Allarme Amazzonia

L'attrice francese Marion Cotillard, vincitrice di un Premio Oscar e candidata ora alla Palma d'Oro al festival di Cannes, spiega in un corto d'animazione diffuso oggi da Greenpeace come il taglio illegale stia distruggendo la foresta amazzonica brasiliana. http://allarmeamazzonia.greenpeace.it

Dettagli video



Amazzonia

L’Amazzonia è l’ecosistema più ricco di biodiversità al mondo: ospita circa 60.000 specie di piante, 1.000 specie di uccelli e oltre 300 specie di mammiferi. La causa principale della distruzione della foresta amazzonica è l'allevamento bovino.

Si estende su un’area di circa 6,5 milioni di chilometri quadrati e attraversa nove paesi del Sud America per circa il 5% della superficie terrestre. Tra il 2000 e il 2007, l’Amazzonia brasiliana è stata deforestata a un tasso medio di 19,368 chilometri quadrati all’anno. In questo lasso di tempo, quindi, più di 154,312 chilometri quadrati di foresta sono andati perduti: un’area pari alla superficie della Grecia.

Il Brasile è al quarto posto nella classifica dei paesi emettitori a livello globale. La deforestazione e il cambio d’uso dei suoli forestali causa il 75% delle emissioni del paese. Di questa percentuale il 59% proviene dalla perdita di copertura forestale e dagli incendi nella regione amazzonica.

La causa principale di questa distruzione è l’allevamento bovino, in linea con l’aumento dell’export brasiliano di capi bovini e carne. Si stima che l’Amazzonia conservi tra 80 e 120 miliardi di tonnellate di carbonio. Se queste riserve di carbonio venissero distrutte, si emetterebbero in atmosfera una quantità di gas serra pari a cinquanta volte quelle prodotte dagli Stati Uniti in un anno.

Deforestazione Zero è l’obiettivo che il Brasile deve raggiungere a ogni costo attraverso strategie che combinino la riduzione progressiva della deforestazione con lo sviluppo sostenibile delle risorse naturali e la conservazione della biodiversità.

Gli ultimi aggiornamenti

 

AL TELEFONO CON NESTLÉ

Blog di Chiara Campione | 12 aprile, 2010 5 commenti

Stamattina ho chiamato il servizio clienti di Nestlè Italia per testare la nostra nuova attività “Chiama Nestlè e chiedigli di dare un Break alle foreste” . Mi ha risposto una ragazza molto amichevole e garbata che chiamerò Federica.

Fate un break? Attenti a Kit Kat!

News | 17 marzo, 2010 a 0:00

In prodotti come Kit Kat Nestlé utilizza olio di palma che proviene dalla distruzione delle foreste indonesiane e minaccia gli ultimi oranghi. Con un video shock oggi chiediamo a Nestlè di interrompere immediatamente i rapporti commerciali con...

Blitz su nave a Genova: No alla 'benzina verde' che distrugge le foreste

News | 14 marzo, 2010 a 0:00

Albeggia appena quando dalla Rainbow Warrior i nostri attivisti partono su tre gommoni per far 'visita' alla nave Bunga Melati, all'ingresso del porto di Genova. Trasporta un carico di biodiesel ottenuto dall'olio di palma, la causa della...

Johnny Palomba con Greenpeace

Video | 23 novembre, 2009 a 15:50

Presso la libreria Bibli si è tenuto levento di Greenpeace Nel ground zero del clima dedicato alla protezione delle preziose foreste primarie dellIndonesia. Testimonial dellevento Johnny Palomba, il critico cinematografico senza volto che ha...

La protesta degli oranghi senzatetto

Video | 23 novembre, 2009 a 15:44

Attivisti di Greenpeace travestiti da oranghi senza casa si sono arrampicati sui pini delle aiuole di Piazza Venezia e hanno steso il banner Berlusconi taglia la CO2, non le foreste per chiedere al Presidente del Consiglio un impegno concreto per...

Oranghi sugli alberi a Roma: "Berlusconi, taglia la CO2 non le foreste"

News | 20 novembre, 2009 a 0:00

I nostri attivisti travestiti da oranghi "senza casa" si sono arrampicati sui pini delle aiuole di Piazza Venezia e hanno steso il banner "Berlusconi, taglia la CO2 non le foreste" per chiedere al Presidente del Consiglio un impegno concreto per...

Indonesia proibita

Video | 18 novembre, 2009 a 12:33

La nostra campaigner Chiara, un giornalista de "L'Espresso" e altri attivisti, sono stati portati alla stazione di polizia per l'immigrazione di Pekanbaru per essere espulsi: si stavano recando al Campo di Resistenza per il Clima.

La nostra attivista espulsa dall'Indonesia con false accuse

News | 17 novembre, 2009 a 0:00

Anche se formalmente non viene loro contestato alcun addebito, la nostra campaigner Chiara, insieme a un giornalista de "L'Espresso" e ad altri attivisti, sono stati portati alla stazione di polizia per l'immigrazione di Pekanbaru per essere...

La polizia indonesiana al Campo di resitenza

Immagine | 16 novembre, 2009 a 0:00

La polizia indonesiana al Campo di resitenza climatica di Greenpeace nella penisola di Kampar.

Indonesia. Attivista italiana fermata dalla polizia

News | 16 novembre, 2009 a 0:00

Chiara, la nostra responsabile della campagna Foreste, è stata fermata dalla polizia indonesiana mentre raggiungeva il "Campo di resistenza climatica". La polizia ha richiesto di sottoporre lei e altri attivisti a "ispezioni corporali". È una...

91 - 100 di 282 risultati.

Categorie