Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

L'Amazzonia è la più grande foresta rimasta al mondo. Un inestimabile scrigno di biodiversità da difendere. L'Amazzonia, la nostra foresta, è in pericolo a causa della deforestazione e dei cambiamenti climatici. Greenpeace si batte per fermare la deforestazione in Amazzonia entro il 2015 e a livello globale entro il 2020.

L'ammiraglia di Greenpeace, la Rainbow Warrior III, navigherà per due mesi sul Rio delle Amazzoni per mostrare al mondo la bellezza dell'Amazzonia. Oltre alle meraviglie del polmone del pianeta, denunceremo i responsabili della sua distruzione e dimostreremo che ci sono le soluzioni per raggiungere il nostro obiettivo comune: Deforestazione Zero in Amazzonia.

Accompagnaci in questo magico viaggio e aiuta il popolo brasiliano a salvare l’Amazzonia.

L'Amazzonia è vasta, maestosa e ospita un quarto delle specie conosciute. Il giaguaro, il delfino rosa, il bradipo, il fiore più grande al mondo, la scimmia piccola come uno spazzolino da denti e un ragno grande come una palla da baseball sono solo alcune delle specie che conosciamo. Ma ce ne sono ancora molte, tutte da scoprire.

L'Amazzonia è la casa di oltre 20 milioni di persone e centinaia di indigeni che non hanno mai avuto contatti con il mondo esterno.

L'Amazzonia è un enorme deposito di carbonio che ci aiuta a stabilizzare il clima e mitigare i cambiamenti climatici: trattiene tra 80 e 120 miliardi di tonnellate di CO2.

Gli ultimi aggiornamenti

 

La nostra attivista ci scrive da Porto Tolle

Blog di Greenpeace Italia | 10 luglio, 2009

100 x100 carbone pulito è il messaggio scritto negli striscioni che hanno aperto oggi gli operai della centrale di Porto Tolle, in risposta al nostro COAL KILLS ! Ci dicono di tornare a casa, siamo arrivati questa notte decisi e...

Messaggio di Greenpeace al G8 sul clima: oltre cento attivisti occupano cinque...

Blog di Greenpeace Italia | 9 luglio, 2009

Mercoledì mattina all'alba oltre cento attivisti provenienti da 18 nazioni diverse hanno occupato quattro centrali a carbone: Fusina, Vado Ligure, Brindisi e Porto Tolle, chiedendo ai Capi di Stato del G8 di assumere un ruolo di...

False Hope. Why carbon capture and storage won’t save the climate

Pubblicazione | 9 luglio, 2009 a 0:00

La "Carbon Capture and Storage (CCS)" promette di ridurre l'impatto climatico dei combustibili fossili, catturando l'anidride carbonica (CO2) dalle ciminiere delle centrali e immagazzinandola sottoterra. Il suo futuro sviluppo viene ampiamente...

Rapporto UTSIRA

Pubblicazione | 9 luglio, 2009 a 0:00

Il progetto di Sleipner nel mare del Nord è uno dei tre progetti già operativi nel mondo per lo stoccaggio della CO2. Fin dal 1996 il sito è stato utilizzato per lo stoccaggio di circa un milione di tonnellate ci CO2 all'anno in un acquifero...

False Hope. Why carbon capture and storage won’t save the climate

Pubblicazione | 9 luglio, 2009 a 0:00

La "Carbon Capture and Storage (CCS)" promette di ridurre l'impatto climatico dei combustibili fossili, catturando l'anidride carbonica (CO2) dalle ciminiere delle centrali e immagazzinandola sottoterra. Il suo futuro sviluppo viene ampiamente...

731 - 735 di 1099 risultati.