ENEL & carbone: un legame pericoloso

Se stai leggendo questa sezione è perché in Italia c’è chi ha un grande impatto sul clima, con le sue emissioni, ma rifiuta di prendersi carico delle proprie responsabilità. Questo qualcuno è l’ENEL, che invece di investire per far decollare le fonti rinnovabili preferisce usare ancora il carbone, la fonte energetica più nociva per il clima e la salute umana.

Il 72 per cento dell'elettricità prodotta in Italia con il carbone è fatta da ENEL; che con questo combustibile fossile produce il 41 per cento del prodotto nazionale. Greenpeace denuncia da anni questo stato delle cose, ancor più grave se si tiene conto che ENEL ha ancora oggi una forte partecipazione statale, che dovrebbe renderla partecipe dello sforzo di lotta al riscaldamento globale e di modernizzazione del settore energetico. A partire dal 2006, Greenpeace ha contrastato la scelta a favore del carbone dell’azienda elettrica, con azioni e campagne culminate – nel 2012 – nella campagna “Facciamo Luce Su ENEL”.

Con la campagna "Facciamo Luce Su ENEL" abbiamo reso pubblici gli impatti ambientali e sanitari e i costi scaricati su ambiente e cittadini del carbone utilizzato da ENEL per produrre energia elettrica.
Giuseppe Onufrio

Leggi il blog

Quest’ultima campagna, attraverso il meccanismo dell’indagine, ha messo sotto i riflettori ENEL, accumulando indizi a proposito del suo contributo all’aumento delle emissioni che stanno alterando il clima terrestre e dell’impatto sulla salute umana delle centrali a carbone di proprietà dell’azienda.

Dalla nostra indagine su ENEL è emerso che:

ENEL è il maggior emettitore in Italia di CO2: 36,8 milioni di tonnellate di CO2 emesse nel 2011 (4,6 in più rispetto alle quote assegnate all’azienda) e il quarto emettitore in Europa (78 milioni di tonnellate). ENEL, in Italia, emette una quantità di anidride carbonica pari alla somma delle emissioni attribuite al comparto dell’acciaio e del cemento, circa il 55 per cento in più di quanto attribuito ai grandi gruppi di raffinazione;

la produzione termoelettrica a carbone di ENEL è causa, in Italia, di una morte prematura al giorno e di danni al Paese (di natura sanitaria, ambientale ed economica) stimabili in circa 2 miliardi di euro l’anno; mentre in Europa quella stessa produzione causa quasi 1.100 casi di morti premature l’anno e danni per 4,3 miliardi di euro.

Questi, e altri indizi che potete approfondire attraverso i link alle pagine di questa sezione (colonna a destra), sono confluiti in un rinvio a giudizio dell’ENEL, che costituisce la base della nostra campagna.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Governo gattopardo, tutto come prima: si all'atomo, stop a rinnovabili

Comunicato stampa | 28 aprile, 2011 a 17:46

Dopo la bocciatura della bozza di decreto sulle rinnovabili venuta dalle Regioni, Greenpeace, all'approssimarsi della scadenza prevista per l'approvazione del nuovo Conto Energia, esprime forte preoccupazione per gli indirizzi del Governo in...

Greenpeace blocca in mare piattaforma petrolifera per proteggere l'Artico

Comunicato stampa | 22 aprile, 2011 a 13:30

Questa mattina all’alba attivisti di Greenpeace hanno bloccato in mare la piattaforma di esplorazione petrolifera Leiv Erikisson appena partita dal porto di Istanbul in Turchia con rotta per la Baia di Baffin in Groenlandia nel tentativo di...

Nuovo rapporto Greenpeace: Internet cresce alimentata da energia "sporca"

Comunicato stampa | 22 aprile, 2011 a 10:32

Greenpeace rende pubblici i risultati di uno studio che evidenzia la rapida crescita dell'impatto ambientale della Rete e analizza le scelte operate in materia di energia dai principali player dell'Information Technology (IT). Nonostante alcuni...

In un sito web i documenti "segreti" sulla Deepwater Horizon

Comunicato stampa | 19 aprile, 2011 a 18:25

A un anno dall'affondamento della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon nel Golfo del Messico, Greenpeace rivela la "storia segreta" dell'incidente, con i tentativi del Governo americano e della BP di ridimensionare la portata dell'incidente...

A un anno dal disastro, in un sito web i documenti “segreti” sulla Deepwater Horizon

Blog di Andrea Boraschi, campaigner Clima di Greenpeace | 19 aprile, 2011 1 commento

Agli inizi di aprile 2010, Barak Obama riavviava, dopo una lunga moratoria, il programma di esplorazioni petrolifere offshore negli USA. Un pedaggio, questo, pagato alle lobby del barile per far passare un “Climate Bill” che impegna...

246 - 250 di 294 risultati.

Categorie