Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Allarme Amazzonia

L'attrice francese Marion Cotillard, vincitrice di un Premio Oscar e candidata ora alla Palma d'Oro al festival di Cannes, spiega in un corto d'animazione diffuso oggi da Greenpeace come il taglio illegale stia distruggendo la foresta amazzonica brasiliana. http://allarmeamazzonia.greenpeace.it

Dettagli video



Amazzonia

L’Amazzonia è l’ecosistema più ricco di biodiversità al mondo: ospita circa 60.000 specie di piante, 1.000 specie di uccelli e oltre 300 specie di mammiferi. La causa principale della distruzione della foresta amazzonica è l'allevamento bovino.

Si estende su un’area di circa 6,5 milioni di chilometri quadrati e attraversa nove paesi del Sud America per circa il 5% della superficie terrestre. Tra il 2000 e il 2007, l’Amazzonia brasiliana è stata deforestata a un tasso medio di 19,368 chilometri quadrati all’anno. In questo lasso di tempo, quindi, più di 154,312 chilometri quadrati di foresta sono andati perduti: un’area pari alla superficie della Grecia.

Il Brasile è al quarto posto nella classifica dei paesi emettitori a livello globale. La deforestazione e il cambio d’uso dei suoli forestali causa il 75% delle emissioni del paese. Di questa percentuale il 59% proviene dalla perdita di copertura forestale e dagli incendi nella regione amazzonica.

La causa principale di questa distruzione è l’allevamento bovino, in linea con l’aumento dell’export brasiliano di capi bovini e carne. Si stima che l’Amazzonia conservi tra 80 e 120 miliardi di tonnellate di carbonio. Se queste riserve di carbonio venissero distrutte, si emetterebbero in atmosfera una quantità di gas serra pari a cinquanta volte quelle prodotte dagli Stati Uniti in un anno.

Deforestazione Zero è l’obiettivo che il Brasile deve raggiungere a ogni costo attraverso strategie che combinino la riduzione progressiva della deforestazione con lo sviluppo sostenibile delle risorse naturali e la conservazione della biodiversità.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Dalla Scandinavia alla Polonia: lottiamo per le ultime foreste europee!

Blog di Martina Borghi - Campagna Foreste Greenpeace Italy | 7 dicembre, 2017 18 commenti

La foresta di Fagerholmsloken , nella Svezia settentrionale, era una tra le più antiche appartenenti all’ecosistema boreale della Grande foresta del Nord , che si estende dalla Scandinavia fino al Canada, passando per la Russia e...

In azione al quartier generale di Tempo!

News | 4 ottobre, 2017 a 10:43

La foresta vale più di un fazzoletto: ecco perché siamo davanti alla sede italiana di Essity

Non sprechiamo Tempo, salviamo la Foresta!

News | 27 settembre, 2017 a 13:30

Per produrre fazzoletti, si spazzano via alberi secolari. Ti sembra giusto?

Il più grande produttore di olio di palma dovrà ripristinare la foresta

News | 6 settembre, 2017 a 17:31

La compagnia malese FELDA dovrà riforestare 1000 ettari di foresta in Indonesia

Temer non svendere l’Amazzonia alle aziende minerarie!

News | 30 agosto, 2017 a 17:09

Un nuovo decreto permetterà lo sfruttamento minerario di un’area di Foresta Amazzonica grande quanto la Danimarca

Gli zoo non salveranno i caribù dall’estinzione

Blog di Martin Borghi | 5 maggio, 2017

Uno degli animali più emblematici del Canada e della Grande Foresta del Nord è il caribù, più comunemente detto renna: un animale meraviglioso che però rischia l’estinzione. Le soluzioni proposte per salvarlo, sono inaccettabili. ...

Salviamo la Grande Foresta del Nord

News | 6 marzo, 2017 a 12:44

La Foresta Dvinsky rischia di scomparire per l’industria della carta

HSBC, la banca che finanzia la distruzione delle foreste indonesiane

News | 17 gennaio, 2017 a 10:45

Prestiti milionari ad alcune delle peggiori società nel settore dell’olio di palma

La foresta Dvinsky è in pericolo!

Blog di Martina Borghi, campagna foreste | 20 dicembre, 2016

Gufi reali, ghiottoni, orsi bruni, piante ed animali rari. È uno degli ultimi ecosistemi intatti in Europa: la Foresta Dvinsky (che prende il nome dal fiume Dvina) è uno degli ultimi Paesaggi  Forestali  Intatti (Intact Forest...

IOI: ora è tempo di agire e guidare il cambiamento!

Blog di Martina Borghi, campagna foreste | 30 settembre, 2016

Nonostante il rapporto che espone le operazioni distruttive dei fornitori di IOI , e il blocco effettuato dai nostri attivisti alla raffineria di IOI al porto di Rotterdam , il gigante malese dell’ olio di palma si è rifiutato di...

1 - 10 di 137 risultati.

Categorie