Gli impatti

Gli effetti dei cambiamenti climatici si stanno facendo sentire già oggi. Dagli Inuit nel polo Nord alle popolazioni che abitano le isole del Pacifico, molte persone stanno già subendo l’aumento delle temperature e milioni sono minacciate dalla fame, da malattie infettive, alluvioni e scarsità idrica. Mai prima d’ora l’umanità ha dovuto affrontare una crisi ambientale di questo tipo. L’Italia è uno dei Paesi europei più minacciati per il semplice motivo che la penisola si estende nel mezzo del Mediterraneo, un’area che sarà duramente colpita da fenomeni di desertificazione e scarsità idrica.

Nessuno è in grado di prevedere tutti gli effetti sul clima del riscaldamento globale. Quello che sappiamo è che sta già danneggiando persone ed ecosistemi. E che più la Terra si scalderà, maggiori saranno i cambiamenti climatici. Per questo, gli scienziati concordano sull’obiettivo di mantenere l’aumento delle temperature al di sotto dei 2 gradi centigradi.

Effetti probabili di un aumento delle temperature globali sotto i 2 gradi centigradi:

innalzamento del livello del mare a causa dello scioglimento dei ghiacciai e dell’espansione termica degli oceani;

rilasci massicci di gas a effetto serra dovuti allo scongelamento del permafrost e alla morte delle foreste;

alto rischio di eventi meteorologici estremi, come ondate di calore, siccità e alluvioni;

impatti gravi a livello regionale e locale: gli straripamenti dei fiumi aumenteranno in gran parte dell’Europa, mentre nelle aree costiere crescerà in modo sostanziale il rischio di inondazioni, erosione e perdita di zone umide;

perdita di biodiversità a seguito dell’estinzione di molte specie animali e vegetali;

i paesi in via di sviluppo in Africa, Asia e Pacifico subiranno gli impatti maggiori, essendo meno in grado di proteggersi dall’aumento del livello dei mari, dalla diffusione delle malattie e dal declino della produzione agricola.

Probabili effetti catastrofici a seguito dell’aumento oltre i 2 gradi centigradi:

scioglimento dei ghiacci in Groenlandia e Antartide con un aumento fino a sette metri del livello delle acque;

la Corrente del Golfo nell’Oceano Atlantico potrebbe rallentare, spostarsi o cessare di esistere, alterando il sistema circolatorio globale degli oceani e con effetti drammatici in Europa;

rilasci catastrofici di metano dagli oceani porterebbero al rapido aumento del metano nell’atmosfera e alla conseguente ulteriore crescita delle temperature.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Non vedo, non sento, non parlo

Blog di Alessandro Gianni | 16 dicembre, 2009

Quando uno è stanco e ha freddo, di solito va a un bar. Per un caffé o, da queste parti, una birra. Visto che tra un pò ho un appuntamento alla stazione, sono entrato a cercare caldo e sollievo (cibo per la mente, non ho fame) in...

Fuori dall'aeroporto, attendendo il bus

Blog di Alessandro Gianni | 15 dicembre, 2009

Pare che i dintorni di Copenhagen "puzzino di vertice", se mi passate l'espressione. Sul volo per Copenhagen, ci distribuiscono un foglione informativo (?) sulle promesse delle compagnie aeree che, da belle addormentate che sono state...

La lezione di Al

Blog di Gabriele Salari | 15 dicembre, 2009

Avevo voglia di andare al cinema ieri sera e, uscito dal Bella Center, sono andato all’ Istituto del cinema danese (il tempio di Lars Von Trier) a Norrebro, ma c’era una fila enorme e non proiettavano nessun film della rassegna di...

Climate kitchen

Blog di Gabriele Salari | 11 dicembre, 2009 1 commento

Oggi è una giornata particolare alla Conferenza, si attende la grande manifestazione che partirà domani alle 12 di fronte al Parlamento danese, si parla degli attivisti arrestati oggi in città (ho visto poliziotti ovunque, in barca nei...

Diario di una mamma che lavora a Greenpeace

Blog di Vittoria | 11 dicembre, 2009

Notte prima dell’azione di Greenpeace, notte movimentata di una mamma che lavora nell’associazione come addetta stampa. Le bimbe si svegliano diverse volte. Maya, la più grande, tre anni,  mi chiama piangendo “Mamma, ho sognato che...

Sul Colosseo per un accordo storico

Video | 9 dicembre, 2009 a 15:32

Gli attivisti di Greenpeace sono saliti sul Colosseo per chiedere che a Copenhagen venga raggiunto un accordo storico. Si tratta di otto climbers di cui due donne. Hanno aperto uno striscione di 300 metri quadrati con scritto COPENHAGEN: ACCORDO...

Un vero leader non si scioglie mai

Video | 3 dicembre, 2009 a 15:39

Greenpeace ha posizionato una statua di ghiaccio raffigurante il Presidente del Consiglio al fianco delle statue dei grandi imperatori del passato nei Fori Imperiali a Roma. Si tratta di un omaggio a Silvio Berlusconi, per la decisione di...

Energy Revolution Italia

Pubblicazione | 3 dicembre, 2009 a 0:00

Questo rapporto è la prima versione italiana dello scenario di Greenpeace sul futuro energetico del Pianeta, specificamente dedicato al nostro Paese. Il rapporto descrive un percorso che trasforma l'attuale modello energetico in un sistema...

I am because you are

Blog di sabrina | 24 novembre, 2009

Riportiamo la traduzione del primo post del nuovo Direttore Esecutivo di Greenpeace International, Kumi Naidoo. Sul blog di Greenpeace International potete leggere il post in lingua originale . In diverse lingue africane abbiamo...

Greenpeace al Polo Nord

Video | 30 luglio, 2009 a 16:55

Greenpeace diffonde le spettacolari immagini video provenienti dalla sua nave, Arctic Sunrise, in missione al Polo Nord per una spedizione scientifica di tre mesi. Lattuale ritmo di fusione del ghiaccio nellArtico ha raggiunto livelli senza...

221 - 230 di 244 risultati.

Categorie