Caccia alle balene

Sovrasfruttamento, imbrogli ed estinzione: è questo il circolo vizioso degli interessi che si nascondono dietro la caccia commerciale alle balene e che spazzano via una popolazione di balene dietro l'altra. Anche dopo decenni di protezione, non siamo sicuri di poter recuperare alcune specie.

Le statistiche parlano chiaro. Le balenottere azzurre, in Antartide, sono l'1 per cento della popolazione originaria, nonostante quarant'anni di protezione totale. Alcune popolazioni di balene si stanno espandendo, ma altre no. Si stima che le balene grigie del Pacifico Orientale abbiano recuperato appieno la propria condizione originaria. Le balene grigie del Pacifico Occidentale, invece, sono le più minacciate in assoluto: contando circa cento esemplari, la specie è ormai sull'orlo dell'estinzione.

Non solo caccia

La caccia commerciale non è l'unico pericolo che le balene devono fronteggiare.  Negli ultimi cinquant'anni, da quando cioè si è cominciato a proteggere le balene, l'impatto delle attività dell'uomo sugli ecosistemi marini è profondamente cambiato.

Il cambiamento climatico, l'inquinamento chimico e quello acustico, l’aumento del traffico marittimo, lo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche mettono a repentaglio la sopravvivenza delle popolazioni di balene rimaste. La pesca industriale sottrae alle balene preziose risorse alimentari e le espone al rischio delle catture accidentali.

Nonostante le minacce aumentino e dal 1986 sia in vigore una moratoria sulla caccia commerciale, la Commissione Baleniera Internazionale (IWC) - organismo istituito per tutelare le popolazioni di cetacei – non è ancora stata in grado di fermare le nazioni baleniere. Norvegia, Islanda e Giappone continuano a cacciare. Quest’ultimo ricorrendo al pretesto della caccia effettuata a fini scientifici viola ogni anno il Santuario dell’Oceano Antartico (istituito nel 1994), uccidendo ogni anno oltre 500 esemplari di balene nell’area.

In realtà, il fronte a favore della caccia commerciale all'interno dell'IWC non riflette un cambiamento nell'opinione pubblica, ma è solo il frutto di una politica di acquisto di voti che da anni l'Agenzia di Pesca giapponese con invidiabile perseveranza porta avanti, reclutando nuove e piccole nazioni e offrendo appetitosi finanziamenti in cambio di un voto allineato.

Aspettative eccessive

Le aspettative troppo ottimistiche sul recupero delle popolazioni di balene si basano sull'assunto che, a eccezione della caccia commerciale, le balene sono al sicuro esattamente come potevano esserlo centinaia di anni fa. Purtroppo questa premessa non è più valida. Ed è per questo che noi di Greenpeace crediamo sia necessario fermare la caccia commerciale alle balene in ogni sua forma.

Gli ultimi aggiornamenti

 

L'Arctic Sunrise nel Santuario dei Cetacei

News | 1 agosto, 2008 a 0:00

Parte oggi da Olbia la spedizione di Greenpeace per una verifica dello stato di salute del Santuario dei Cetacei. A bordo dell'Arctic Sunrise - lo storico rompighiaccio dell'organizzazione - ci sarà un'equipe di scienziati e osservatori di...

Vittoria! Alt al rigassificatore OLT

News | 30 luglio, 2008 a 0:00

Il TAR della Toscana ha accolto il ricorso di Greenpeace contro il Rigassificatore offshore di Livorno-Pisa. L'autorizzazione a suo tempo concessa alla prima area marina industriale in un'area marina protetta è stata annullata!

Riserve marine ai raggi X

Pubblicazione | 24 luglio, 2008 a 0:00

Questo rapporto nasce dalla collaborazione di Greenpeace, DAN Europe (Divers Alert Network Europe) e NASE che, all’interno del progetto DES (Divers Environmental Survey), hanno effettuato un monitoraggio subacqueo in 11 aree marine protette (AMP)...

Riserve marine ai raggi x

News | 24 luglio, 2008 a 0:00

Il rapporto "Riserve marine ai raggi X" nasce dal monitoraggio subacqueo in 11 aree marine protette (AMP) realizzato da Greenpeace, Dan Europe e Nase all'interno del progetto DES (Divers Environmental Survey). Obiettivo: verificarne lo stato di...

Liberati gli attivisti giapponesi!

News | 16 luglio, 2008 a 0:00

Junichi Sato e Toru Suzuki sono stati rilasciati su cauzione. I due attivisti di Greenpeace erano stati arrestati il 10 giugno. Per aver intercettato una scatola di carne di balena di contrabbando. Ora che gli attivisti sono liberi, una domanda...

Ancora spadare nel Mediterraneo

News | 7 luglio, 2008 a 0:00

Questa notte la nave di Greenpeace Arctic Sunrise ha intercettato la spadara italiana "Luna Rossa" di Bagnara Calabra che stava pescando in acque internazionali, a circa 40 miglia ad ovest dalle Isole Egadi. Anche se la pesca si stava concludendo...

Liberate gli attivisti!

News | 30 giugno, 2008 a 0:00

Proteste in tutto il mondo per l'ingiusto arresto di Junichi Sato e Toru Suzuki, i due attivisti giapponesi di Greenpeace, che hanno scoperto il più grosso scandalo sul furto e contrabbando della carne di balena. Anche a Roma di fronte alla sede...

Scandalo in Giappone. Arrestati due attivisti

News | 20 giugno, 2008 a 0:00

Due attivisti di Greenpeace - Junichi Sato e Toru Suzuki - sono stati arrestati in Giappone. Lo scorso 15 maggio in una conferenza stampa hanno mostrato pubblicamente una scatola di carne di balena contrabbandata dall'equipaggio della flotta...

I sub e Greenpeace a difesa del mare

News | 21 maggio, 2008 a 0:00

Greenpeace, DAN (Divers Alert Network) e NASE lanciano il progetto DES (Divers Environmental Survey). Una collaborazione tra ambientalismo e subacquea per rendere i sub protagonisti consapevoli della difesa del mare. Tutti i sub sono invitati a...

Contrabbando di carne di balena

News | 15 maggio, 2008 a 0:00

Oggi, dopo quattro mesi di indagini, Greenpeace presenta le prove del contrabbando di carne di balena in Giappone. Gli autori? I membri dell'equipaggio della Nishin Maru, la nave macelleria della flotta baleniera giapponese. Nel corso di una...

51 - 60 di 146 risultati.

Categorie