Il riscaldamento globale

Il riscaldamento globale è una realtà. Entro la fine del secolo, se le tendenze attuali continuano, la temperatura globale probabilmente raggiungerà il picco più alto degli ultimi due milioni di anni.

Il 2010, seguito da 2005 e 1998, è stato l’anno più caldo da quando si effettuano misurazioni scientifiche globali (metà Ottocento). E lo stesso vale per il decennio 2001-2010, che ha visto le più alte temperature dei tempi moderni, superando l’ultimo decennio del Ventesimo secolo. Il riscaldamento è stato particolarmente forte in Africa, in alcune aree dell'Asia e dell'Artico, dove alcune regioni hanno assistito a un rialzo termico tra 1,2 e 1,4 gradi rispetto alla media storica. Nel dicembre 2010, la banchisa polare artica ha raggiunto il minimo mensile storico con una superficie di 12 milioni di chilometri quadrati, 1,35 milioni sotto la media di dicembre del periodo 1979-2000.

Ma ancora più importante di questi record annuali è un altro dato: rispetto alla fine dell’Ottocento la Terra è oggi più calda di circa 0,7 gradi. Mai, almeno nei tempi recenti, una simile variazione è avvenuta in così breve tempo. E nessuno dei meccanismi naturali sembra in grado di spiegare un simile riscaldamento.

Ancora peggio: ai ritmi attuali, la crescita delle temperature nei prossimi anni potrebbe essere di 0,2 gradi per decennio, e forse più, e raggiungere tra 1,8 e 4 gradi centigradi di aumento globale alla fine del Ventunesimo secolo. Un tale riscaldamento comporterebbe l’estinzione di molte specie animali e vegetali e lo sconvolgimento dell’assetto climatico così come lo conosciamo.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Vittoria! Sconfitto il Lato Oscuro di Volkswagen

Blog di Andrea Boraschi. campaigner Energia e Clima | 7 marzo, 2013 2 commenti

In uno scenario dove i segnali del cambiamento climatico si intensificano e fanno sempre più temere per il futuro del Pianeta, una storia firmata Greenpeace rende ottimismo e fa capire come impegnarsi per prevenire il peggio non sia...

Tutti i pericoli del fracking

Blog di Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace | 12 febbraio, 2013 1 commento

Che cos’è il fracking? Vuol dire “fratturazione idraulica” ed è una tecnica per estrarre gas naturale anche da sorgenti non convenzionali – come le rocce di scisto o depositi profondi di carbone. Negli USA questa tecnica estrattiva si...

A Doha un gioco al ribasso sulla difesa del clima

Blog di Andrea Boraschi, campaigner Energia e Clima | 11 dicembre, 2012 1 commento

A Doha è andata in scena una partita i cui esiti apparivano scontati ancor prima che si giocasse. Il dramma è che non si trattava di un gioco ma della difesa del clima; e che gli accordi al ribasso annunciati da tutti gli osservatori...

Nessuna festa per Enel

Video | 6 dicembre, 2012 a 18:11

120 attivisti di Greenpeace provenienti da tutta Europa hanno protestato pacificamente in piazza del Popolo a Roma, dove Enel ha allestito un "museo" multimediale dell'energia per festeggiare il suo cinquantenario.

Nessuna festa per Enel, il suo carbone uccide

News | 6 dicembre, 2012 a 9:59

120 attivisti stanno protestando pacificamente in Piazza del Popolo a Roma, dove Enel ha allestito un “museo” multimediale dell’energia per festeggiare i suoi 50 anni. Davanti alla struttura abbiamo deposto più di 360 sagome con questo messaggio:...

“Uno al giorno”: il corto che denuncia lo sporco carbone di Enel

News | 8 novembre, 2012 a 14:48

Alessandro Haber, Paolo Briguglia, Pino Quartullo e Sandra Ceccarelli formano il cast, Mimmo Calopresti firma la regia e i Subsonica mettono a disposizione la loro musica. Per denunciare i danni causati all’Italia dal carbone usato da Enel per...

Sandy, l’Artico e noi

Blog di Andrea Boraschi, campaigner Energia e Clima | 31 ottobre, 2012

L’uragano Sandy è sulle prime pagine di tutti i giornali e sul web, con una trattazione che, tacendo sulle sue vere cause, evidenzia l’imbarazzo di chi (negli Stati Uniti, ma anche in Italia) è complice del cambiamento climatico.   ...

#SaveTheArctic con un tweet

News | 12 settembre, 2012 a 10:30

Con un solo tweet puoi raggiungere migliaia di persone in un secondo. E la cosa migliore? Il tweet lo scegli tu! Entra in azione: clicca sul tweet che ti piace di più e diffondi il messaggio della Ribellione Artica: #SaveTheArctic!

Un morto al giorno…

Blog di Giuseppe Onufrio | 9 agosto, 2012 9 commenti

Il carbone di ENEL costa più di un morto al giorno, tutti i giorni dell'anno. ENEL è il maggior utilizzatore di carbone per produrre la sua elettricità. Bisogna farla smettere. Con la  campagna – "Facciamo Luce Su ENEL" – abbiamo...

Sono a bordo del rompighiaccio di Greenpeace. Missione: #SaveTheArctic

Blog di Rebecca Borraccini, addetta stampa a bordo | 9 agosto, 2012 15 commenti

È inaspettatamente caldo a Murmansk , la capitale polare della Russia. Colpa dei cambiamenti climatici? In questa città, all'estremo nord occidentale della Federazione Russa, al confine con i Paesi scandinavi, vivono più di 300 mila...

11 - 20 di 80 risultati.

Categorie