Gli impatti

Gli effetti dei cambiamenti climatici si stanno facendo sentire già oggi. Dagli Inuit nel polo Nord alle popolazioni che abitano le isole del Pacifico, molte persone stanno già subendo l’aumento delle temperature e milioni sono minacciate dalla fame, da malattie infettive, alluvioni e scarsità idrica. Mai prima d’ora l’umanità ha dovuto affrontare una crisi ambientale di questo tipo. L’Italia è uno dei Paesi europei più minacciati per il semplice motivo che la penisola si estende nel mezzo del Mediterraneo, un’area che sarà duramente colpita da fenomeni di desertificazione e scarsità idrica.

Nessuno è in grado di prevedere tutti gli effetti sul clima del riscaldamento globale. Quello che sappiamo è che sta già danneggiando persone ed ecosistemi. E che più la Terra si scalderà, maggiori saranno i cambiamenti climatici. Per questo, gli scienziati concordano sull’obiettivo di mantenere l’aumento delle temperature al di sotto dei 2 gradi centigradi.

Effetti probabili di un aumento delle temperature globali sotto i 2 gradi centigradi:

innalzamento del livello del mare a causa dello scioglimento dei ghiacciai e dell’espansione termica degli oceani;

rilasci massicci di gas a effetto serra dovuti allo scongelamento del permafrost e alla morte delle foreste;

alto rischio di eventi meteorologici estremi, come ondate di calore, siccità e alluvioni;

impatti gravi a livello regionale e locale: gli straripamenti dei fiumi aumenteranno in gran parte dell’Europa, mentre nelle aree costiere crescerà in modo sostanziale il rischio di inondazioni, erosione e perdita di zone umide;

perdita di biodiversità a seguito dell’estinzione di molte specie animali e vegetali;

i paesi in via di sviluppo in Africa, Asia e Pacifico subiranno gli impatti maggiori, essendo meno in grado di proteggersi dall’aumento del livello dei mari, dalla diffusione delle malattie e dal declino della produzione agricola.

Probabili effetti catastrofici a seguito dell’aumento oltre i 2 gradi centigradi:

scioglimento dei ghiacci in Groenlandia e Antartide con un aumento fino a sette metri del livello delle acque;

la Corrente del Golfo nell’Oceano Atlantico potrebbe rallentare, spostarsi o cessare di esistere, alterando il sistema circolatorio globale degli oceani e con effetti drammatici in Europa;

rilasci catastrofici di metano dagli oceani porterebbero al rapido aumento del metano nell’atmosfera e alla conseguente ulteriore crescita delle temperature.

Gli ultimi aggiornamenti

 

In azione contro le trivelle nel Mar di Barents

Immagine | 27 maggio, 2014 a 17:25

Attivisti di Greenpeace International in azione nel Mar di Barents contro la piattaforma petrolifera Transocean Spitsbergen che lavora per conto della Statoil. Greenpeace chiede di fermare i piani di trivellazione nell'Artico norvegese vicino al...

Cristian può tornare a casa

Immagine | 26 dicembre, 2013 a 12:23

Questo è un timbro di uscita sul passaporto di Cristian! Insieme ad altri 13 tra gli #Arctic30, quest'oggi ha ottenuto tutte le documentazioni necessarie e presto sarà a casa.

A Napoli-Arsenal per Cristian e per l'Artico

Immagine | 12 dicembre, 2013 a 1:03

Davanti a migliaia di tifosi, gli attivisti di Greenpeace hanno aperto dal tetto dello stadio un primo striscione con il messaggio “Giustizia per Cristian”, mentre al di fuori dello stadio – di fronte all’ingresso – altri attivisti ne hanno...

Cristian esce dal carcere

Immagine | 21 novembre, 2013 a 12:32

La notizia che abbiamo atteso per settimane è finalmente arrivata. Cristian D'Alessandro è stato rilasciato su cauzione e esce dal centro di detenzione SIZO1 di San Pietroburgo.

Gli Arctic30 trasferiti a San Pietroburgo

Immagine | 12 novembre, 2013 a 12:55

Gli Arctic30 sono arrivati a San Pietroburgo, dove saranno trasferiti nei vari centri di detenzione.

Gli Arctic30 lasciano Murmansk

Immagine | 11 novembre, 2013 a 11:06

Alle 5 di questa mattina è iniziato il trasferimento degli Arctic30, l’equipaggio dell’Arctic Sunrise di Greenpeace, che dal centro di detenzione preventiva di Murmansk – dove si trovano da 54 giorni – sono adesso diretti verso una meta ignota,...

In azione in Danimarca contro Gazprom

Immagine | 31 ottobre, 2013 a 16:50

Attivisti di Greenpeace in azione all'Università Tecnica di Danimarca a Ljungby, durante l'incontro con alcuni rappresentanti della Gazprom che spiegavano i rischi delle operazioni di trivellazioni petrolifere.

Le violenze subite alla Barcolana

Immagine | 14 ottobre, 2013 a 11:37

Quasi al termine dell'azione pacifica di protesta di Greenpeace contro Gazprom, un gommone di supporto dell'imbarcazione vincitrice della Barcolana ha abbordato un gommone di Greenpeace, una ragazza dell'equipaggio di Greenpeace è stata...

Solidarietà in tutto il mondo per gli Arctic 30

Galleria di immagini | 8 ottobre, 2013

1 - 10 di 54 risultati.

Categorie