Caccia alle balene

Sovrasfruttamento, imbrogli ed estinzione: è questo il circolo vizioso degli interessi che si nascondono dietro la caccia commerciale alle balene e che spazzano via una popolazione di balene dietro l'altra. Anche dopo decenni di protezione, non siamo sicuri di poter recuperare alcune specie.

Le statistiche parlano chiaro. Le balenottere azzurre, in Antartide, sono l'1 per cento della popolazione originaria, nonostante quarant'anni di protezione totale. Alcune popolazioni di balene si stanno espandendo, ma altre no. Si stima che le balene grigie del Pacifico Orientale abbiano recuperato appieno la propria condizione originaria. Le balene grigie del Pacifico Occidentale, invece, sono le più minacciate in assoluto: contando circa cento esemplari, la specie è ormai sull'orlo dell'estinzione.

Non solo caccia

La caccia commerciale non è l'unico pericolo che le balene devono fronteggiare.  Negli ultimi cinquant'anni, da quando cioè si è cominciato a proteggere le balene, l'impatto delle attività dell'uomo sugli ecosistemi marini è profondamente cambiato.

Il cambiamento climatico, l'inquinamento chimico e quello acustico, l’aumento del traffico marittimo, lo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche mettono a repentaglio la sopravvivenza delle popolazioni di balene rimaste. La pesca industriale sottrae alle balene preziose risorse alimentari e le espone al rischio delle catture accidentali.

Nonostante le minacce aumentino e dal 1986 sia in vigore una moratoria sulla caccia commerciale, la Commissione Baleniera Internazionale (IWC) - organismo istituito per tutelare le popolazioni di cetacei – non è ancora stata in grado di fermare le nazioni baleniere. Norvegia, Islanda e Giappone continuano a cacciare. Quest’ultimo ricorrendo al pretesto della caccia effettuata a fini scientifici viola ogni anno il Santuario dell’Oceano Antartico (istituito nel 1994), uccidendo ogni anno oltre 500 esemplari di balene nell’area.

In realtà, il fronte a favore della caccia commerciale all'interno dell'IWC non riflette un cambiamento nell'opinione pubblica, ma è solo il frutto di una politica di acquisto di voti che da anni l'Agenzia di Pesca giapponese con invidiabile perseveranza porta avanti, reclutando nuove e piccole nazioni e offrendo appetitosi finanziamenti in cambio di un voto allineato.

Aspettative eccessive

Le aspettative troppo ottimistiche sul recupero delle popolazioni di balene si basano sull'assunto che, a eccezione della caccia commerciale, le balene sono al sicuro esattamente come potevano esserlo centinaia di anni fa. Purtroppo questa premessa non è più valida. Ed è per questo che noi di Greenpeace crediamo sia necessario fermare la caccia commerciale alle balene in ogni sua forma.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Arctic Sunrise vs peschereccio pirata

News | 7 maggio, 2008 a 0:00

Questa notte gli attivisti di Greenpeace hanno affrontato un peschereccio pirata nel Mar Ionio. Lanciati in acqua i gommoni, hanno sequestrato 2 chilometri di spadara, una rete vietata dal 2002. Intrappolati nella spadara piccoli tonni rossi e...

La caccia baleniera è un fallimento

News | 15 aprile, 2008 a 0:00

Dopo una fallimentare missione di caccia, la Nisshin Maru - nave macelleria della flotta baleniera giapponese – è entrata nel porto di Kyoto per scaricare carne di balena. Gli attivisti di Greenpeace l'hanno circondata aprendo uno striscione con...

Sondaggio in Giappone: 3 su 4 contro la caccia alle balene!

News | 19 febbraio, 2008 a 0:00

Tre giapponesi su quattro non approvano la caccia baleniera nel Santuario dei Cetacei dell'Oceano Antartico. E l'87 per cento non sa che sono loro stessi - come contribuenti - a finanziarla. È quanto emerge da un sondaggio commissionato da...

Acquacoltura: sfida alla sostenibilità

Pubblicazione | 29 gennaio, 2008 a 0:00

Questo rapporto - elaborato dagli esperti del Greenpeace Research Laboratories (University of Exeter, UK) – mette in guardia dai rischi dei metodi attualmente utilizzati nell'acquacoltura, indicando i principali problemi da affrontare e alcune...

Balene catturate da una Canon o cacciate con un arpione?

News | 29 gennaio, 2008 a 0:00

Greenpeace chiede a Canon di firmare una dichiarazione contro la caccia alla balene. Ma la più grande azienda di fotocamere digitali - conosciuta in tutto il mondo e maggiore sponsor di progetti per salvare le specie a rischio - risponde "No".

Le baleniere e i rifornimenti illegali in Antartide

News | 24 gennaio, 2008 a 0:00

Gli attivisti di Greenpeace hanno ostacolato il rifornimento di carburante dalla nave cisterna Oriental Bluebird alla nave macelleria giapponese Nisshin Maru. Si tratta di un'operazione illegale nelle acque antartiche per i rischi ambientali che...

In azione contro le baleniere giapponesi

News | 18 gennaio, 2008 a 0:00

Gli attivisti di Greenpeace - a bordo dei gommoni – hanno aggiunto "Falso" in giapponese alla scritta "Ricerca" che campeggia sulla fiancata della Nisshin Maru. La caccia baleniera della flotta del Governo giapponese, infatti, viene spacciata...

L'Esperanza intercetta le baleniere. Al via il confronto nell'Oceano Antartico

News | 12 gennaio, 2008 a 0:00

Missione compiuta. Dopo dieci giorni di ricerca la nave di Greenpeace "Esperanza" intercetta le baleniere giapponesi nell'Oceano Antartico. Le navi baleniere accelerano ma non riescono a staccare l'Esperanza, che naviga alla massima velocità.

L'Esperanza e le balene fianco a fianco

News | 8 gennaio, 2008 a 0:00

Circa cinquanta megattere hanno fatto visita alla nave di Greenpeace "Esperanza", in viaggio nell'Oceano Antartico per bloccare la caccia baleniera giapponese. Il team internazionale di scienziati e video operatori a bordo è riuscito a...

Megattere "graziate" dal Giappone

News | 2 gennaio, 2008 a 0:00

Il governo giapponese "concede la grazia" alle megattere - specie a rischio di estinzione - ma non rinuncia alla "condanna a morte" di circa mille balene nel Santuario dell'Oceano Antartico. Anche quest'anno la nave di Greenpeace "Esperanza" è...

61 - 70 di 146 risultati.

Categorie