Gli impatti

Gli effetti dei cambiamenti climatici si stanno facendo sentire già oggi. Dagli Inuit nel polo Nord alle popolazioni che abitano le isole del Pacifico, molte persone stanno già subendo l’aumento delle temperature e milioni sono minacciate dalla fame, da malattie infettive, alluvioni e scarsità idrica. Mai prima d’ora l’umanità ha dovuto affrontare una crisi ambientale di questo tipo. L’Italia è uno dei Paesi europei più minacciati per il semplice motivo che la penisola si estende nel mezzo del Mediterraneo, un’area che sarà duramente colpita da fenomeni di desertificazione e scarsità idrica.

Nessuno è in grado di prevedere tutti gli effetti sul clima del riscaldamento globale. Quello che sappiamo è che sta già danneggiando persone ed ecosistemi. E che più la Terra si scalderà, maggiori saranno i cambiamenti climatici. Per questo, gli scienziati concordano sull’obiettivo di mantenere l’aumento delle temperature al di sotto dei 2 gradi centigradi.

Effetti probabili di un aumento delle temperature globali sotto i 2 gradi centigradi:

innalzamento del livello del mare a causa dello scioglimento dei ghiacciai e dell’espansione termica degli oceani;

rilasci massicci di gas a effetto serra dovuti allo scongelamento del permafrost e alla morte delle foreste;

alto rischio di eventi meteorologici estremi, come ondate di calore, siccità e alluvioni;

impatti gravi a livello regionale e locale: gli straripamenti dei fiumi aumenteranno in gran parte dell’Europa, mentre nelle aree costiere crescerà in modo sostanziale il rischio di inondazioni, erosione e perdita di zone umide;

perdita di biodiversità a seguito dell’estinzione di molte specie animali e vegetali;

i paesi in via di sviluppo in Africa, Asia e Pacifico subiranno gli impatti maggiori, essendo meno in grado di proteggersi dall’aumento del livello dei mari, dalla diffusione delle malattie e dal declino della produzione agricola.

Probabili effetti catastrofici a seguito dell’aumento oltre i 2 gradi centigradi:

scioglimento dei ghiacci in Groenlandia e Antartide con un aumento fino a sette metri del livello delle acque;

la Corrente del Golfo nell’Oceano Atlantico potrebbe rallentare, spostarsi o cessare di esistere, alterando il sistema circolatorio globale degli oceani e con effetti drammatici in Europa;

rilasci catastrofici di metano dagli oceani porterebbero al rapido aumento del metano nell’atmosfera e alla conseguente ulteriore crescita delle temperature.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Fuori dall’Era del Carbone #endcoal

News | 28 giugno, 2013 a 10:06

Alla vigilia della prima Giornata internazionale di mobilitazione contro il carbone, trenta dei nostri attivisti hanno protestato pacificamente aprendo in mare, di fronte alla centrale Enel di Civitavecchia, uno striscione galleggiante di 1.500...

Arriva la Quinta Stagione

Blog di Gabriele Salari, ufficio stampa | 27 giugno, 2013 1 commento

Dopo aver mietuto premi in numerosi festival internazionali di cinema, arriva oggi nelle sale “La Quinta Stagione”, un film indipendente che non è solo magnetico e pieno di suggestioni visive come dicono i critici. È un concentrato di...

In Europa il carbone fa due morti all’ora

News | 12 giugno, 2013 a 12:34

Il fumo che esce dalle ciminiere delle centrali elettriche a carbone, in Europa, uccide più di due persone all’ora. È questo il dato più allarmante del nostro nuovo rapporto “Silent Killers”.

Killer silenziosi

Pubblicazione | 12 giugno, 2013 a 12:06

Le centrali a carbone sono killer silenziosi. Distribuite in tutta Europa, emettono milioni di tonnellate di gas tossici e polveri. I prodotti di queste emissioni penetrano nei polmoni e nel sangue delle persone e concorrono all’insorgenza (o ne...

Il corto “Uno al giorno” a tutti i parlamentari

News | 29 maggio, 2013 a 11:07

Oggi abbiamo recapitato una copia del corto “Uno al giorno” - che Enel vuole censurare - a tutti i parlamentari. Per aver mostrato cosa vuol dire produrre elettricità col carbone, sono indagati il regista Mimmo Calopresti e lo sceneggiatore...

Greenpeace vs Enel. In tribunale vinciamo ancora noi!

Blog di Giuseppe Onufrio, Direttore esecutivo | 8 maggio, 2013 3 commenti

Abbiamo vinto ancora contro Enel: anche il Tribunale di Milano, dopo quello di Roma lo scorso anno, ha rigettato un ricorso ENEL contro la campagna di Greenpeace. L’uso del logo dell’azienda in campagne di sensibilizzazione che hanno...

Porto Tolle: analisi comparativa dell’impatto sanitario

Pubblicazione | 30 aprile, 2013 a 9:14

Il ministero dell'Ambiente ha riaperto il 30 novembre scorso la procedura di Valutazione d'impatto ambientale per la conversione a carbone della centrale ENEL di Porto Tolle. Greenpeace rende noti i risultati di un'analisi dell'impatto sanitario...

Greenpeace alla sbarra

Blog di Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace Italia | 19 aprile, 2013

Oggi a processo una trentina di attivisti per un’azione di protesta durata tre giorni presso la centrale di Porto Tolle, un mostro piantato nel mezzo del Delta del Po in una delle più importanti zone umide d’Europa. La protesta del...

Ce l’abbiamo fatta! #SaveTheArctic conquista il Polo Nord

News | 15 aprile, 2013 a 14:45

Il team Aurora ce l’ha fatta. Renny, Kiera, Josefina, Ezra, insieme alle guide polari, ai fotografi e ai tecnici informatici, hanno raggiunto il punto più a Nord del Pianeta. E hanno mantenuto la promessa: la Bandiera del Futuro e la capsula con...

51 - 60 di 241 risultati.

Categorie