Greenpeace al Polo Nord

Greenpeace diffonde le spettacolari immagini video provenienti dalla sua nave, Arctic Sunrise, in missione al Polo Nord per una spedizione scientifica di tre mesi. Lattuale ritmo di fusione del ghiaccio nellArtico ha raggiunto livelli senza precedenti. Dati scientifici, foto e video dimostrano la gravità e lurgenza della situazione collegata direttamente allinnalzamento della temperatura media globale.

Dettagli video



Gli impatti

Gli effetti dei cambiamenti climatici si stanno facendo sentire già oggi. Dagli Inuit nel polo Nord alle popolazioni che abitano le isole del Pacifico, molte persone stanno già subendo l’aumento delle temperature e milioni sono minacciate dalla fame, da malattie infettive, alluvioni e scarsità idrica. Mai prima d’ora l’umanità ha dovuto affrontare una crisi ambientale di questo tipo. L’Italia è uno dei Paesi europei più minacciati per il semplice motivo che la penisola si estende nel mezzo del Mediterraneo, un’area che sarà duramente colpita da fenomeni di desertificazione e scarsità idrica.

Nessuno è in grado di prevedere tutti gli effetti sul clima del riscaldamento globale. Quello che sappiamo è che sta già danneggiando persone ed ecosistemi. E che più la Terra si scalderà, maggiori saranno i cambiamenti climatici. Per questo, gli scienziati concordano sull’obiettivo di mantenere l’aumento delle temperature al di sotto dei 2 gradi centigradi.

Effetti probabili di un aumento delle temperature globali sotto i 2 gradi centigradi:

innalzamento del livello del mare a causa dello scioglimento dei ghiacciai e dell’espansione termica degli oceani;

rilasci massicci di gas a effetto serra dovuti allo scongelamento del permafrost e alla morte delle foreste;

alto rischio di eventi meteorologici estremi, come ondate di calore, siccità e alluvioni;

impatti gravi a livello regionale e locale: gli straripamenti dei fiumi aumenteranno in gran parte dell’Europa, mentre nelle aree costiere crescerà in modo sostanziale il rischio di inondazioni, erosione e perdita di zone umide;

perdita di biodiversità a seguito dell’estinzione di molte specie animali e vegetali;

i paesi in via di sviluppo in Africa, Asia e Pacifico subiranno gli impatti maggiori, essendo meno in grado di proteggersi dall’aumento del livello dei mari, dalla diffusione delle malattie e dal declino della produzione agricola.

Probabili effetti catastrofici a seguito dell’aumento oltre i 2 gradi centigradi:

scioglimento dei ghiacci in Groenlandia e Antartide con un aumento fino a sette metri del livello delle acque;

la Corrente del Golfo nell’Oceano Atlantico potrebbe rallentare, spostarsi o cessare di esistere, alterando il sistema circolatorio globale degli oceani e con effetti drammatici in Europa;

rilasci catastrofici di metano dagli oceani porterebbero al rapido aumento del metano nell’atmosfera e alla conseguente ulteriore crescita delle temperature.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Polo Nord. Moratoria subito!

News | 13 luglio, 2010 a 0:00

International — Si conclude oggi la spedizione "Arctic Under Pressure". In due mesi di navigazione tra i ghiacci artici, a bordo della nostra nave Esperanza, abbiamo documentato con immagini uniche un ambiente polare ancora selvaggio e...

EU Energy [R]evolution - sintesi in italiano

Pubblicazione | 8 luglio, 2010 a 0:00

Il rapporto EU Energy [R]evolution mostra come sia possibile un taglio del 95% delle emissioni di CO2 al 2050, obiettivo richiesto dalla comunità scientifica per evitare i peggiori impatti dei cambiamenti climatici. Lo scenario elimina il ricorso...

Per l'Europa un futuro 100% rinnovabile

News | 8 luglio, 2010 a 0:00

Bruxelles, International — Il nostro studio "Energy [R]evolution" mostra come le energie verdi possono aiutare l'Europa a guadagnare competitività nella sfida tecnologica globale, tagliando, allo stesso tempo, i crescenti costi dell'energia,...

Di corsa per salvare il pianeta

Galleria di immagini | 25 giugno, 2010

Arctic Under Pressure

Galleria di immagini | 17 giugno, 2010

Ti sei mai chiesto perchè se ne vanno sempre?

Video | 9 febbraio, 2010 a 15:16

Dopo il fallimento del vertice sui cambiamenti climatici di Copenhagen, Greenpeace lancia un nuovo spot per ricordare che il nostro pianeta sta diventando invivibile.

Change the future

Video | 14 gennaio, 2010 a 15:27

6.5 miliardi di persone subiranno gli effetti dei cambiamenti climatici. Una di queste sarai. Non possiamo permettere ai nostri leader di compromettere il futuro del nostro pianeta. Possiamo fermare i cambiamenti climatici. Possiamo scegliere.

Chi sono i leader e chi i looser?

Blog di Alessandro Gianni | 19 dicembre, 2009 2 commenti

Giannì all'aeroporto di Copenhagen e uno dei looser alle sue spalle Sto lasciando la scena del crimine. Sono all'aeroporto di Copenhagen. Ancora, neanche si capisce se il Summit è finito, e come. Quel che è chiaro, è che un crimine...

0-0 palla al centro

Blog di Gabriele Salari | 19 dicembre, 2009

È finita come poteva, come doveva. Mi sembra dica così una canzone d'amore e così la nostra appassionata ricerca di un tentativo di salvare la Terra dal cambiamento climatico. Pochi soldi, forse. Nessun taglio certo alle emissioni,...

La Bella addormentata, On. Prestigiacomo

Blog di Alessandro Gianni | 18 dicembre, 2009 1 commento

La novità del giorno è che la ministra Prestigiacomo è dispiaciuta. Vuol dire che la Bella Addormentata (vedi questione Rifiuti Elettronici ) si è svegliata. É dispiaciuta perchè Greenpeace accusa l'Italia (notizia confermata da più...

201 - 210 di 240 risultati.

Categorie