Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Protesta contro la base militare USA a Okinawa

Immagine | 8 novembre, 2015 a 17:32

L'equipaggio della Rainbow Warrior e lo staff di Greenpeace Giappone si è unito alla flottiglia organizzata dai comitati locali di Okinawa, per protestare contro l'espansione della base militare di Camp Schwab che, tra le altre cose, mette in...

Un bavaglio per i dugonghi di Okinawa

Blog di Alessandro Giannì - Direttore campagne Greenpeace | 5 novembre, 2015 1 commento

C’è un piccolo paradiso nel sud del Giappone. La baia di Henoko, (Okinawa, Arcipelago di Ryūkyū) vanta una diversità biologica invidiabile: 5.300 specie in un eden tropicale di coralli. Questo paradiso ha già visto l’inferno, durante...

Detox Outdoor, costruiamo insieme la campagna!

Blog di Giuseppe Ungherese - Campagna Inquinamento | 5 novembre, 2015 2 commenti

Le persone sono al centro del modo di agire di Greenpeace e uno degli obiettivi principali della campagna Detox Outdoor è coinvolgere le persone per sfidare i grandi marchi dell’outdoor a eliminare i PFC e tutte le sostanze...

Quella sporca filiera

News | 4 novembre, 2015 a 12:21

Il nostro ultimo report shock rivela gravi violazioni dei diritti dei lavoratori sui pescherecci thailandesi

Quella sporca filiera

Pubblicazione | 4 novembre, 2015 a 10:27

La catena di produzione che porta il tonno nelle nostre scatolette è spesso tutt’altro che “pulita”: un sistema che non di rado è macchiato dall’utilizzo di metodi di pesca che stanno svuotando i nostri mari e dalla violazione dei diritti di chi,...

La Rainbow Warrior arriva a Okinawa

Immagine | 2 novembre, 2015 a 18:10

La Rainbow Warrior arriva al porto di Okinawa, sulle vele un messaggio per salvare i dugonghi, mammiferi che vivono in queste acque, nell'Oceano Indiano e nel Mar Rosso.

Tonno, è ora di una svolta sostenibile!

News | 31 ottobre, 2015 a 12:19

Da Napoli a Milano, i nostri volontari in tutta Italia per presentare ai consumatori la classifica “Rompiscatole” e dire basta alla pesca che distrugge il mare!

Mareblu e la sostenibilità: solo promesse da marinaio

Blog di Giorgia Monti, campaigner Mare Greenpeace Italia | 30 ottobre, 2015

Pochi giorni fa abbiamo pubblicato la quarta edizione della classifica Rompiscatole  che Greenpeace aggiorna ciclicamente per valutare la sostenibilità del mercato italiano del tonno in scatola. In questa edizione Mareblu , uno...

Ecco i vincitori: questi i prodotti che avete votato e che analizzeremo in laboratorio

Blog di Giuseppe Ungherese - Campagna Inquinamento | 29 ottobre, 2015

Nelle ultime settimane abbiamo raccolto, da appassionati di sport all’aria aperta e amanti della natura di tutto il mondo, oltre 32 mila preferenze su prodotti e marchi dell’ outdoor che Greenpeace si impegna ad analizzare per...

Basta svuotare il mare per una scatoletta di tonno!

News | 28 ottobre, 2015 a 10:15 1 commento

Avvistati attivisti-squali a Milano, davanti al quartier generale di Mareblu

91 - 100 di 3019 risultati.