Il riscaldamento globale

Il riscaldamento globale è una realtà. Entro la fine del secolo, se le tendenze attuali continuano, la temperatura globale probabilmente raggiungerà il picco più alto degli ultimi due milioni di anni.

Il 2010, seguito da 2005 e 1998, è stato l’anno più caldo da quando si effettuano misurazioni scientifiche globali (metà Ottocento). E lo stesso vale per il decennio 2001-2010, che ha visto le più alte temperature dei tempi moderni, superando l’ultimo decennio del Ventesimo secolo. Il riscaldamento è stato particolarmente forte in Africa, in alcune aree dell'Asia e dell'Artico, dove alcune regioni hanno assistito a un rialzo termico tra 1,2 e 1,4 gradi rispetto alla media storica. Nel dicembre 2010, la banchisa polare artica ha raggiunto il minimo mensile storico con una superficie di 12 milioni di chilometri quadrati, 1,35 milioni sotto la media di dicembre del periodo 1979-2000.

Ma ancora più importante di questi record annuali è un altro dato: rispetto alla fine dell’Ottocento la Terra è oggi più calda di circa 0,7 gradi. Mai, almeno nei tempi recenti, una simile variazione è avvenuta in così breve tempo. E nessuno dei meccanismi naturali sembra in grado di spiegare un simile riscaldamento.

Ancora peggio: ai ritmi attuali, la crescita delle temperature nei prossimi anni potrebbe essere di 0,2 gradi per decennio, e forse più, e raggiungere tra 1,8 e 4 gradi centigradi di aumento globale alla fine del Ventunesimo secolo. Un tale riscaldamento comporterebbe l’estinzione di molte specie animali e vegetali e lo sconvolgimento dell’assetto climatico così come lo conosciamo.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Nuovo rapporto IPCC: non c'è limite alle rinnovabili

News | 9 maggio, 2011 a 15:29

Buone notizie sul futuro dell’energia pulita: l’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite, ha approvato oggi ad Abu Dhabi il nuovo Special Report on...

Facebook, rimuovi il carbone dai tuoi amici

News | 3 marzo, 2011 a 13:05

Sapete come Facebook alimenterà il suo nuovo colossale data center in Oregon? A carbone! Con la nostra campagna virale Unfriend Coal vogliamo convincerli a cambiare strada: abbandonare le fonti fossili inquinanti e superate e scegliere una...

L’Ue contro frodi e scorciatoie nel mercato delle emissioni

Blog di Greenpeace Italia | 24 gennaio, 2011 3 commenti

Il sistema di scambio dei crediti di emissione è un sistema tutto interno a una logica puramente finanziaria, quindi comprensibile per gli addetti ai lavori ma molto più ostico e complicato per noi comuni mortali… In pratica,...

Una Spagna rinnovabile. E l'Italia?

Blog di Greenpeace Italia | 14 gennaio, 2011 2 commenti

In Italia, quando si parla di rinnovabili e sistema energetico la tendenza è dare per scontato un ruolo fortemente marginale di queste ultime rispetto al totale dell'energia elettrica consumata. Si tratta di un atteggiamento diffuso,...

SEGNALI DAL FUTURO

Blog di Greenpeace Italia | 5 gennaio, 2011 3 commenti

Come interpretare i dati relativi alle centrali a carbone che arrivano dagli Stati Uniti in questi giorni? I freddi numeri parlano molto chiaro: nessun nuovo cantiere di centrale a carbone aperto nel corso del 2010, 38 gli impianti la...

I simboli del mondo sommersi dall'acqua.

Immagine | 9 dicembre, 2010 a 17:19

La Torre Eiffel, le Piramidi, la Statua della Libertà, sono solo alcuni dei simboli del mondo che Greenpeace ha utilizzato per la sua spettacolare protesta a Cancun, dove si svolge il vertice sul clima delle Nazioni Unite.

Si salvi chi può

Pubblicazione | 6 dicembre, 2010 a 0:00

In questo rapporto Greenpeace e ISDE (Associazione Internazionale dei Medici per l’Ambiente) confermano i gravi effetti sanitari causati dai cambiamenti climatici in corso: aumento di malattie da inquinamento atmosferico, eventi meteorologici...

Un orso polare a Johannesburg

Immagine | 3 dicembre, 2010 a 15:08

Oggi, alcuni animali come l'orso polare e l'elefante sono stati avvistati per le strade di Joannesburg. Gli animali avevano dei cartelli per richiamare l'attenzione dei passanti sui rischi che i cambiamenti climatici hanno sulla sopravvivenza di...

Animali rifugiati del clima

Immagine | 3 dicembre, 2010 a 14:53

Oggi, alcuni animali come l'orso polare e l'elefante sono stati avvistati per le strade di Joannesburg. Gli animali avevano dei cartelli per richiamare l'attenzione dei passanti sui rischi che i cambiamenti climatici hanno sulla sopravvivenza di...

Polo Nord. Moratoria subito!

News | 13 luglio, 2010 a 0:00

International — Si conclude oggi la spedizione "Arctic Under Pressure". In due mesi di navigazione tra i ghiacci artici, a bordo della nostra nave Esperanza, abbiamo documentato con immagini uniche un ambiente polare ancora selvaggio e...

51 - 60 di 76 risultati.

Categorie