Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Greenpeace al Polo Nord

Greenpeace diffonde le spettacolari immagini video provenienti dalla sua nave, Arctic Sunrise, in missione al Polo Nord per una spedizione scientifica di tre mesi. Lattuale ritmo di fusione del ghiaccio nellArtico ha raggiunto livelli senza precedenti. Dati scientifici, foto e video dimostrano la gravità e lurgenza della situazione collegata direttamente allinnalzamento della temperatura media globale.

Dettagli video



Gli impatti

Gli effetti dei cambiamenti climatici si stanno facendo sentire già oggi. Dagli Inuit nel polo Nord alle popolazioni che abitano le isole del Pacifico, molte persone stanno già subendo l’aumento delle temperature e milioni sono minacciate dalla fame, da malattie infettive, alluvioni e scarsità idrica. Mai prima d’ora l’umanità ha dovuto affrontare una crisi ambientale di questo tipo. L’Italia è uno dei Paesi europei più minacciati per il semplice motivo che la penisola si estende nel mezzo del Mediterraneo, un’area che sarà duramente colpita da fenomeni di desertificazione e scarsità idrica.

Nessuno è in grado di prevedere tutti gli effetti sul clima del riscaldamento globale. Quello che sappiamo è che sta già danneggiando persone ed ecosistemi. E che più la Terra si scalderà, maggiori saranno i cambiamenti climatici. Per questo, gli scienziati concordano sull’obiettivo di mantenere l’aumento delle temperature al di sotto dei 2 gradi centigradi.

Effetti probabili di un aumento delle temperature globali sotto i 2 gradi centigradi:

innalzamento del livello del mare a causa dello scioglimento dei ghiacciai e dell’espansione termica degli oceani;

rilasci massicci di gas a effetto serra dovuti allo scongelamento del permafrost e alla morte delle foreste;

alto rischio di eventi meteorologici estremi, come ondate di calore, siccità e alluvioni;

impatti gravi a livello regionale e locale: gli straripamenti dei fiumi aumenteranno in gran parte dell’Europa, mentre nelle aree costiere crescerà in modo sostanziale il rischio di inondazioni, erosione e perdita di zone umide;

perdita di biodiversità a seguito dell’estinzione di molte specie animali e vegetali;

i paesi in via di sviluppo in Africa, Asia e Pacifico subiranno gli impatti maggiori, essendo meno in grado di proteggersi dall’aumento del livello dei mari, dalla diffusione delle malattie e dal declino della produzione agricola.

Probabili effetti catastrofici a seguito dell’aumento oltre i 2 gradi centigradi:

scioglimento dei ghiacci in Groenlandia e Antartide con un aumento fino a sette metri del livello delle acque;

la Corrente del Golfo nell’Oceano Atlantico potrebbe rallentare, spostarsi o cessare di esistere, alterando il sistema circolatorio globale degli oceani e con effetti drammatici in Europa;

rilasci catastrofici di metano dagli oceani porterebbero al rapido aumento del metano nell’atmosfera e alla conseguente ulteriore crescita delle temperature.

Gli ultimi aggiornamenti

 

La Barriera Corallina è in pericolo!

News | 20 aprile, 2016 a 12:30

Uno sbiancamento senza precedenti a causa del cambiamento climatico

In azione davanti all'Altare della Patria

Galleria di immagini | 24 febbraio, 2016

Disastro ambientale: fuga di gas a Los Angeles, dichiarato lo stato di emergenza

News | 8 gennaio, 2016 a 13:13

In un sobborgo di Los Angeles, una minaccia invisibile non si arresta da mesi

Un orso polare a Roma

Video | 10 dicembre, 2015 a 12:09

Un grande orso bianco è apparso ieri in diversi luoghi di Roma, dal Gianicolo al Colosseo, da Trastevere al Vaticano, per sensibilizzare gli italiani sui rischi causati dai cambiamenti climatici. L’iniziativa di Greenpeace è stata realizzata in...

In azione agli stabilimenti Volkswagen

Immagine | 9 novembre, 2015 a 17:20

Attivisti in azione allo stabilimento Volkswagen di Wolfsburg. Greenpeace chiede che i test sulle emissioni siano totalmente indipendenti, trasparenti e che riflettano le vere condizioni di guida delle automobili nella vita reale.

Apriamo gli occhi, il futuro è rinnovabile. E dipende da noi.

Blog di Luca Iacoboni - Campagna energia e clima | 21 settembre, 2015

Chiudete gli occhi. Immaginate un mondo in cui le centrali a carbone smettono di sputare fumi nocivi dalle loro ciminiere, sostituite da pale eoliche che producono energia grazie al vento . Un mondo in cui di trivelle, in mare e a...

Salviamo il turismo italiano dal petrolio

Video | 23 luglio, 2015 a 19:00

Oggi un gruppo di attivisti di Greenpeace ha protestato pacificamente davanti alla piattaforma petrolifera offshore Sarago Mare A, gestita dalla Edison e posizionata a soli tre chilometri dalla costa di Civitanova Marche. La protesta di...

Laudato si', l’enciclica che aiuta a contrastare i cambiamenti climatici

News | 18 giugno, 2015 a 17:21

L’intervento di Papa Francesco nella battaglia comune dell’umanità per difendere il Pianeta.

Chiediamo un futuro "100% rinnovabile"!

News | 8 giugno, 2015 a 11:00

Ecco il messaggio per i leader del G7 che abbiamo proiettato sul monte Zugspitz, proprio vicino al luogo del summit.

Smoke and Mirrors - I più grandi inquinatori d’Europa si dettano le regole

Pubblicazione | 12 marzo, 2015 a 11:28

L’Unione Europea è impegnata in un processo di aggiornamento dei limiti di emissione delle centrali a carbone negli stati membri. Un’indagine di Greenpeace svela come l’intero processo di aggiornamento di questi limiti sia finito nelle mani...

1 - 10 di 262 risultati.

Categorie