I costi del nucleare

Il nucleare costa poco? Se qualcun altro ti regala la centrale e si occupa delle scorie a gratis, allora il nucleare conviene. Il nucleare è troppo costoso: su questo non ci sono dubbi. E come investimento è molto rischioso e poco prevedibile.

Quando si parla di convenienza del nucleare, ci si riferisce al solo costo del combustibile impiegato, che è più basso rispetto alle altre fonti di energia. Il costo finale dell’elettricità dipende, però, anche da altri fattori quali l’investimento iniziale per la realizzazione dell’impianto, la manutenzione, lo smaltimento dei materiali residui.

Nel nucleare, il costo maggiore è rappresentato dalla realizzazione dell’impianto, un ingente investimento che può essere recuperato solo dopo quindici-venti anni di attività. I costi di costruzione di una centrale nucleare oltre ad essere i più alti, rispetto a quelli di centrali di altro tipo, tendono a lievitare durante la costruzione, rendendo non più così conveniente la produzione di energia.

Basta vedere cosa succede in Francia e in Finlandia, dove si stanno costruendo gli unici due impianti EPR (dello stesso tipo di quelli che si vogliono costruire in Italia): i costi sono molto superiori alle attese, superando anche del 70 per cento le previsioni iniziali, e i ritardi nella costruzione arrivano anche a tre anni.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Rischio nucleare in Europa: 34 reattori da chiudere subito

News | 2012-10-04 a 18:00

Al termine degli 'stress test' condotti sui 145 reattori nucleari presenti in 15 Stati membri, la Commissione Ue raccomanda ulteriori miglioramenti nelle misure di quasi tutti gli impianti ma non ne chiede la chiusura di nessuno reattore.

Sato e Ishiguro. Testimoni di Fukushima

Blog di Chiara, volontaria del Gruppo locale di Roma | 2012-10-01

"Sappiamo soltanto che l'energia nucleare è fuori dal controllo umano" così dice Yurina Sato, che insieme a Misaki Ishiguro, è venuta a trovarci nell’ufficio di Greenpeace a Roma giovedì scorso. Sato e Ishiguro hanno vent’anni e...

Referendum nucleare, un anno dopo

Blog di Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace | 2012-06-12 2 commenti

Sembra sia passato un secolo, eppure fino a poco più di un anno fa ancora si dibatteva di nucleare . E avevamo opinionisti, industriali ed esponenti di primo piano dell’economia e della scienza che ne sostenevano l’ineluttabilità.

Lezioni giapponesi

Blog di Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace | 2012-03-08 3 commenti

A pochi giorni dall’anniversario dell’incidente di Fukushima, quello che succede in Giappone ci da le prove che la chiusura del nucleare è ampiamente possibile. Oggi, dei 54 reattori nucleari giapponesi soltano due sono in funzione e...

L'anniversario del disastro di Fukushima

Galleria di immagini | 2012-03-08

Milioni di persone ancora a rischio nucleare… la mappa interattiva

News | 2012-03-02 a 15:29

Hai mai pensato che quello che è successo a Fukushima potrebbe accadere nuovamente in uno dei 437 reattori nucleari operativi nel mondo?

Sulla vetta del Monte Fuji per le vittime di Fukushima

Blog di Alessio, attivista di Greenpeace | 2012-02-28 1 commento

Questa mattina siamo saliti fino al cratere del Monte Fuji. La nostra spedizione internazionale composta da 11 attivisti-alpinisti provenienti da 11 paesi diversi è partita all'alba e ha raggiunto la vetta intorno a mezzogiorno. Questo...

Fukushima un anno dopo. Il pericolo continua

News | 2012-02-28 a 11:51

Non è stato semplicemente un disastro naturale a causare il tragico incidente alla centrale di Fukushima Daiichi, ma il fallimento del governo, delle agenzie di controllo e dell'industria nucleare giapponese.

Fukushima. La bugia di Tepco

Blog di Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace | 2011-12-16 1 commento

L’annuncio dei funzionari di Tepco e del governo giapponese di aver raggiunto lo stato di “arresto a freddo” dei reattori della centrale nucleare di Fukushima Daiichi è un’informazione fuorviante. Non può esserci “arresto a freddo” se...

11 - 20 di 225 risultati.

Categorie
Tag