Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

La rivoluzione energetica

La temperatura globale media è aumentata di 0,8 gradi centigradi dall'inizio della Rivoluzione industriale. Non sembra molto, ma le conseguenze sono enormi. Le calotte glaciali si stanno riducendo anno dopo anno. Situazioni climatiche estreme e cicloni sono in aumento. I cambiamenti climatici stanno già provocando danni all'ecosistema e mettendo in pericolo la vita di milioni di persone. Ed è solo l'inizio.

Ma non è una minaccia che proviene dallo spazio. Sono gli esseri umani ad aver causato i cambiamenti climatici immettendo nell'atmosfera quantità eccessive di gas serra. In questo siamo fortunati. Se abbiamo iniziato noi tutto questo, siamo anche in grado di fermarlo. Le tecnologie necessarie già esistono.

Possiamo – e dobbiamo – diminuire le emissioni di CO2 del 50 per cento entro il 2050. I paesi industrializzati dovranno diminuire le loro ancora di più, fino all’80 per cento. Se lo faremo, potremo contenere l’aumento della temperatura globale sotto i 2 gradi. Gli scienziati concordano che si tratta di una condizione essenziale per evitare che il clima vada del tutto fuori controllo.

Le forme di energia rinnovabile – energia solare, eolica, idroelettrica, geotermica e biomasse – possono soddisfare la metà dei consumi di energia del mondo entro la metà di questo secolo. Ma solo se smettiamo di sprecare energia e facciamo qualcosa per usarla in maniera più efficiente. Questo è possibile senza mettere in pericolo l’economia globale e dando la possibilità anche ai paesi più poveri di svilupparsi, com’è illustrato nella serie di studi di Greenpeace, Energy Revolution.

Abbiamo bisogno di una rivoluzione energetica per raggiungere questo obiettivo. Questo significa cambiamenti fondamentali nei modi di generare l’energia, in cui viviamo e viaggiamo e nelle nostre abitudini in genere. Noi, nei paesi industrializzati, dobbiamo indicare la via. E i paesi in via di sviluppo dovranno fare attenzione a non ripetere i nostri stessi errori. Non c’è tempo da perdere. Iniziamo subito a vivere una vita più rispettosa del clima!

Per approfondire

 Energy Revolution 2015 (versione integrale in inglese)

Energy Revolution Italia 2013 (versione integrale in inglese)

Sintesi Energy Revolution Italia 2013 (in italiano)

Briefing Energy Revolution Italia 2013 (in italiano)

Infografica Energy Revolution Italia 2013

Fai il download del rapporto 2012 integrale (versione World - in inglese)

Energy Revolution 2012 Briefing (World)

Energy Revolution Europe 2012 (versione integrale in inglese)

Gli ultimi aggiornamenti

 

Greenpeace blocca piattaforma Shell

Immagine | 24 febbraio, 2012 a 13:48

Oggi un gruppo di attivisti di Greenpeace in azione al porto di Taranki, Nuova Zelanda, ha impedito la partenza di una piattaforma petrolifera della Shell diretta in Alaska. Dove sono in programma attività di ricerca di idrocarburi che...

Salvare il pianeta non ha prezzo. Per tutto il resto c’è…

News | 23 febbraio, 2012 a 15:51

Difendere le balene dall'estinzione? 9.065 euro di multa. Protestare contro una centrala a carbone? 20.520 euro di multa. Proteggere l'Italia dalla contaminazione OGM? 86.250 euro di multa. Lottare contro i cambiamenti climatici? foglio di via...

Buon compleanno Kyoto (anche se è l’ultimo)

Blog di Andrea Boraschi, campaigner Energia e Clima | 16 febbraio, 2012

Oggi, 16 febbraio 2012, l’unico strumento legale e globale esistente per combattere i cambiamenti climatici, il Protocollo di Kyoto, compie 7 anni. Ma cosa c’è da festeggiare, se questo è il suo ultimo anno di vita? Scritto e adottato...

Classifica Cool IT: Google sul podio

News | 8 febbraio, 2012 a 16:14

È Google il primo classificato della quinta edizione della classifica Cool IT. Il gigante dei motori di ricerca sale sul podio in virtù del sostegno a politiche di salvaguardia del clima. Cisco ed Ericsson rispettivamente secondo e terzo...

Sono ancora “latitante”

Blog di Salvatore Barbera, responsabile campagna Clima | 25 gennaio, 2012 1 commento

Il contatore sul sito dei banditidelclima.org segna, nel momento in cui scrivo, 49 giorni, 19 ore, 38 minuti, 15 secondi. È il tempo della mia “latitanza” da Roma, la città dove fino al 6 dicembre scorso lavoravo presso l’ufficio di...

Attivista o criminale?

Video | 18 gennaio, 2012 a 11:10

Lo scorso 6 dicembre, Salvatore Barbera, responsabile campagna Clima di Greenpeace, è stato bandito da Roma per due anni con un foglio di via obbligatorio. Il suo crimine? Aver partecipato a una protesta nonviolenta, davanti a Palazzo Chigi, in...

Cerchiamo banditi del clima

News | 17 gennaio, 2012 a 13:21

Pensavamo che quel provvedimento ingiusto e inaccettabile - destinato ai criminali - venisse ritirato. Invece no. È da più di un mese che Salvatore, il responsabile della nostra campagna Energia e Clima, è stato allontanato da Roma con un foglio...

Orsi polari in azione al motor show di Bruxelles

News | 12 gennaio, 2012 a 18:15

Oggi il Motor Show di Bruxelles è stato invaso dagli orsi polari. I nostri attivisti - travesti da orsi - hanno protestato per difendere l'Artico dalle minacce delle inquinanti auto Volkswagen. Alcuni si sono calati dal soffitto dell'edificio,...

In azione al motor show di Bruxelles

Immagine | 12 gennaio, 2012 a 13:14

Oggi il Motor Show di Bruxelles è stato invaso dagli orsi polari. I nostri attivisti - travesti da orsi - hanno protestato per difendere l'Artico dalle minacce delle inquinanti auto Volkswagen. Alcuni si sono calati dal soffitto dell'edificio,...

A Durban i politici hanno ascoltato chi inquina

News | 12 dicembre, 2011 a 15:57

A Durban i negoziati sul clima delle Nazioni Unite sono finiti proprio come son cominciati: con un fallimento. L’accordo per un nuovo trattato internazionale per la protezione del clima non è stato raggiunto. I governi hanno dato ascolto a chi...

141 - 150 di 240 risultati.

Categorie