la crosta del pianeta viene ora reinserito in circolazione. Andando ad alterare l’effetto serra naturale, e quindi il clima.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Il video della Pedalata Polare a Roma

Video | 16 settembre, 2013 a 13:10

Questa mattina migliaia di persone in più di 110 città di 36 Paesi nel mondo sono salite in sella alla propria bicicletta per partecipare alla prima “Pedalata Polare” della storia. In Italia, migliaia di biciclette hanno percorso le strade di...

Pedalata Polare a Roma

Galleria di immagini | 15 settembre, 2013

Gli orsi polari di Greenpeace in azione alla raffineria di Shell in Danimarca

News | 28 agosto, 2013 a 17:21

Questa mattina attivisti di Greenpeace travestiti da orsi polari hanno fatto irruzione in una delle sei raffinerie di Shell in Europa a Fredericia, Danimarca, per protestare contro i piani dell’azienda di trivellare nell’Artico.

La nostra nave nell'Artico costretta ad abbandonare la rotta

News | 26 agosto, 2013 a 16:48

L’ Arctic Sunrise, la nostra nave rompighiaggio in missione nei mari artici contro le trivellazioni petrolifere, ha deciso di allontanarsi dalla Rotta del Mare del Nord (Northern Sea Route, NSR) sotto la minaccia della guardia costiera russa di...

Greenpeace contro le trivelle di Rosneft nell'Artico

Galleria di immagini | 14 agosto, 2013

Se l’Artico svanisse...

Blog di Cristiana De Lia, campaigner #SaveTheArctic | 9 agosto, 2013 1 commento

Una terra, in cima al mondo, lontana dagli occhi di tutti ma che, nella sua remota distanza svolge l’importante funzione di regolare il clima dell’intero pianeta. Il candido colore bianco del ghiaccio riflette i raggi del sole,...

Cosa ci fanno due orsi polari al mare?

Video | 25 luglio, 2013 a 15:26

Sulla spiaggia di Ostia, il lido di Roma, sono stati avvistati due orsi polari mentre sorseggiavano un cocktail denso, scuro e oleoso, denominato “arctic black”. I due animali, simbolo della campagna www.savethearctic.org di Greenpeace, lanciano...

Un orso polare al mare

Immagine | 25 luglio, 2013 a 12:29

Sulla spiaggia di Ostia, il lido di Roma, sono stati avvistati due orsi polari mentre sorseggiavano un cocktail denso, scuro e oleoso, denominato “arctic black”. I due animali, simbolo della campagna www.savethearctic.org di Greenpeace, lanciano...

Stop a uso del marchio Enel ma la campagna è legittima e continua.

News | 23 luglio, 2013 a 14:43

Oggi ci è stata recapitata l’ordinanza con cui il Tribunale di Milano censura l’uso dei marchi di Enel nella nostra campagna contro il carbone. Il Tribunale di Milano ha ritenuto di dover tutelare il valore economico del logo della multinazionale...

Enel, l'energia che contro-protesta (strombazzando)

Blog di Andrea Boraschi, campaigner Energia e Clima | 22 luglio, 2013

Era l'azienda a organizzare le manifestazioni "spontanee" dei suoi lavoratori contro Greenpeace. "È l'ottobre del 2008. Manca poco più di un mese all'inizio della Conferenza sui cambiamenti climatici organizzata dall'Onu a Poznan,...

41 - 50 di 434 risultati.

Categorie