Greenpeace a Napoli: "Differenziamoci"

Per una settimana Greenpeace ha fornito a un gruppo di cittadini di Napoli, quanto occorre per la raccolta differenziata domiciliare. Tutto è stato organizzato in pochi giorni per dimostrare che questa soluzione, oltre a essere concreta e sana, è economica e veloce. Testimonial del progetto Lello Arena.

Dettagli video



Rifiuti

Da anni ormai i rifiuti sono al centro di tematiche politico-ambientali a livello nazionale e internazionale. Non a caso i diversi programmi europei d'azione per l'ambiente hanno posto al centro dell'attenzione proprio il tema rifiuti.

I nostri scarti, infatti, se mal gestiti possono arrecare danno all’ambiente e all’uomo. Nel corso degli anni, l'Europa ha promosso e integrato una serie di normative di settore proprio per arrivare a una maggiore tutela.

Sul tema rifiuti la politica ambientale deve concentrarsi ancora per molto tempo. In Italia, questo settore stenta a trovare una soluzione definitiva per una scarsa volontà politica o per scelte interessate a perseguire strade relativamente più brevi e imprenditoriali (come quella dell'incenerimento ad esempio).

La loro continua produzione è il primo problema che dovrebbe essere affrontato concretamente in fase di programmazione. Dagli anni '90 ai primi anni del nuovo secolo, la produzione dei rifiuti è continuata a crescere parallelamente all'aumento della ricchezza e degli standard di vita sempre più elevati dei Paesi occidentali. Il 2008, secondo il Rapporto Rifiuti ISPRA pubblicato nel 2010, è stato il primo anno di arresto dell'aumento della produzione di rifiuti in Italia dal 1996. Arresto dovuto a diversi fattori, fra cui sicuramente la crisi economica che ha fatto registrare una riduzione dell’1% della spesa delle famiglie nel 2008.

Ma oggi, c'è una nuova minaccia che incombe sul mondo dei rifiuti. È il boom del consumo dei prodotti e gadget tecnologici. Il loro continuo ricambio sta, infatti, generando montagne di rifiuti elettronici ad alto contenuto tossico e difficili da riciclare.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Victoria 's Secret? Ora ha meno segreti!

News | 2013-01-24 a 15:22

Nuovo successo per “Detox”, la nostra campagna che chiede alle aziende della moda l’eliminazione degli scarichi delle sostanze tossiche dalla propria filiera entro il 2020. Arriva finalmente anche l’impegno di “Limited Brands”, proprietaria dei...

I colori di Benetton? Ora più brillanti… senza sostanze tossiche!

Blog di Chiara Campione, campaigner | 2013-01-16 2 commenti

Era ora che la nostra campagna internazionale Detox contagiasse anche casa nostra. In fondo siamo o no il  paese della moda? La buona notizia di oggi è che Benetton si impegna a eliminare le sostanze chimiche pericolose dalle proprie...

Finalmente jeans puliti! Anche Levi's dice sì a Detox

News | 2012-12-13 a 14:57

Ce l'abbiamo fatta. Levi's, la prima marca di blue jeans al mondo, eliminerà ogni sostanza pericolosa dalla sua filiera di produzione e dai suoi prodotti entro il 2020.

Eco-guida ai prodotti elettronici. Sul podio Wipro, HP e Nokia

News | 2012-11-22 a 13:10

Pubblichiamo la diciottesima edizione dell'eco-guida ai prodotti elettronici. Buone le prestazioni di Wipro, HP e Nokia. Peggiorano Dell e Apple che si classificano rispettivamente al quinto e sesto posto, mentre per l'ultimo in classifica...

Libera ZARA dalle sostanze tossiche

News | 2012-11-20 a 13:06

Attento al tuo guardaroba, potrebbe nascondere un piccolo sporco segreto. La campagna Detox lancia oggi il rapporto Toxic Threads - The Fashion Big Stitch-Up e svela i risultati di un’indagine internazionale sui capi d’abbigliamento di 20 catene...

Quando il bucato inquina

News | 2012-03-22 a 16:30

Dietro i capi firmati, le pubblicità accattivanti e il fascino delle passerelle c’è un mondo che l’industria dell’abbigliamento ti vuole nascondere. È un mondo sporco, pieno di sostanze pericolose, che sta lentamente contaminando i nostri fiumi.

Giglio: fondali e acque sotto analisi

News | 2012-03-09 a 17:00

Come sta il mare del Giglio? Per scoprirlo abbiamo avviato un'indagine preliminare sui fondali e sulle acque dell'isola che affiancassero le procedure di monitoraggio condotte dalle istituzioni.

Tutti i veleni della Toxic Costa

News | 2012-02-14 a 13:44

A poco più di un mese dal tragico incidente della Costa Concordia pubblichiamo un inventario delle sostanze e dei materiali pericolosi ancora presenti a bordo, sulla base dell’elenco fornito dall’armatore al Commissario delegato per l’emergenza.

Costa Concordia. Come un mostro di metallo nel mare

Blog di Alessandro Giannì, direttore delle Campagne | 2012-01-19 4 commenti

Da anni volevo tornarci, al Giglio. Ma non così. Per fare qualche bella immersione, qualche foto, in un mare famoso per la sua bellezza. Adesso ci arrivo con un mostro di metallo, trecento metri di bianco che spiccano, da lontano,...

Incidente nel Santuario dei Cetacei: rifiuti tossici in mare

Blog di Alessandro Giannì, direttore delle Campagne | 2012-01-11 1 commento

Cosa ci faceva una nave carica di materiale inquinante nel bel mezzo del Santuario dei cetacei con un mare forza 9/10 e onde di 10 metri? La storia delle 45 tonnellate di catalizzatore Co.Mo (cobalto-molibdeno) disperse dall’...

1 - 10 di 73 risultati.

Categorie