Caccia alle balene

Sovrasfruttamento, imbrogli ed estinzione: è questo il circolo vizioso degli interessi che si nascondono dietro la caccia commerciale alle balene e che spazzano via una popolazione di balene dietro l'altra. Anche dopo decenni di protezione, non siamo sicuri di poter recuperare alcune specie.

Le statistiche parlano chiaro. Le balenottere azzurre, in Antartide, sono l'1 per cento della popolazione originaria, nonostante quarant'anni di protezione totale. Alcune popolazioni di balene si stanno espandendo, ma altre no. Si stima che le balene grigie del Pacifico Orientale abbiano recuperato appieno la propria condizione originaria. Le balene grigie del Pacifico Occidentale, invece, sono le più minacciate in assoluto: contando circa cento esemplari, la specie è ormai sull'orlo dell'estinzione.

Non solo caccia

La caccia commerciale non è l'unico pericolo che le balene devono fronteggiare.  Negli ultimi cinquant'anni, da quando cioè si è cominciato a proteggere le balene, l'impatto delle attività dell'uomo sugli ecosistemi marini è profondamente cambiato.

Il cambiamento climatico, l'inquinamento chimico e quello acustico, l’aumento del traffico marittimo, lo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche mettono a repentaglio la sopravvivenza delle popolazioni di balene rimaste. La pesca industriale sottrae alle balene preziose risorse alimentari e le espone al rischio delle catture accidentali.

Nonostante le minacce aumentino e dal 1986 sia in vigore una moratoria sulla caccia commerciale, la Commissione Baleniera Internazionale (IWC) - organismo istituito per tutelare le popolazioni di cetacei – non è ancora stata in grado di fermare le nazioni baleniere. Norvegia, Islanda e Giappone continuano a cacciare. Quest’ultimo ricorrendo al pretesto della caccia effettuata a fini scientifici viola ogni anno il Santuario dell’Oceano Antartico (istituito nel 1994), uccidendo ogni anno oltre 500 esemplari di balene nell’area.

In realtà, il fronte a favore della caccia commerciale all'interno dell'IWC non riflette un cambiamento nell'opinione pubblica, ma è solo il frutto di una politica di acquisto di voti che da anni l'Agenzia di Pesca giapponese con invidiabile perseveranza porta avanti, reclutando nuove e piccole nazioni e offrendo appetitosi finanziamenti in cambio di un voto allineato.

Aspettative eccessive

Le aspettative troppo ottimistiche sul recupero delle popolazioni di balene si basano sull'assunto che, a eccezione della caccia commerciale, le balene sono al sicuro esattamente come potevano esserlo centinaia di anni fa. Purtroppo questa premessa non è più valida. Ed è per questo che noi di Greenpeace crediamo sia necessario fermare la caccia commerciale alle balene in ogni sua forma.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Santuario dei cetacei. A febbraio un tavolo tecnico per salvarlo

Blog di Vittoria Polidori, campaigner Inquinamento | 22 dicembre, 2011 3 commenti

Ogni promessa è debito. Lo scorso ottobre eravamo in    contemporanea a Genova e Firenze per chiedere ai Presidenti di Regione di salvare il Santuario dei Cetacei , un tratto di mare dell’alto Tirreno che da dieci anni attende di...

News dal Santuario: qualcosa si muove ma non basta

Blog di Giorgia Monti, campaigner Mare | 2 settembre, 2011

Ultime notizie dal Santuario dei Cetacei: l'area dello stretto di Bonifacio è stata designata come Area Marina particolarmente Sensibile (PSSA) dall'Organizzazione Marittima Internazionale, in seguito alle richieste avanzate da...

Delfini in vista

Blog di Giorgia Monti, campaigner Mare | 28 giugno, 2011 2 commenti

Siamo in navigazione nel Santuario dei Cetacei. Ieri è partito il nostro monitoraggio a bordo di una barca a vela nell’area di fronte Pisa-Livorno dove sorgerà il rigassificatore off-shore della OLT. Secondo la valutazione di impatto...

Sulla Rainbow Warrior incontro Junichi

Blog di Giorgia Monti, resp. campagna Mare | 11 maggio, 2011 2 commenti

Per chi lavora come me sulla campagna Mare incontrare Junichi Sato, direttore esecutivo di Greenpeace Giappone, è un onore. Domenica, mentre eravamo ancorati al largo di Yokohama, Junichi è salito a bordo della Rainbow Warrior e ho...

Tonno Riomare si impegna al 45%. Ma si può essere sostenibili solo a metà?

Blog di Giorgia, campaigner Mare | 6 maggio, 2011 2 commenti

Il tonno Riomare finalmente si muove verso la sostenibilità, ma si ferma a metà strada. L'azienda produttrice, Bolton Alimentari, ha pubblicato questa settimana la propria politica di sostenibilità. Nelle scatolette novità importanti,...

Stop alla caccia baleniera. Era ora!

Blog di mgiuglia | 16 febbraio, 2011 32 commenti

Buone notizie. Per la flotta baleniera del Giappone questa potrebbe essere la spedizione più breve degli ultimi vent'anni. Il Ministero della Pesca giapponese sta infatti decidendo se fermare la spedizione partita lo scorso 2...

A Marrakesh per chiedere una riserva per il Canale di Sicilia

Blog di Giorgia Monti | 4 novembre, 2009

Eccoci qui a Marrakesh, la città imperiale del Marocco, all’apertura dell’incontro delle Parti della Convenzione di Barcellona, il principale accordo internazionale per la protezione del Mediterraneo. All’appello i rappresentanti per...

1 - 7 di 7 risultati.

Categorie