Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

La rivoluzione energetica

La temperatura globale media è aumentata di 0,8 gradi centigradi dall'inizio della Rivoluzione industriale. Non sembra molto, ma le conseguenze sono enormi. Le calotte glaciali si stanno riducendo anno dopo anno. Situazioni climatiche estreme e cicloni sono in aumento. I cambiamenti climatici stanno già provocando danni all'ecosistema e mettendo in pericolo la vita di milioni di persone. Ed è solo l'inizio.

Ma non è una minaccia che proviene dallo spazio. Sono gli esseri umani ad aver causato i cambiamenti climatici immettendo nell'atmosfera quantità eccessive di gas serra. In questo siamo fortunati. Se abbiamo iniziato noi tutto questo, siamo anche in grado di fermarlo. Le tecnologie necessarie già esistono.

Possiamo – e dobbiamo – diminuire le emissioni di CO2 del 50 per cento entro il 2050. I paesi industrializzati dovranno diminuire le loro ancora di più, fino all’80 per cento. Se lo faremo, potremo contenere l’aumento della temperatura globale sotto i 2 gradi. Gli scienziati concordano che si tratta di una condizione essenziale per evitare che il clima vada del tutto fuori controllo.

Le forme di energia rinnovabile – energia solare, eolica, idroelettrica, geotermica e biomasse – possono soddisfare la metà dei consumi di energia del mondo entro la metà di questo secolo. Ma solo se smettiamo di sprecare energia e facciamo qualcosa per usarla in maniera più efficiente. Questo è possibile senza mettere in pericolo l’economia globale e dando la possibilità anche ai paesi più poveri di svilupparsi, com’è illustrato nella serie di studi di Greenpeace, Energy Revolution.

Abbiamo bisogno di una rivoluzione energetica per raggiungere questo obiettivo. Questo significa cambiamenti fondamentali nei modi di generare l’energia, in cui viviamo e viaggiamo e nelle nostre abitudini in genere. Noi, nei paesi industrializzati, dobbiamo indicare la via. E i paesi in via di sviluppo dovranno fare attenzione a non ripetere i nostri stessi errori. Non c’è tempo da perdere. Iniziamo subito a vivere una vita più rispettosa del clima!

Per approfondire

Energy Revolution Italia 2013 (versione integrale in inglese)

Sintesi Energy Revolution Italia 2013 (in italiano)

Briefing Energy Revolution Italia 2013 (in italiano)

Infografica Energy Revolution Italia 2013

Fai il download del rapporto 2012 integrale (versione World - in inglese)

Energy Revolution 2012 Briefing (World)

Energy Revolution Europe 2012 (versione integrale in inglese)

Gli ultimi aggiornamenti

 

"I politici chiacchierano, i leader agiscono"

Blog di Alessandro Gianni | 17 dicembre, 2009 1 commento

È vero, non vi ho detto (tutta) la verità. Non vi ho detto, come al solito, di quel che stavamo preparando. Oggi, 45 attivisti, in 5 gruppi, hanno atteso il passaggio dei "pezzi grossi", Sarkozy e company, per aprire striscioni che...

Calcio di rigore

Blog di Gabriele Salari | 17 dicembre, 2009

Vestito con l’abito delle feste degli Indios, Evo Morales, presidente boliviano, ha appena terminato il suo intervento alla Cop15 lanciando una proposta davvero interessante che già raccoglie consensi, quella di istituire, nell’ambito...

Clima forum

Blog di Alessandro Gianni | 16 dicembre, 2009

Elicotteri e colonne di mezzi della polizia, per strada. Vado dove mi porta il rumore. È la sede del clima forum...proprio dove avevo il mio appuntamento. È qui che le ONG si incontrano e si organizzano. Ed è qui che sono i poliziotti...

Non vedo, non sento, non parlo

Blog di Alessandro Gianni | 16 dicembre, 2009

Quando uno è stanco e ha freddo, di solito va a un bar. Per un caffé o, da queste parti, una birra. Visto che tra un pò ho un appuntamento alla stazione, sono entrato a cercare caldo e sollievo (cibo per la mente, non ho fame) in...

Fuori dall'aeroporto, attendendo il bus

Blog di Alessandro Gianni | 15 dicembre, 2009

Pare che i dintorni di Copenhagen "puzzino di vertice", se mi passate l'espressione. Sul volo per Copenhagen, ci distribuiscono un foglione informativo (?) sulle promesse delle compagnie aeree che, da belle addormentate che sono state...

La lezione di Al

Blog di Gabriele Salari | 15 dicembre, 2009

Avevo voglia di andare al cinema ieri sera e, uscito dal Bella Center, sono andato all’ Istituto del cinema danese (il tempio di Lars Von Trier) a Norrebro, ma c’era una fila enorme e non proiettavano nessun film della rassegna di...

Climate kitchen

Blog di Gabriele Salari | 11 dicembre, 2009 1 commento

Oggi è una giornata particolare alla Conferenza, si attende la grande manifestazione che partirà domani alle 12 di fronte al Parlamento danese, si parla degli attivisti arrestati oggi in città (ho visto poliziotti ovunque, in barca nei...

Diario di una mamma che lavora a Greenpeace

Blog di Vittoria | 11 dicembre, 2009

Notte prima dell’azione di Greenpeace, notte movimentata di una mamma che lavora nell’associazione come addetta stampa. Le bimbe si svegliano diverse volte. Maya, la più grande, tre anni,  mi chiama piangendo “Mamma, ho sognato che...

Sul Colosseo per un accordo storico

Video | 9 dicembre, 2009 a 15:32

Gli attivisti di Greenpeace sono saliti sul Colosseo per chiedere che a Copenhagen venga raggiunto un accordo storico. Si tratta di otto climbers di cui due donne. Hanno aperto uno striscione di 300 metri quadrati con scritto COPENHAGEN: ACCORDO...

Un vero leader non si scioglie mai

Video | 3 dicembre, 2009 a 15:39

Greenpeace ha posizionato una statua di ghiaccio raffigurante il Presidente del Consiglio al fianco delle statue dei grandi imperatori del passato nei Fori Imperiali a Roma. Si tratta di un omaggio a Silvio Berlusconi, per la decisione di...

211 - 220 di 234 risultati.

Categorie