Greenpeace al Polo Nord

Greenpeace diffonde le spettacolari immagini video provenienti dalla sua nave, Arctic Sunrise, in missione al Polo Nord per una spedizione scientifica di tre mesi. Lattuale ritmo di fusione del ghiaccio nellArtico ha raggiunto livelli senza precedenti. Dati scientifici, foto e video dimostrano la gravità e lurgenza della situazione collegata direttamente allinnalzamento della temperatura media globale.

Dettagli video



Gli impatti

Gli effetti dei cambiamenti climatici si stanno facendo sentire già oggi. Dagli Inuit nel polo Nord alle popolazioni che abitano le isole del Pacifico, molte persone stanno già subendo l’aumento delle temperature e milioni sono minacciate dalla fame, da malattie infettive, alluvioni e scarsità idrica. Mai prima d’ora l’umanità ha dovuto affrontare una crisi ambientale di questo tipo. L’Italia è uno dei Paesi europei più minacciati per il semplice motivo che la penisola si estende nel mezzo del Mediterraneo, un’area che sarà duramente colpita da fenomeni di desertificazione e scarsità idrica.

Nessuno è in grado di prevedere tutti gli effetti sul clima del riscaldamento globale. Quello che sappiamo è che sta già danneggiando persone ed ecosistemi. E che più la Terra si scalderà, maggiori saranno i cambiamenti climatici. Per questo, gli scienziati concordano sull’obiettivo di mantenere l’aumento delle temperature al di sotto dei 2 gradi centigradi.

Effetti probabili di un aumento delle temperature globali sotto i 2 gradi centigradi:

innalzamento del livello del mare a causa dello scioglimento dei ghiacciai e dell’espansione termica degli oceani;

rilasci massicci di gas a effetto serra dovuti allo scongelamento del permafrost e alla morte delle foreste;

alto rischio di eventi meteorologici estremi, come ondate di calore, siccità e alluvioni;

impatti gravi a livello regionale e locale: gli straripamenti dei fiumi aumenteranno in gran parte dell’Europa, mentre nelle aree costiere crescerà in modo sostanziale il rischio di inondazioni, erosione e perdita di zone umide;

perdita di biodiversità a seguito dell’estinzione di molte specie animali e vegetali;

i paesi in via di sviluppo in Africa, Asia e Pacifico subiranno gli impatti maggiori, essendo meno in grado di proteggersi dall’aumento del livello dei mari, dalla diffusione delle malattie e dal declino della produzione agricola.

Probabili effetti catastrofici a seguito dell’aumento oltre i 2 gradi centigradi:

scioglimento dei ghiacci in Groenlandia e Antartide con un aumento fino a sette metri del livello delle acque;

la Corrente del Golfo nell’Oceano Atlantico potrebbe rallentare, spostarsi o cessare di esistere, alterando il sistema circolatorio globale degli oceani e con effetti drammatici in Europa;

rilasci catastrofici di metano dagli oceani porterebbero al rapido aumento del metano nell’atmosfera e alla conseguente ulteriore crescita delle temperature.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Cartolina dal caos climatico a Palazzo Chigi

News | 6 dicembre, 2011 a 6:56

Mentre il Ministro dell’Ambiente sta arrivando a Durban per la conferenza Onu sul clima, una cartolina dal caos climatico formato 14x5 metri è stata piazzata dai nostri climber davanti a Palazzo Chigi. Una tragica foto dell’alluvione di Genova...

Protesta a Durban

Immagine | 5 dicembre, 2011 a 13:43

I nostri attivisti, insieme ad altre associazioni, hanno manifestato a Durban, in occasione della conferenza del Global Business Day. La protesta è contro le industrie del carbone che remano contro il raggiungimento di un accordo globale per...

No alle trivellazioni in Groenlandia

Immagine | 1 dicembre, 2011 a 15:28

Gli attivisti di Greenpeace hanno preparato uno speciale benvenuto per le compagnie petrolifere giunte a Copenhagen per l'incontro con BMP, l'organizzazione responsabile delle estrazioni in Groenlandia. Con un tappeto rosso sporco di petrolio e...

Cartoline dal caos climatico

News | 28 novembre, 2011 a 19:00

Anche il nostro ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, parteciperà ai negoziati sul clima di Durban. Le tragiche alluvioni a Genova, Roma e Messina sono chiari segnali che anche il nostro Paese è vittima dei cambiamenti climatici. Se vuoi che...

Inizia la Conferenza sui Cambiamenti Climatici

Immagine | 26 novembre, 2011 a 12:30

Attivisti di Greenpeace innalzano delle turbine eoliche sulla spiaggia di Durban, durante la giornata di apertura della conferenza dell'ONU sui cambiamenti climatici.

La lobby che tiene in ostaggio il clima

News | 23 novembre, 2011 a 15:19

Vi presentiamo i più potenti inquinatori del pianeta, un manipolo di grandi multinazionali che, oltre a contribuire al cambiamento climatico, fanno di tutto per bloccare quelle leggi che, in vari Paesi, cercano di diminuire le emissioni di gas...

Chi rema contro?

Pubblicazione | 23 novembre, 2011 a 12:19

Questo documento riassume i contenuti del rapporto di Greenpeace International "Who is holding us back?", lanciato pochi giorni prima l'inizio dei lavori della conferenza sul clima a Durban, in Sud Africa.

L'ex bassista dei Clash attivista di Greenpeace

News | 16 novembre, 2011 a 16:23

Si è imbarcato sulla nave di Greenpeace, Esperanza, spacciandosi per un semplice aiuto cuoco. Nessuno a bordo conosceva la sua vera identità…

Eco-guida ai prodotti elettronici. Hp in testa

News | 9 novembre, 2011 a 15:37

Pubblichiamo oggi la versione aggiornata della nostra Eco-guida ai prodotti elettronici. La grande novità è il sorpasso di HP che si piazza al primo posto davanti a Dell e Nokia e ottiene il miglior punteggio in termini di sostenibilità della sua...

Tutti in piazza contro il carbone

News | 29 ottobre, 2011 a 14:31

Ci raccontano che è pulito e conveniente, invece è una minaccia per la salute e per il clima. Oggi anche noi, insieme a tante altre associazioni, partecipiamo alla mobilitazione nazionale per fermare il carbone. In corso ad Adria, nel Polesine,...

151 - 160 di 244 risultati.

Categorie