Amazzonia Arrosto

Brasile 29 Gennaio, 2009 Greenpeace, al World Social Forum di Belem, diffonde una serie di nuove mappe insieme al rapporto-scandalo: Amazzonia arrosto. Limpronta ecologica dellallevamento bovino nello stato del Mato Grosso. Con un emozionante videoblog e immagini direttamente dallAmazzonia, Greenpeace denuncia la diretta relazione tra lespansione dellallevamento bovino e il dilagare della distruzione del polmone del mondo nello stato del Mato Grosso, la regione amazzonica con il più alto tasso di deforestazione.

Dettagli video



Amazzonia

L’Amazzonia è l’ecosistema più ricco di biodiversità al mondo: ospita circa 60.000 specie di piante, 1.000 specie di uccelli e oltre 300 specie di mammiferi. La causa principale della distruzione della foresta amazzonica è l'allevamento bovino.

Si estende su un’area di circa 6,5 milioni di chilometri quadrati e attraversa nove paesi del Sud America per circa il 5% della superficie terrestre. Tra il 2000 e il 2007, l’Amazzonia brasiliana è stata deforestata a un tasso medio di 19,368 chilometri quadrati all’anno. In questo lasso di tempo, quindi, più di 154,312 chilometri quadrati di foresta sono andati perduti: un’area pari alla superficie della Grecia.

Il Brasile è al quarto posto nella classifica dei paesi emettitori a livello globale. La deforestazione e il cambio d’uso dei suoli forestali causa il 75% delle emissioni del paese. Di questa percentuale il 59% proviene dalla perdita di copertura forestale e dagli incendi nella regione amazzonica.

La causa principale di questa distruzione è l’allevamento bovino, in linea con l’aumento dell’export brasiliano di capi bovini e carne. Si stima che l’Amazzonia conservi tra 80 e 120 miliardi di tonnellate di carbonio. Se queste riserve di carbonio venissero distrutte, si emetterebbero in atmosfera una quantità di gas serra pari a cinquanta volte quelle prodotte dagli Stati Uniti in un anno.

Deforestazione Zero è l’obiettivo che il Brasile deve raggiungere a ogni costo attraverso strategie che combinino la riduzione progressiva della deforestazione con lo sviluppo sostenibile delle risorse naturali e la conservazione della biodiversità.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Ministro Martina, che fine ha fatto il decreto contro il legno illegale?

Blog di Esperanza Mora - Campaigner Foreste | 10 luglio, 2014 2 commenti

Dopo l'approvazione in Consiglio dei Ministri, il decreto legislativo che l'Italia deve emanare per implementare la normativa europea contro le importazioni di legno illegale rimane bloccato. A 16 mesi dall'entrata in vigore, il...

L’impegno di Johnson&Johnson: niente più lacrime anche per le foreste indonesiane

Blog di Chiara Campione | 7 maggio, 2014 2 commenti

Avete presente quello shampoo con cui milioni di madri lavano i capelli dei propri figli perché fa tanta schiuma e promette mai più lacrime ? Ecco, mentre i nostri bambini sono felici in mezzo alla schiuma e senza bruciore agli...

Italia senza legge: porte aperte al legname illegale

Blog di Esperanza Mora, campaigner Foreste | 4 settembre, 2013 3 commenti

La foresta del bacino del Congo è il secondo polmone più grande del Pianeta. Oltre a purificare l’aria, fornisce acqua dolce e terre fertili alle popolazioni, ed è l’habitat dell’elefante delle foreste, il gorilla e oltre 3 mila specie...

FSC, sei l’unico credibile ma non perfetto!

Blog di Esperanza Mora, campaigner Foreste | 18 luglio, 2013 1 commento

Nel 1993 nasce Forest Stewardship Council (FSC), il sistema di certificazione forestale che consente a consumatori e aziende di trovare sul mercato legno e prodotti derivati provenienti da fonti gestite in modo responsabile. Vent’anni...

Le foreste siamo noi

Blog di Chiara Campione | 21 marzo, 2013

Qui da noi ogni giorno è il Giorno delle foreste. Oggi festeggio le foreste. E i miei amici e colleghi che lavorano alla campagna Foreste di Greenpeace faranno lo stesso. Niente di nuovo in realtà. Noi lo facciamo tutti i giorni. ...

Nuovo impegno del gigante JBS per l’Amazzonia

Blog di Esperanza Mora, campagna Foreste | 21 dicembre, 2012

In questi giorni JBS, il gigante della carne e della pelle brasiliana, ha firmato un nuovo impegno a rispettare l’accordo del 2009 per combattere la distruzione dell’Amazzonia. A giugno 2009, infatti, in seguito alla denuncia di...

Il futuro dell'Amazzonia è sempre più incerto

Blog di Jessica Miller, campagna Amazzonia | 19 ottobre, 2012 1 commento

Per dieci anni il destino delle foreste brasiliane è rimasto appeso al futuro del Codice Forestale. La legge che proteggeva la foresta amazzonica in Brasile, infatti, rischiava di essere indebolita. In questi ultimi anni il dibattito...

L'Amazzonia ha perso una guerriera

Blog di Chiara Campione, campaigner Foreste | 11 ottobre, 2012 4 commenti

L'arcobaleno che spesso sorge sulla foresta amazzonica oggi è più pallido del solito. Le sue tonalità si sono spente.   Questa settimana Greenpeace e l'Amazzonia hanno perso Tatiana de Carvalho , una delle campaigner più toste...

#SaveTheAmazon - Il decatwitter per salvare l’Amazzonia

Blog di Chiara Campione, campaigner Foreste | 7 giugno, 2012

Una persona che non mantiene le promesse e gli impegni presi la chiamiamo bugiarda. Bugiarda è stata la Presidente del Brasile, Dilma Rouseff , che, infrangendo la promessa fatta agli elettori brasiliani di tutelare l’Amazzonia, ha...

Chiedi a Dilma di salvare l’Amazzonia. Firma! Twitta! Condividi!

Blog di Chiara Campione, campaigner Foreste | 24 maggio, 2012

Non c’è tempo, bisogna salvare l’Amazzonia quindi ve la faccio breve. Entro oggi la Presidente brasiliana Dilma Roussef deciderà le sorti del nuovo Codice Forestale : una legge già approvata dal Congresso Brasiliano che metterebbe in...

1 - 10 di 29 risultati.

Categorie