Le soluzioni

Le soluzioni al riscaldamento globale sono già disponibili, non sono troppo costose e ci possono portare verso uno scenario di energia pulita e sviluppo sostenibile. Una vera e propria Rivoluzione Energetica!

L’ultimo rapporto dell’IPCC indica centinaia di tecnologie oggi disponibili, a un costo molto basso, per ridurre le emissioni dannose per il clima. Lo stesso rapporto afferma che è compito dei governi rimuovere le barriere che si frappongono all’uso di queste tecnologie. Nella maggior parte dei Paesi industrializzati, infatti, la produzione convenzionale di energia – da combustibili fossili e nucleare – è pesantemente sostenuta con sussidi, e gli impatti ambientali della sua produzione non si riflettono sul prezzo per gli utenti finali.

La notizia positiva è che – nonostante tutti gli ostacoli – il peso delle fonti energetiche rinnovabili nella produzione di energia elettrica è costantemente cresciuto negli ultimi quindici anni, conoscendo una forte accelerazione negli ultimi cinque mentre, anche a causa della crisi economica, a livello globale è diminuito il consumo di energia. Alla fine del 2008, quindi, il 18,7 per cento dell’elettricità mondiale era prodotta da fonti rinnovabili, contro il 13.5 per cento del nucleare. Nel 2010 tale percentuale ha superato il 20 per cento.

Questa rapida diffusione a livello globale di tecnologie alternative comporta una drastica riduzione dei costi di produzione e di vendita. È giunto il momento di porre fine alla nostra dipendenza dai combustibili fossili e da altre tecnologie che danneggiano il clima. In questa sezione puoi scoprire come le fonti rinnovabili – sole, vento, acqua, calore naturale – possono combinarsi con una maggiore efficienza energetica per creare una rivoluzione in favore dell’energia pulita. Scopri inoltre le false credenze su queste soluzioni, diffuse da chi ha interesse ad arrestare la Rivoluzione Energetica.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Il corto “Uno al giorno” a tutti i parlamentari

News | 29 maggio, 2013 a 11:07

Oggi abbiamo recapitato una copia del corto “Uno al giorno” - che Enel vuole censurare - a tutti i parlamentari. Per aver mostrato cosa vuol dire produrre elettricità col carbone, sono indagati il regista Mimmo Calopresti e lo sceneggiatore...

Greenpeace vs Enel. In tribunale vinciamo ancora noi!

Blog di Giuseppe Onufrio, Direttore esecutivo | 8 maggio, 2013 3 commenti

Abbiamo vinto ancora contro Enel: anche il Tribunale di Milano, dopo quello di Roma lo scorso anno, ha rigettato un ricorso ENEL contro la campagna di Greenpeace. L’uso del logo dell’azienda in campagne di sensibilizzazione che hanno...

Porto Tolle: analisi comparativa dell’impatto sanitario

Pubblicazione | 30 aprile, 2013 a 9:14

Il ministero dell'Ambiente ha riaperto il 30 novembre scorso la procedura di Valutazione d'impatto ambientale per la conversione a carbone della centrale ENEL di Porto Tolle. Greenpeace rende noti i risultati di un'analisi dell'impatto sanitario...

Greenpeace alla sbarra

Blog di Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace Italia | 19 aprile, 2013

Oggi a processo una trentina di attivisti per un’azione di protesta durata tre giorni presso la centrale di Porto Tolle, un mostro piantato nel mezzo del Delta del Po in una delle più importanti zone umide d’Europa. La protesta del...

Ce l’abbiamo fatta! #SaveTheArctic conquista il Polo Nord

News | 15 aprile, 2013 a 14:45

Il team Aurora ce l’ha fatta. Renny, Kiera, Josefina, Ezra, insieme alle guide polari, ai fotografi e ai tecnici informatici, hanno raggiunto il punto più a Nord del Pianeta. E hanno mantenuto la promessa: la Bandiera del Futuro e la capsula con...

Portando il Sole dalle Seychelles al Polo Nord

Blog di Renny Bijoux, in missione al Polo Nord | 12 aprile, 2013 1 commento

Sono Renny Bijoux e sono stato scelto tra milioni di persone per fare una di quelle cose che ti cambiano la vita: un’impegnativa ma allo stesso tempo divertente e spettacolare spedizione al Polo Nord. Non capita tutti i giorni che...

Greenpeace al Polo Nord

Galleria di immagini | 8 aprile, 2013

Enel vuole censurare la nostra protesta contro il carbone

Video | 3 aprile, 2013 a 12:56

Enel tenta di ridurci al silenzio attraverso le vie legali. Un'azienda ancor oggi largamente controllata dallo Stato non risponde alle contestazioni che Greenpeace le muove riguardo agli impatti sanitari, ambientali ed economici delle sue...

Enel vuole censurare la nostra protesta contro il carbone

News | 3 aprile, 2013 a 10:50

Enel tenta di ridurci al silenzio ancora una volta. Non risponde alle nostre contestazioni sugli impatti sanitari, ambientali ed economici delle sue centrali a carbone e cerca, invece, la strada delle aule di Tribunale, convinta di poterci...

51 - 60 di 223 risultati.

Categorie