Più di cento attivisti bloccano quattro centrali a carbone

Mentre i leader delle nazioni più ricche del Pianeta arrivano al summit del G8, oltre cento attivisti di Greenpeace da tutto il mondo hanno occupato quattro centrali elettriche a carbone sparse sul territorio italiano, chiedendo ai Capi di Stato del G8 di assumere un ruolo di leadership contro i cambiamenti climatici.

Dettagli video



Chi cambia il clima

Dopo aver abbattuto foreste, arato terreni, aperto canali e strade, costruito città, l’uomo è arrivato a uno stadio superiore di intervento sulla Terra: è diventato, per dirla con gli scienziati, un “agente di trasformazione planetaria”., «L’umanità rappresenta oggi una vera e propria forza geologica in continua e illimitata crescita», scriveva nel secolo scorso il geochimico russo Vladimir Vernadskij, padre dell’ecologia globale.

Se vogliamo individuare il momento in cui avviene il salto di qualità indicato da Vernadskij, non possiamo che guardare al Settecento, alle origini di quella Rivoluzione industriale che inaugura la stagione delle macchine a vapore e spinge la popolazione mondiale a una crescita senza precedenti – dagli 800 milioni circa di metà secolo ai 6 miliardi abbondanti del Duemila –, ma speriamo non illimitata. L’uomo – che ha già conquistato il Pianeta, almeno nella sua porzione abitabile, nei secoli precedenti – abbandona i mulini a vento e consolida la sua capacità d’intervento per mezzo della tecnologia industriale.

Mai prima d’ora l’azione dell’uomo ha inciso tanto sull’ambiente circostante, e mai questa azione è stata così forte e diversificata come adesso.
Vladimir Vernadskij

Il motore dell’industrializzazione è l’energia termica originata dalla combustione di carbone, petrolio, gas naturale: infatti è bruciando questi combustibili – che vengono chiamati “fossili” perché si sono formati per decomposizione di sostanze organiche vegetali o marine – che si muovono le macchine. Purtroppo, nel corso della combustione, queste fonti liberano il carbonio immagazzinato, restituendolo all’atmosfera sotto forma di anidride carbonica e di altri gas serra. Quello che millenni di evoluzione geologica avevano nascosto sotto la crosta del pianeta viene ora reinserito in circolazione. Andando ad alterare l’effetto serra naturale, e quindi il clima.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Greenpeace alla sbarra

Blog di Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace Italia | 19 aprile, 2013

Oggi a processo una trentina di attivisti per un’azione di protesta durata tre giorni presso la centrale di Porto Tolle, un mostro piantato nel mezzo del Delta del Po in una delle più importanti zone umide d’Europa. La protesta del...

Ce l’abbiamo fatta! #SaveTheArctic conquista il Polo Nord

News | 15 aprile, 2013 a 14:45

Il team Aurora ce l’ha fatta. Renny, Kiera, Josefina, Ezra, insieme alle guide polari, ai fotografi e ai tecnici informatici, hanno raggiunto il punto più a Nord del Pianeta. E hanno mantenuto la promessa: la Bandiera del Futuro e la capsula con...

Portando il Sole dalle Seychelles al Polo Nord

Blog di Renny Bijoux, in missione al Polo Nord | 12 aprile, 2013 1 commento

Sono Renny Bijoux e sono stato scelto tra milioni di persone per fare una di quelle cose che ti cambiano la vita: un’impegnativa ma allo stesso tempo divertente e spettacolare spedizione al Polo Nord. Non capita tutti i giorni che...

Greenpeace al Polo Nord

Galleria di immagini | 8 aprile, 2013

Enel vuole censurare la nostra protesta contro il carbone

Video | 3 aprile, 2013 a 12:56

Enel tenta di ridurci al silenzio attraverso le vie legali. Un'azienda ancor oggi largamente controllata dallo Stato non risponde alle contestazioni che Greenpeace le muove riguardo agli impatti sanitari, ambientali ed economici delle sue...

Enel vuole censurare la nostra protesta contro il carbone

News | 3 aprile, 2013 a 10:50

Enel tenta di ridurci al silenzio ancora una volta. Non risponde alle nostre contestazioni sugli impatti sanitari, ambientali ed economici delle sue centrali a carbone e cerca, invece, la strada delle aule di Tribunale, convinta di poterci...

In azione durante la visita di Obama in Israele

Immagine | 21 marzo, 2013 a 15:00

Questa mattina cinque attivisti di Greenpeace hanno scalato il noto ponte di Calatrava (L’Arpa) all’ingresso di Gerusalemme e hanno aperto uno striscione di 150 metri quadri con la scritta “Obama, ferma le trivellazioni nell’Artico” in inglese...

La bandiera del futuro sta arrivando nell’Artico

News | 15 marzo, 2013 a 11:04

Sette colombe colorate, un fiore rarissimo e una corona di foglie d’ulivo. È questa la bandiera disegnata da una tredicenne della Malesia, Sarah Bartrisyia, e selezionata da Vivienne Westwood, che pianteremo sui fondali del Polo Nord.

Greenpeace su piano Enel: fumata nera

Video | 13 marzo, 2013 a 15:43

Presentati oggi i risultati aziendali 2012 e il piano industriale 2013-2017 di ENEL: Greenpeace critica aspramente i dati che emergono riguardo alla produzione elettrica in Italia della multinazionale guidata da Fulvio Conti. La produzione di...

51 - 60 di 424 risultati.

Categorie