Greenpeace al Polo Nord

Greenpeace diffonde le spettacolari immagini video provenienti dalla sua nave, Arctic Sunrise, in missione al Polo Nord per una spedizione scientifica di tre mesi. Lattuale ritmo di fusione del ghiaccio nellArtico ha raggiunto livelli senza precedenti. Dati scientifici, foto e video dimostrano la gravità e lurgenza della situazione collegata direttamente allinnalzamento della temperatura media globale.

Dettagli video



Gli impatti

Gli effetti dei cambiamenti climatici si stanno facendo sentire già oggi. Dagli Inuit nel polo Nord alle popolazioni che abitano le isole del Pacifico, molte persone stanno già subendo l’aumento delle temperature e milioni sono minacciate dalla fame, da malattie infettive, alluvioni e scarsità idrica. Mai prima d’ora l’umanità ha dovuto affrontare una crisi ambientale di questo tipo. L’Italia è uno dei Paesi europei più minacciati per il semplice motivo che la penisola si estende nel mezzo del Mediterraneo, un’area che sarà duramente colpita da fenomeni di desertificazione e scarsità idrica.

Nessuno è in grado di prevedere tutti gli effetti sul clima del riscaldamento globale. Quello che sappiamo è che sta già danneggiando persone ed ecosistemi. E che più la Terra si scalderà, maggiori saranno i cambiamenti climatici. Per questo, gli scienziati concordano sull’obiettivo di mantenere l’aumento delle temperature al di sotto dei 2 gradi centigradi.

Effetti probabili di un aumento delle temperature globali sotto i 2 gradi centigradi:

innalzamento del livello del mare a causa dello scioglimento dei ghiacciai e dell’espansione termica degli oceani;

rilasci massicci di gas a effetto serra dovuti allo scongelamento del permafrost e alla morte delle foreste;

alto rischio di eventi meteorologici estremi, come ondate di calore, siccità e alluvioni;

impatti gravi a livello regionale e locale: gli straripamenti dei fiumi aumenteranno in gran parte dell’Europa, mentre nelle aree costiere crescerà in modo sostanziale il rischio di inondazioni, erosione e perdita di zone umide;

perdita di biodiversità a seguito dell’estinzione di molte specie animali e vegetali;

i paesi in via di sviluppo in Africa, Asia e Pacifico subiranno gli impatti maggiori, essendo meno in grado di proteggersi dall’aumento del livello dei mari, dalla diffusione delle malattie e dal declino della produzione agricola.

Probabili effetti catastrofici a seguito dell’aumento oltre i 2 gradi centigradi:

scioglimento dei ghiacci in Groenlandia e Antartide con un aumento fino a sette metri del livello delle acque;

la Corrente del Golfo nell’Oceano Atlantico potrebbe rallentare, spostarsi o cessare di esistere, alterando il sistema circolatorio globale degli oceani e con effetti drammatici in Europa;

rilasci catastrofici di metano dagli oceani porterebbero al rapido aumento del metano nell’atmosfera e alla conseguente ulteriore crescita delle temperature.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Kumi Naidoo in azione nell'Artico

Video | 20 giugno, 2011 a 17:18

In questo video potete vedere Kumi Naidoo, Direttore Esecutivo di Greenpeace International, che scala la piattaforma petrolifera Leiv Eiriksson nell'Artico, a 150 km dalle coste della Groenlandia. Kumi Naidoo ha sfidato il gelo dei cannoni ad...

Kumi Naidoo scala la Leiv Eriksson. Arrestato!

News | 17 giugno, 2011 a 13:46

Kumi Naidoo, il direttore di Greenpeace International, è entrato in azione contro la piattaforma petrolifera Leiv Eriksson, della compagnia Cairn Energy, nell’Artico. Con una richiesta precisa: fermare immediatamente le operazioni di...

Kumi Naidoo in azione contro le trivellazioni nell'Artico

Immagine | 17 giugno, 2011 a 13:20

Il Direttore Esecutivo di Greenpeace International, Kumi Naidoo, ha violato stamattina la zona di esclusione stabilita dalle autorità danesi a protezione della piattaforma petrolifera Leiv Eriksson, attualmente operante a 120km dalla costa...

Ancora in azione nell'Artico

Galleria di immagini | 4 giugno, 2011

Obiettivo 30%: i falsi miti sulla riduzione della CO2 al 2020

Pubblicazione | 18 maggio, 2011 a 5:10

Chi si oppone all’innalzamento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra dal 20 al 30% al 2020, usa spesso argomenti catastrofici: “miti” che si possono smontare facilmente.

Imprese europee: obiettivo 30%

Pubblicazione | 18 maggio, 2011 a 5:00

Prezzi dei carburanti insostenibili, rischi energetici, cambiamenti climatici, contrazione delle risorse e una crescente concorrenza con le economie emergenti dimostrano che la formula “business as usual” non costituisce più un’opzione...

Nuovo rapporto IPCC: non c'è limite alle rinnovabili

News | 9 maggio, 2011 a 15:29

Buone notizie sul futuro dell’energia pulita: l’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite, ha approvato oggi ad Abu Dhabi il nuovo Special Report on...

Rapporto IPCC: demoliti i falsi miti sulle rinnovabili

Pubblicazione | 9 maggio, 2011 a 12:23

Le energie rinnovabili potrebbero soddisfare fino all’80% della domanda energetica mondiale entro il 2050, anche solo utilizzando il 2,5% del potenziale energetico disponibile e le tecnologie attualmente in uso.

Sulla rotta della Leiv Erikisson per proteggere l'Artico

News | 22 aprile, 2011 a 16:19

Abbiamo bloccato i piani della piattaforma di esplorazione petrolifera Leiv Erikisson, partita oggi dal porto di Instanbul e diretta alla Baia di Baffin in Groenlandia alla ricerca di petrolio. Alle prime luci dell'alba, un team internazionale di...

171 - 180 di 236 risultati.

Categorie