Gli impatti

Gli effetti dei cambiamenti climatici si stanno facendo sentire già oggi. Dagli Inuit nel polo Nord alle popolazioni che abitano le isole del Pacifico, molte persone stanno già subendo l’aumento delle temperature e milioni sono minacciate dalla fame, da malattie infettive, alluvioni e scarsità idrica. Mai prima d’ora l’umanità ha dovuto affrontare una crisi ambientale di questo tipo. L’Italia è uno dei Paesi europei più minacciati per il semplice motivo che la penisola si estende nel mezzo del Mediterraneo, un’area che sarà duramente colpita da fenomeni di desertificazione e scarsità idrica.

Nessuno è in grado di prevedere tutti gli effetti sul clima del riscaldamento globale. Quello che sappiamo è che sta già danneggiando persone ed ecosistemi. E che più la Terra si scalderà, maggiori saranno i cambiamenti climatici. Per questo, gli scienziati concordano sull’obiettivo di mantenere l’aumento delle temperature al di sotto dei 2 gradi centigradi.

Effetti probabili di un aumento delle temperature globali sotto i 2 gradi centigradi:

innalzamento del livello del mare a causa dello scioglimento dei ghiacciai e dell’espansione termica degli oceani;

rilasci massicci di gas a effetto serra dovuti allo scongelamento del permafrost e alla morte delle foreste;

alto rischio di eventi meteorologici estremi, come ondate di calore, siccità e alluvioni;

impatti gravi a livello regionale e locale: gli straripamenti dei fiumi aumenteranno in gran parte dell’Europa, mentre nelle aree costiere crescerà in modo sostanziale il rischio di inondazioni, erosione e perdita di zone umide;

perdita di biodiversità a seguito dell’estinzione di molte specie animali e vegetali;

i paesi in via di sviluppo in Africa, Asia e Pacifico subiranno gli impatti maggiori, essendo meno in grado di proteggersi dall’aumento del livello dei mari, dalla diffusione delle malattie e dal declino della produzione agricola.

Probabili effetti catastrofici a seguito dell’aumento oltre i 2 gradi centigradi:

scioglimento dei ghiacci in Groenlandia e Antartide con un aumento fino a sette metri del livello delle acque;

la Corrente del Golfo nell’Oceano Atlantico potrebbe rallentare, spostarsi o cessare di esistere, alterando il sistema circolatorio globale degli oceani e con effetti drammatici in Europa;

rilasci catastrofici di metano dagli oceani porterebbero al rapido aumento del metano nell’atmosfera e alla conseguente ulteriore crescita delle temperature.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Energy Revolution Italia

Pubblicazione | 3 dicembre, 2009 a 0:00

Questo rapporto è la prima versione italiana dello scenario di Greenpeace sul futuro energetico del Pianeta, specificamente dedicato al nostro Paese. Il rapporto descrive un percorso che trasforma l'attuale modello energetico in un sistema...

I am because you are

Blog di sabrina | 24 novembre, 2009

Riportiamo la traduzione del primo post del nuovo Direttore Esecutivo di Greenpeace International, Kumi Naidoo. Sul blog di Greenpeace International potete leggere il post in lingua originale . In diverse lingue africane abbiamo...

Greenpeace al Polo Nord

Video | 30 luglio, 2009 a 16:55

Greenpeace diffonde le spettacolari immagini video provenienti dalla sua nave, Arctic Sunrise, in missione al Polo Nord per una spedizione scientifica di tre mesi. Lattuale ritmo di fusione del ghiaccio nellArtico ha raggiunto livelli senza...

Greenpeace: Il G8 ha fallito!

Video | 10 luglio, 2009 a 17:17

Il G8 ha fallito! I grandi della terra non hanno raggiunto un accordo soddisfacente sul clima. I leader agiscono i politici chiacchierano!

Greenpeace a Venezia un messaggio al G8

Video | 10 luglio, 2009 a 17:13

Greenpeace in azione a Venezia manda un messaaggio al G8 perchè prenda seri impegni per contrastare i cambiamenti climatici.

IL FALLIMENTO SUL CLIMA È COLPA DEI PAESI DEL G8

News | 9 luglio, 2009 a 0:00

La speranza di significativi progressi sul clima al MEF (Major Economies Forum) è stata affondata ieri, all'Aquila, per l’assenza di leadership mostrata dai capi di governo del G8. L’onere di prendere le prime decisioni per far progredire i...

Più di cento attivisti bloccano quattro centrali

Video | 8 luglio, 2009 a 17:09

Mentre i leader delle nazioni più ricche del Pianeta arrivano al summit del G8, oltre cento attivisti di Greenpeace da tutto il mondo hanno occupato quattro centrali elettriche a carbone sparse sul territorio italiano, chiedendo ai Capi di Stato...

G8 INCAPACE DI AGIRE. IL CAOS CLIMATICO SI AVVICINA

News | 8 luglio, 2009 a 0:00

08.07.09. “I leader agiscono e i politici parlano. Incapaci ad agire in modo deciso contro i cambiamenti climatici, i leader delle nazioni più ricche del pianeta hanno fallito, e portato tutti noi verso il fallimento”. È questo il commento di...

G8 INCAPACE DI AGIRE. IL CAOS CLIMATICO SI AVVICINA

News | 8 luglio, 2009 a 0:00

08.07.09. “I leader agiscono e i politici parlano. Incapaci ad agire in modo deciso contro i cambiamenti climatici, i leader delle nazioni più ricche del pianeta hanno fallito, e portato tutti noi verso il fallimento”. È questo il commento di...

Greenpeace un dono per l'Abruzzo

Video | 7 luglio, 2009 a 17:22

Abbiamo donato un impianto fotovoltaico da 5,2 kW al comune di Pizzoli, paese terremotato dellaquilano. È stato realizzato in circa un mese. Un piccolo gesto di solidarietà, finanziato con le nostre risorse, per lanciare un messaggio a favore di...

221 - 230 di 237 risultati.

Categorie