Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

L'Amazzonia è la più grande foresta rimasta al mondo. Un inestimabile scrigno di biodiversità da difendere. L'Amazzonia, la nostra foresta, è in pericolo a causa della deforestazione e dei cambiamenti climatici. Greenpeace si batte per fermare la deforestazione in Amazzonia entro il 2015 e a livello globale entro il 2020.

L'ammiraglia di Greenpeace, la Rainbow Warrior III, navigherà per due mesi sul Rio delle Amazzoni per mostrare al mondo la bellezza dell'Amazzonia. Oltre alle meraviglie del polmone del pianeta, denunceremo i responsabili della sua distruzione e dimostreremo che ci sono le soluzioni per raggiungere il nostro obiettivo comune: Deforestazione Zero in Amazzonia.

Accompagnaci in questo magico viaggio e aiuta il popolo brasiliano a salvare l’Amazzonia.

L'Amazzonia è vasta, maestosa e ospita un quarto delle specie conosciute. Il giaguaro, il delfino rosa, il bradipo, il fiore più grande al mondo, la scimmia piccola come uno spazzolino da denti e un ragno grande come una palla da baseball sono solo alcune delle specie che conosciamo. Ma ce ne sono ancora molte, tutte da scoprire.

L'Amazzonia è la casa di oltre 20 milioni di persone e centinaia di indigeni che non hanno mai avuto contatti con il mondo esterno.

L'Amazzonia è un enorme deposito di carbonio che ci aiuta a stabilizzare il clima e mitigare i cambiamenti climatici: trattiene tra 80 e 120 miliardi di tonnellate di CO2.

Gli ultimi aggiornamenti

 

L’Italia deferita alla Corte europea

News | 17 maggio, 2018 a 16:13

Sforati i limiti di inquinamento atmosferico

I petrolieri pronti a bombardare lo Ionio

News | 8 maggio, 2018 a 11:21

Air gun in un’area preziosa per l’ecosistema marino a Santa Maria di Leuca

Troppo rumor per nulla

Pubblicazione | 8 maggio, 2018 a 10:15

La minaccia dei petrolieri ai mari italiani, mai venuta meno negli ultimi anni, si estende ora alle acque dello Ionio, al largo di Santa Maria di Leuca, su un’area che, secondo la Convenzione sulla Biodiversità (Convention on Biological Diversity...

Inquinano con l’ammoniaca eppure ricevono fondi comunitari

News | 24 aprile, 2018 a 12:54

Da una nostra inchiesta, lo scandalo dei sussidi ad alcuni maxi-allevamenti

In azione in Adriatico! Ieri, oggi, sempre: stop trivelle!

News | 17 aprile, 2018 a 11:25

Il nostro messaggio in una data simbolica: due anni fa si teneva il referendum

6 - 10 di 1115 risultati.