Greenpeace al Polo Nord

Greenpeace diffonde le spettacolari immagini video provenienti dalla sua nave, Arctic Sunrise, in missione al Polo Nord per una spedizione scientifica di tre mesi. Lattuale ritmo di fusione del ghiaccio nellArtico ha raggiunto livelli senza precedenti. Dati scientifici, foto e video dimostrano la gravità e lurgenza della situazione collegata direttamente allinnalzamento della temperatura media globale.

Dettagli video



Gli impatti

Gli effetti dei cambiamenti climatici si stanno facendo sentire già oggi. Dagli Inuit nel polo Nord alle popolazioni che abitano le isole del Pacifico, molte persone stanno già subendo l’aumento delle temperature e milioni sono minacciate dalla fame, da malattie infettive, alluvioni e scarsità idrica. Mai prima d’ora l’umanità ha dovuto affrontare una crisi ambientale di questo tipo. L’Italia è uno dei Paesi europei più minacciati per il semplice motivo che la penisola si estende nel mezzo del Mediterraneo, un’area che sarà duramente colpita da fenomeni di desertificazione e scarsità idrica.

Nessuno è in grado di prevedere tutti gli effetti sul clima del riscaldamento globale. Quello che sappiamo è che sta già danneggiando persone ed ecosistemi. E che più la Terra si scalderà, maggiori saranno i cambiamenti climatici. Per questo, gli scienziati concordano sull’obiettivo di mantenere l’aumento delle temperature al di sotto dei 2 gradi centigradi.

Effetti probabili di un aumento delle temperature globali sotto i 2 gradi centigradi:

innalzamento del livello del mare a causa dello scioglimento dei ghiacciai e dell’espansione termica degli oceani;

rilasci massicci di gas a effetto serra dovuti allo scongelamento del permafrost e alla morte delle foreste;

alto rischio di eventi meteorologici estremi, come ondate di calore, siccità e alluvioni;

impatti gravi a livello regionale e locale: gli straripamenti dei fiumi aumenteranno in gran parte dell’Europa, mentre nelle aree costiere crescerà in modo sostanziale il rischio di inondazioni, erosione e perdita di zone umide;

perdita di biodiversità a seguito dell’estinzione di molte specie animali e vegetali;

i paesi in via di sviluppo in Africa, Asia e Pacifico subiranno gli impatti maggiori, essendo meno in grado di proteggersi dall’aumento del livello dei mari, dalla diffusione delle malattie e dal declino della produzione agricola.

Probabili effetti catastrofici a seguito dell’aumento oltre i 2 gradi centigradi:

scioglimento dei ghiacci in Groenlandia e Antartide con un aumento fino a sette metri del livello delle acque;

la Corrente del Golfo nell’Oceano Atlantico potrebbe rallentare, spostarsi o cessare di esistere, alterando il sistema circolatorio globale degli oceani e con effetti drammatici in Europa;

rilasci catastrofici di metano dagli oceani porterebbero al rapido aumento del metano nell’atmosfera e alla conseguente ulteriore crescita delle temperature.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Greenpeace a Facebook: "Ci piaci verde"

Video | 13 aprile, 2011 a 16:01

Greenpeace rilancia oggi la sua sfida a Facebook "Unfriend coal": usare solo energia rinnovabile, senza nucleare e senza carbone, per il funzionamento dei suoi sistemi informatici. A Milano un gruppo di attivisti ha aperto in Piazza del Duomo uno...

Europa e nucleare: Green Exit Strategy

Pubblicazione | 24 marzo, 2011 a 16:08

Il popolo delle rinnovabili

Blog di Domenico Belli, campaigner Energia e Clima | 10 marzo, 2011 3 commenti

Una di quelle giornate che non dimentichi, i volti, la passione delle migliaia di persone accorse oggi al teatro Quirino di Roma. Tutti per gridare la loro rabbia verso un Governo che in un sol colpo ha ucciso le speranze in un'Italia...

Facebook, rimuovi il carbone dai tuoi amici

News | 3 marzo, 2011 a 13:05

Sapete come Facebook alimenterà il suo nuovo colossale data center in Oregon? A carbone! Con la nostra campagna virale Unfriend Coal vogliamo convincerli a cambiare strada: abbandonare le fonti fossili inquinanti e superate e scegliere una...

L'Arctic Sunrise a New York

Immagine | 3 febbraio, 2011 a 10:07

L'Arctic Sunrise è arrivata a New York, da dove inizierà il Coal Free Future tour. Durante il mese di febbraio, la nave di Greenpeace toccherà diversi punti della east coast americana portando un messaggio chiaro, "vogliamo un futuro libero dal...

L’Ue contro frodi e scorciatoie nel mercato delle emissioni

Blog di Greenpeace Italia | 24 gennaio, 2011 3 commenti

Il sistema di scambio dei crediti di emissione è un sistema tutto interno a una logica puramente finanziaria, quindi comprensibile per gli addetti ai lavori ma molto più ostico e complicato per noi comuni mortali… In pratica,...

SI CHIAMA EOLICO LA PRIMA VITTIMA DEL DECRETO SULLE RINNOVABILI

Blog di Greenpeace Italia | 18 gennaio, 2011 9 commenti

Come volevasi dimostrare! Che ci sarebbero stati degli effetti negativi lo avevamo previsto non solo noi di Greenpeace, ma che si arrivasse già ora a questo livello in pochi potevano pensarlo. È l’amaro commento sui dati relativi alla...

Una Spagna rinnovabile. E l'Italia?

Blog di Greenpeace Italia | 14 gennaio, 2011 2 commenti

In Italia, quando si parla di rinnovabili e sistema energetico la tendenza è dare per scontato un ruolo fortemente marginale di queste ultime rispetto al totale dell'energia elettrica consumata. Si tratta di un atteggiamento diffuso,...

SEGNALI DAL FUTURO

Blog di Greenpeace Italia | 5 gennaio, 2011 3 commenti

Come interpretare i dati relativi alle centrali a carbone che arrivano dagli Stati Uniti in questi giorni? I freddi numeri parlano molto chiaro: nessun nuovo cantiere di centrale a carbone aperto nel corso del 2010, 38 gli impianti la...

I simboli del mondo sommersi dall'acqua.

Immagine | 9 dicembre, 2010 a 17:19

La Torre Eiffel, le Piramidi, la Statua della Libertà, sono solo alcuni dei simboli del mondo che Greenpeace ha utilizzato per la sua spettacolare protesta a Cancun, dove si svolge il vertice sul clima delle Nazioni Unite.

181 - 190 di 234 risultati.

Categorie