La rivoluzione energetica

La temperatura globale media è aumentata di 0,8 gradi centigradi dall'inizio della Rivoluzione industriale. Non sembra molto, ma le conseguenze sono enormi. Le calotte glaciali si stanno riducendo anno dopo anno. Situazioni climatiche estreme e cicloni sono in aumento. I cambiamenti climatici stanno già provocando danni all'ecosistema e mettendo in pericolo la vita di milioni di persone. Ed è solo l'inizio.

Ma non è una minaccia che proviene dallo spazio. Sono gli esseri umani ad aver causato i cambiamenti climatici immettendo nell'atmosfera quantità eccessive di gas serra. In questo siamo fortunati. Se abbiamo iniziato noi tutto questo, siamo anche in grado di fermarlo. Le tecnologie necessarie già esistono.

Possiamo – e dobbiamo – diminuire le emissioni di CO2 del 50 per cento entro il 2050. I paesi industrializzati dovranno diminuire le loro ancora di più, fino all’80 per cento. Se lo faremo, potremo contenere l’aumento della temperatura globale sotto i 2 gradi. Gli scienziati concordano che si tratta di una condizione essenziale per evitare che il clima vada del tutto fuori controllo.

Le forme di energia rinnovabile – energia solare, eolica, idroelettrica, geotermica e biomasse – possono soddisfare la metà dei consumi di energia del mondo entro la metà di questo secolo. Ma solo se smettiamo di sprecare energia e facciamo qualcosa per usarla in maniera più efficiente. Questo è possibile senza mettere in pericolo l’economia globale e dando la possibilità anche ai paesi più poveri di svilupparsi, com’è illustrato nella serie di studi di Greenpeace, Energy Revolution.

Abbiamo bisogno di una rivoluzione energetica per raggiungere questo obiettivo. Questo significa cambiamenti fondamentali nei modi di generare l’energia, in cui viviamo e viaggiamo e nelle nostre abitudini in genere. Noi, nei paesi industrializzati, dobbiamo indicare la via. E i paesi in via di sviluppo dovranno fare attenzione a non ripetere i nostri stessi errori. Non c’è tempo da perdere. Iniziamo subito a vivere una vita più rispettosa del clima!

Per approfondire

Energy Revolution Italia 2013 (versione integrale in inglese)

Sintesi Energy Revolution Italia 2013 (in italiano)

Briefing Energy Revolution Italia 2013 (in italiano)

Infografica Energy Revolution Italia 2013

Fai il download del rapporto 2012 integrale (versione World - in inglese)

Energy Revolution 2012 Briefing (World)

Energy Revolution Europe 2012 (versione integrale in inglese)

Gli ultimi aggiornamenti

 

Enel: invece di rispondere sui contenuti vuole di nuovo censurarci

News | 9 novembre, 2012 a 17:06

Enel torna a minacciarci legalmente con una diffida e annuncia nuove azioni in sede civile e penale. Il motivo, questa volta, è "Uno al giorno" , il cortometraggio lanciato ieri che denuncia gli impatti sanitari della produzione elettrica col...

Uno al giorno

Video | 8 novembre, 2012 a 15:43

Alessandro Haber, Paolo Briguglia, Pino Quartullo e Sandra Ceccarelli formano il cast, Mimmo Calopresti firma la regia e i Subsonica mettono a disposizione la loro musica. È Greenpeace, invece, a ispirare e produrre il cortometraggio "Uno al...

“Uno al giorno”: il corto che denuncia lo sporco carbone di Enel

News | 8 novembre, 2012 a 14:48

Alessandro Haber, Paolo Briguglia, Pino Quartullo e Sandra Ceccarelli formano il cast, Mimmo Calopresti firma la regia e i Subsonica mettono a disposizione la loro musica. Per denunciare i danni causati all’Italia dal carbone usato da Enel per...

Uragano Sandy: il cambiamento climatico minaccia tutti

Galleria di immagini | 31 ottobre, 2012

Sandy, l’Artico e noi

Blog di Andrea Boraschi, campaigner Energia e Clima | 31 ottobre, 2012

L’uragano Sandy è sulle prime pagine di tutti i giornali e sul web, con una trattazione che, tacendo sulle sue vere cause, evidenzia l’imbarazzo di chi (negli Stati Uniti, ma anche in Italia) è complice del cambiamento climatico.   ...

Energy [R]evolution 2012

Pubblicazione | 24 ottobre, 2012 a 13:24

L’Europa potrebbe ottenere quasi mezzo milione di posti di lavoro in più nel settore energetico entro il 2020 rendendo prioritarie le rinnovabili e l’efficienza energetica, invece di nucleare e fonti fossili. Questo e altri benefici di una...

No al petrolio nella valle di Davide e Golia

Immagine | 17 ottobre, 2012 a 10:54

Un gigantesco striscione umano con la scritta STOP è comparso nella valle di Elah. Oltre 500 israeliani si sono uniti a Greenpeace contro il progetto di estrarre petrolio da scisti nella valle che fu teatro della biblica battaglia tra Davide e...

Enel, sotto processo ci sei tu!

Blog di Andrea Boraschi, campaigner Energia e Clima | 28 settembre, 2012

I guai giudiziari di Enel si aggravano. Nel processo apertosi ieri ad Adria il pubblico ministero, Manuela Fasolato, ha ampliato i capi d’imputazione, che colpiscono tra gli altri l'amministratore delegato dell'Enel Fulvio Conti e i...

L'orsa Paula al concerto dei Radiohead

Video | 23 settembre, 2012 a 10:39

Ieri sera al concerto dei Radiohead a Roma, all'Ippodromo delle Capannelle, si aggirava un orso polare. Lo stesso orso (così ben realizzato da sembrare vero!) che accompagnerà la band oggi a Firenze, martedì 25 a Bologna e mercoledì 26 a Codroipo...

VITTORIA! Shell ferma i piani di trivellazione in Artico di quest'anno

News | 17 settembre, 2012 a 17:24

Per più di sei mesi abbiamo chiesto a Shell di stare lontano dall'Artico. Lo abbiamo fatto occupando le sue piattaforme in mezzo al mare, facendo visita alle sue stazioni di benzina in tutta Europa e grazie a quasi due milioni di persone che, da...

81 - 90 di 220 risultati.

Categorie