Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Eco-guida IV - Giugno 2007

Pubblicazione | 27 giugno, 2007 a 0:00

Nell'ultima versione della Guida, Apple fa il salto in avanti più grande: è l'effetto della campagna GreenmyApple che ha convinto Steve Jobs, il leader maximo di Cupertino, a promettere una Apple più verde. Mentre Nokia è al comando, Dell e...

Il caso Parmigiano-Reggiano

Pubblicazione | 21 giugno, 2007 a 16:09

Questo documento si divide in due parti: nella prima si parla di problematiche ambientali e sanitarie legate alle colture geneticamente modificate e al loro utilizzo nel settore dell'alimentazione animale. Nella seconda si analizza, invece, un...

Clicca qui per visitare il nuovo sito di

Immagine | 21 giugno, 2007 a 15:22

Clicca qui per visitare il nuovo sito di Greenpeace www.parmigiaNOgm.it .

Ogm: il caso Parmigiano-Reggiano

News | 20 giugno, 2007 a 0:00

Il Parmigiano-Reggiano è a rischio Ogm. Le mucche del Consorzio mangiano soia geneticamente modificata. E gli Ogm entrano nella filiera produttiva di uno dei prodotti italiani più famosi e apprezzati al mondo. Per salvare il Parmigiano e...

Greenpeace

Immagine | 20 giugno, 2007 a 0:00

Greenpeace, insieme alla coalizione Liberi da Ogm, manifesta di fronte al Parlamento per salvare il biologico italiano dalle contaminazioni da Ogm.

Il Governo con Greenpeace a difesa delle foreste del Congo

News | 19 giugno, 2007 a 0:00

"L'Italia deve impegnarsi di più contro la deforestazione". Non è uno slogan, ma un vero e proprio appello del Governo. Il Vice Ministro degli Affari Esteri Patrizia Sentinelli abbraccia la causa di Greenpeace. Scrive al Ministro Padoa Schioppa.

Gli italiani e l'eolico. Un'indagine di Greenpeace e Anev

Pubblicazione | 14 giugno, 2007 a 11:26

Questo documento è una sintesi dei risultato dell'indagine demoscopica promossa da Greenpeace e Anev - Associazione Italiana Energia del Vento - per misurare il gradimento dell'energia eolica in Italia. L'indagine ha coinvolto un campione di 800...

Gli italiani e l'eolico: il feeling c'è

News | 14 giugno, 2007 a 0:00

Gli italiani vogliono l'eolico? Pare proprio di sì. Greenpeace, in collaborazione con Anev, presenta oggi i risultati di un'indagine sull'eolico commissionata alla Customer Asset Improvement: 800 persone intervistate e otto domande per capire...

Non c'è vento da perdere

Immagine | 14 giugno, 2007 a 0:00

Non c'è vento da perdere. Una delle foto scattate presso l'impianto eolico di Greci, vicino Avellino, per promuovere l'eolico, in occasione dell'"European Wind Day 2007".

Andreas K atto terzo: il carico di legname

Immagine | 13 giugno, 2007 a 17:46

Andreas K atto terzo: il carico di legname arriva a destinazione, nelle segherie e negli impianti di lavorazione del legno.

2351 - 2360 di 3130 risultati.