La rivoluzione energetica

La temperatura globale media è aumentata di 0,8 gradi centigradi dall'inizio della Rivoluzione industriale. Non sembra molto, ma le conseguenze sono enormi. Le calotte glaciali si stanno riducendo anno dopo anno. Situazioni climatiche estreme e cicloni sono in aumento. I cambiamenti climatici stanno già provocando danni all'ecosistema e mettendo in pericolo la vita di milioni di persone. Ed è solo l'inizio.

Ma non è una minaccia che proviene dallo spazio. Sono gli esseri umani ad aver causato i cambiamenti climatici immettendo nell'atmosfera quantità eccessive di gas serra. In questo siamo fortunati. Se abbiamo iniziato noi tutto questo, siamo anche in grado di fermarlo. Le tecnologie necessarie già esistono.

Possiamo – e dobbiamo – diminuire le emissioni di CO2 del 50 per cento entro il 2050. I paesi industrializzati dovranno diminuire le loro ancora di più, fino all’80 per cento. Se lo faremo, potremo contenere l’aumento della temperatura globale sotto i 2 gradi. Gli scienziati concordano che si tratta di una condizione essenziale per evitare che il clima vada del tutto fuori controllo.

Le forme di energia rinnovabile – energia solare, eolica, idroelettrica, geotermica e biomasse – possono soddisfare la metà dei consumi di energia del mondo entro la metà di questo secolo. Ma solo se smettiamo di sprecare energia e facciamo qualcosa per usarla in maniera più efficiente. Questo è possibile senza mettere in pericolo l’economia globale e dando la possibilità anche ai paesi più poveri di svilupparsi, com’è illustrato nella serie di studi di Greenpeace, Energy Revolution.

Abbiamo bisogno di una rivoluzione energetica per raggiungere questo obiettivo. Questo significa cambiamenti fondamentali nei modi di generare l’energia, in cui viviamo e viaggiamo e nelle nostre abitudini in genere. Noi, nei paesi industrializzati, dobbiamo indicare la via. E i paesi in via di sviluppo dovranno fare attenzione a non ripetere i nostri stessi errori. Non c’è tempo da perdere. Iniziamo subito a vivere una vita più rispettosa del clima!

Per approfondire

Energy Revolution Italia 2013 (versione integrale in inglese)

Sintesi Energy Revolution Italia 2013 (in italiano)

Briefing Energy Revolution Italia 2013 (in italiano)

Infografica Energy Revolution Italia 2013

Fai il download del rapporto 2012 integrale (versione World - in inglese)

Energy Revolution 2012 Briefing (World)

Energy Revolution Europe 2012 (versione integrale in inglese)

Gli ultimi aggiornamenti

 

People's Climate March: entriamo in azione per i cambiamenti climatici!

News | 20 settembre, 2014 a 10:30

Power to the people! E’ proprio il coinvolgimento civile che rende speciale l’appuntamento che migliaia di persone nel mondo si sono date questa domenica, il 21 settembre, per una “Marcia” globale sui cambiamenti climatici, la People’s Climate March.

L'ossessione di Renzi per le trivelle

Blog di Giuseppe Onufrio - Direttore esecutivo Greenpeace | 10 settembre, 2014

Drill Baby Drill , sembra il leitmotiv scelto prima da Monti – che faceva approvare la Strategia Energetica Nazionale (SEN) nel marzo del 2013  poco prima di passare la mano al Governo Letta – e proseguito da Renzi , in modo...

Il carbone che brucia Enel è macchiato di sangue?

News | 30 giugno, 2014 a 13:59

Enel risponde all’indagine che abbiamo commissionato sulla sostenibilità della filiera del carbone dalla Colombia, e sulle relazioni commerciali con due grandi aziende minerarie di pessima reputazione.

Energy [R]evolution 2013, appuntamento oggi a Roma

News | 28 novembre, 2013 a 12:30

Sarà presentata questo pomeriggio durante la Conferenza nazionale "QualEnergia? - La ricetta per (com)battere la crisi" - organizzata da Legambiente, La Nuova Ecologia e Kyoto Club, in partenariato con Cobat - la nuova versione del Rapporto...

Contro Gazprom, alla Barcolana di Trieste

News | 13 ottobre, 2013 a 15:07

Barcolana 2013. Trieste. I nostri gommoni sono entrati in azione. L'obiettivo? Lo sponsor della barca Esimit Europa 2: il gigante russo dell’energia Gazprom. Chiediamo a Gazprom di ritirare immediatamente i piani di trivellazione nell’Artico.

Confermate accuse di pirateria per alcuni #FreeTheArctic30

News | 2 ottobre, 2013 a 11:57

Pirateria. Questa l'accusa formalizzata stamattina dagli inquirenti russi agli attivisti Ana Paula Alminhana, Sini Saarela, Dima Litvinov, Roman Dolgov. Stesso destino per Kieron Bryan, uno dei due freelance a bordo della nave. Rischiano tutti...

Russia: Processo ai nostri attivisti

News | 26 settembre, 2013 a 16:57

02 ottobre 2013 - Confermata l'accusa di pirateria per 13 degli attivisti e un freelance dell'equipaggio Arctic Sunrise.

Noi non siamo pirati

News | 24 settembre, 2013 a 16:02

Con le accuse di pirateria non si scherza. Poche ore fa le Autorità russe hanno aperto un'indagine sulla possibilità del reato di pirateria da parte degli attivisti di Greenpeace a bordo della nave Arctic Sunrise che al momento si trova nelle...

Gli orsi polari di Greenpeace in azione alla raffineria di Shell in Danimarca

News | 28 agosto, 2013 a 17:21

Questa mattina attivisti di Greenpeace travestiti da orsi polari hanno fatto irruzione in una delle sei raffinerie di Shell in Europa a Fredericia, Danimarca, per protestare contro i piani dell’azienda di trivellare nell’Artico.

La nostra nave nell'Artico costretta ad abbandonare la rotta

News | 26 agosto, 2013 a 16:48

L’ Arctic Sunrise, la nostra nave rompighiaggio in missione nei mari artici contro le trivellazioni petrolifere, ha deciso di allontanarsi dalla Rotta del Mare del Nord (Northern Sea Route, NSR) sotto la minaccia della guardia costiera russa di...

1 - 10 di 104 risultati.

Categorie