Il riscaldamento globale

Il riscaldamento globale è una realtà. Entro la fine del secolo, se le tendenze attuali continuano, la temperatura globale probabilmente raggiungerà il picco più alto degli ultimi due milioni di anni.

Il 2010, seguito da 2005 e 1998, è stato l’anno più caldo da quando si effettuano misurazioni scientifiche globali (metà Ottocento). E lo stesso vale per il decennio 2001-2010, che ha visto le più alte temperature dei tempi moderni, superando l’ultimo decennio del Ventesimo secolo. Il riscaldamento è stato particolarmente forte in Africa, in alcune aree dell'Asia e dell'Artico, dove alcune regioni hanno assistito a un rialzo termico tra 1,2 e 1,4 gradi rispetto alla media storica. Nel dicembre 2010, la banchisa polare artica ha raggiunto il minimo mensile storico con una superficie di 12 milioni di chilometri quadrati, 1,35 milioni sotto la media di dicembre del periodo 1979-2000.

Ma ancora più importante di questi record annuali è un altro dato: rispetto alla fine dell’Ottocento la Terra è oggi più calda di circa 0,7 gradi. Mai, almeno nei tempi recenti, una simile variazione è avvenuta in così breve tempo. E nessuno dei meccanismi naturali sembra in grado di spiegare un simile riscaldamento.

Ancora peggio: ai ritmi attuali, la crescita delle temperature nei prossimi anni potrebbe essere di 0,2 gradi per decennio, e forse più, e raggiungere tra 1,8 e 4 gradi centigradi di aumento globale alla fine del Ventunesimo secolo. Un tale riscaldamento comporterebbe l’estinzione di molte specie animali e vegetali e lo sconvolgimento dell’assetto climatico così come lo conosciamo.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Enel - Il carbone costa un morto al giorno

Pubblicazione | 29 aprile, 2012 a 9:55

Questo briefing è l'anticipazione di un rapporto dell'istituto di ricerca indipendente e non-profit SOMO, che sarà pubblicato nella prima metà di maggio.

Quale futuro per il vino italiano?

Pubblicazione | 25 marzo, 2012 a 12:00

Chianti in Trentino, Aglianico e Falanghina sempre più difficili da coltivare e vendemmie anticipate dall'Oltrepò Pavese alla Toscana. Sono solo alcuni degli effetti possibili o già in atto dei cambiamenti climatici sulla produzione vitivinicola...

Si salvi chi può

Pubblicazione | 6 dicembre, 2010 a 0:00

In questo rapporto Greenpeace e ISDE (Associazione Internazionale dei Medici per l’Ambiente) confermano i gravi effetti sanitari causati dai cambiamenti climatici in corso: aumento di malattie da inquinamento atmosferico, eventi meteorologici...

EU Energy [R]evolution - sintesi in italiano

Pubblicazione | 8 luglio, 2010 a 0:00

Il rapporto EU Energy [R]evolution mostra come sia possibile un taglio del 95% delle emissioni di CO2 al 2050, obiettivo richiesto dalla comunità scientifica per evitare i peggiori impatti dei cambiamenti climatici. Lo scenario elimina il ricorso...

Energy Revolution Italia

Pubblicazione | 3 dicembre, 2009 a 0:00

Questo rapporto è la prima versione italiana dello scenario di Greenpeace sul futuro energetico del Pianeta, specificamente dedicato al nostro Paese. Il rapporto descrive un percorso che trasforma l'attuale modello energetico in un sistema...

1 - 5 di 5 risultati.

Categorie