La rivoluzione energetica

La temperatura globale media è aumentata di 0,8 gradi centigradi dall'inizio della Rivoluzione industriale. Non sembra molto, ma le conseguenze sono enormi. Le calotte glaciali si stanno riducendo anno dopo anno. Situazioni climatiche estreme e cicloni sono in aumento. I cambiamenti climatici stanno già provocando danni all'ecosistema e mettendo in pericolo la vita di milioni di persone. Ed è solo l'inizio.

Ma non è una minaccia che proviene dallo spazio. Sono gli esseri umani ad aver causato i cambiamenti climatici immettendo nell'atmosfera quantità eccessive di gas serra. In questo siamo fortunati. Se abbiamo iniziato noi tutto questo, siamo anche in grado di fermarlo. Le tecnologie necessarie già esistono.

Possiamo – e dobbiamo – diminuire le emissioni di CO2 del 50 per cento entro il 2050. I paesi industrializzati dovranno diminuire le loro ancora di più, fino all’80 per cento. Se lo faremo, potremo contenere l’aumento della temperatura globale sotto i 2 gradi. Gli scienziati concordano che si tratta di una condizione essenziale per evitare che il clima vada del tutto fuori controllo.

Le forme di energia rinnovabile – energia solare, eolica, idroelettrica, geotermica e biomasse – possono soddisfare la metà dei consumi di energia del mondo entro la metà di questo secolo. Ma solo se smettiamo di sprecare energia e facciamo qualcosa per usarla in maniera più efficiente. Questo è possibile senza mettere in pericolo l’economia globale e dando la possibilità anche ai paesi più poveri di svilupparsi, com’è illustrato nella serie di studi di Greenpeace, Energy Revolution.

Abbiamo bisogno di una rivoluzione energetica per raggiungere questo obiettivo. Questo significa cambiamenti fondamentali nei modi di generare l’energia, in cui viviamo e viaggiamo e nelle nostre abitudini in genere. Noi, nei paesi industrializzati, dobbiamo indicare la via. E i paesi in via di sviluppo dovranno fare attenzione a non ripetere i nostri stessi errori. Non c’è tempo da perdere. Iniziamo subito a vivere una vita più rispettosa del clima!

Per approfondire

Energy Revolution Italia 2013 (versione integrale in inglese)

Sintesi Energy Revolution Italia 2013 (in italiano)

Briefing Energy Revolution Italia 2013 (in italiano)

Infografica Energy Revolution Italia 2013

Fai il download del rapporto 2012 integrale (versione World - in inglese)

Energy Revolution 2012 Briefing (World)

Energy Revolution Europe 2012 (versione integrale in inglese)

Gli ultimi aggiornamenti

 

La silenziosa [R]ivoluzione energetica

Pubblicazione | 23 giugno, 2011 a 13:25

Sin dagli anni '90, l'installazione di eolico e solare è cresciuta più rapidamente di ogni altra tecnologia: una vera e propria rivoluzione energetica silenziosa.

Cinque giorni in carcere per salvare l'Artico

News | 22 giugno, 2011 a 16:44

Kumi Naidoo, il direttore di Greenpeace International, è di nuovo libero dopo cinque giorni di detenzione nel carcere di Nuuk, in Groenlandia. Naidoo era entrato in azione contro la piattaforma petrolifera Leiv Eriksson, nell'Artico, per chiedere...

Kumi Naidoo in azione nell'Artico

Video | 20 giugno, 2011 a 17:18

In questo video potete vedere Kumi Naidoo, Direttore Esecutivo di Greenpeace International, che scala la piattaforma petrolifera Leiv Eiriksson nell'Artico, a 150 km dalle coste della Groenlandia. Kumi Naidoo ha sfidato il gelo dei cannoni ad...

Kumi Naidoo scala la Leiv Eriksson. Arrestato!

News | 17 giugno, 2011 a 13:46

Kumi Naidoo, il direttore di Greenpeace International, è entrato in azione contro la piattaforma petrolifera Leiv Eriksson, della compagnia Cairn Energy, nell’Artico. Con una richiesta precisa: fermare immediatamente le operazioni di...

Kumi Naidoo in azione contro le trivellazioni nell'Artico

Immagine | 17 giugno, 2011 a 13:20

Il Direttore Esecutivo di Greenpeace International, Kumi Naidoo, ha violato stamattina la zona di esclusione stabilita dalle autorità danesi a protezione della piattaforma petrolifera Leiv Eriksson, attualmente operante a 120km dalla costa...

Ancora in azione nell'Artico

Galleria di immagini | 4 giugno, 2011

Obiettivo 30%: i falsi miti sulla riduzione della CO2 al 2020

Pubblicazione | 18 maggio, 2011 a 5:10

Chi si oppone all’innalzamento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra dal 20 al 30% al 2020, usa spesso argomenti catastrofici: “miti” che si possono smontare facilmente.

Imprese europee: obiettivo 30%

Pubblicazione | 18 maggio, 2011 a 5:00

Prezzi dei carburanti insostenibili, rischi energetici, cambiamenti climatici, contrazione delle risorse e una crescente concorrenza con le economie emergenti dimostrano che la formula “business as usual” non costituisce più un’opzione...

Nuovo rapporto IPCC: non c'è limite alle rinnovabili

News | 9 maggio, 2011 a 15:29

Buone notizie sul futuro dell’energia pulita: l’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite, ha approvato oggi ad Abu Dhabi il nuovo Special Report on...

161 - 170 di 220 risultati.

Categorie