Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Greenpeace e MSF insieme per portare aiuti alla popolazione libanese

News | 3 agosto, 2006 a 0:00

Greenpeace ha messo a disposizione la sua nave ammiraglia, la Rainbow Warrior, per aiutare Medici Senza Frontiere a trasportare aiuti umanitari in Libano. La nostra nave, già presente nelle acque del Mediterraneo, è da ieri ormeggiata nel porto...

Francesco Galanzino taglia il traguardo dell'Atacama

Immagine | 1 agosto, 2006 a 16:40

Francesco Galanzino taglia il traguardo dell'Atacama Crossing con lo striscione di Greenpeace "Save The Climate: Energy Revolution!".

Il deserto di Atacama

Immagine | 1 agosto, 2006 a 16:12

Il deserto di Atacama, in Cile, è il deserto più asciutto del globo. Il deserto di Atacama è vecchio 15 milioni di anni ed è 50 volte più arido della valle della morte della California. La parte più asciutta dell'Atacama è una zona denominata "la...

Atacama Crossing. Cile. Galanzino è terzo con handicap siesta.

News | 1 agosto, 2006 a 0:00

Si è conclusa la seconda prova dello slam dei quattro deserti, l'Atacama Crossing. Il runner Francesco Galanzino, testimonial per la campagna Energia e Clima di Greenpeace, ha conquistato il terzo posto assoluto in classifica generale, battuto...

Pace in Medio Oriente.

News | 28 luglio, 2006 a 0:00

Greenpeace è gravemente preoccupata per l'aggravarsi della violenza e del conflitto in Libano, Israele e Gaza. Ci opponiamo alla guerra e alla violenza in ogni parte del mondo. La strada verso la pace non è mai la violenza. Soltanto la...

Marchiato campo di mais OGM in Francia

News | 28 luglio, 2006 a 0:00

A Grezet Cavagnan, nel sud della Francia, è apparso un enorme cerchio in un campo di mais. Ma non si tratta di alieni provenienti da galassie lontane: a Grezet Cavagnan gli unici alieni sono gli organismi geneticamente modificati della Monsanto e...

Alcuni attivisti di Greenpeace sono entrati

Immagine | 27 luglio, 2006 a 17:23

Alcuni attivisti di Greenpeace sono entrati in un campo di mais OGM a Grezet Cavagnan, nella Francia meridionale, e lo hanno "marchiato" come zona di contaminazione, con un enorme cerchio e una "X" al centro. L'azione è avvenuta in risposta alla...

Alcuni attivisti di Greenpeace sono entrati

Immagine | 27 luglio, 2006 a 17:23

Alcuni attivisti di Greenpeace sono entrati in un campo di mais OGM a Grezet Cavagnan, nella Francia meridionale, e lo hanno "marchiato" come zona di contaminazione, con un enorme cerchio e una "X" al centro. L'azione è avvenuta in risposta alla...

Alcuni attivisti di Greenpeace sono entrati

Immagine | 27 luglio, 2006 a 17:22

Alcuni attivisti di Greenpeace sono entrati in un campo di mais OGM a Grezet Cavagnan, nella Francia meridionale, e lo hanno "marchiato" come zona di contaminazione, con un enorme cerchio e una "X" al centro. L'azione è avvenuta in risposta alla...

Alcuni attivisti di Greenpeace sono entrati

Immagine | 27 luglio, 2006 a 17:21

Alcuni attivisti di Greenpeace sono entrati in un campo di mais OGM a Grezet Cavagnan, nella Francia meridionale, e lo hanno "marchiato" come zona di contaminazione, con un enorme cerchio e una "X" al centro. L'azione è avvenuta in risposta alla...

2351 - 2360 di 2851 risultati.