Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Deforestazione in Camerun. Coinvolte imprese italiane

News | 19 aprile, 2007 a 0:00

L'impresa italiana del legno, Fipcam, avrebbe sfruttato illegalmente oltre 700 ettari di foresta in Camerun. Lo denuncia il rapporto pubblicato oggi dalle sezioni olandese e francese di Amici della Terra (Milieu Defensie e Les Amis de la Terre) e...

Deforestazione in Camerun

Immagine | 19 aprile, 2007 a 0:00

Deforestazione in Camerun. Le aziende italiane hanno precise responsabilità. Greenpeace lancia un rapporto sul caso Fipcam.

I soldi dell'ENEL sul nucleare sovietico? No, grazie

News | 17 aprile, 2007 a 0:00

La vera rivoluzione è tornare al nucleare. Sovietico. Enel vuole puntare sull'innovazione, ma decide di investire sul completamento di due vecchi reattori nucleari a Mochovce, in Slovacchia. Quasi due miliardi di euro per una tecnologia obsoleta...

Enel decide di investire sul nucleare

Immagine | 17 aprile, 2007 a 0:00

Enel decide di investire sul nucleare. Sovietico. Dice di credere nell'innovazione. Dice di voler tutelare l'ambiente. Ma investe 1,8 miliardi di euro in una tecnlogia obsoleta e pericolosa, che non rispetta gli standard di sicurezza europeei.

Attivisti di Greenpeace in azione davanti

Immagine | 12 aprile, 2007 a 12:21

Attivisti di Greenpeace in azione davanti alla sede della Banca d'Italia per denunciare la svendita delle foreste primarie del Congo.

Blitz alla Banca d'Italia per difendere le foreste del Congo

News | 12 aprile, 2007 a 0:00

Questa mattina gli attivisti di Greenpeace hanno proposto un baratto al governatore della Banca d'Italia, Mario Draghi: il palazzo per 2 pacchi di sale, 18 barre di sapone, 4 pacchetti di caffè, 24 bottiglie di birra e 2 sacchi di zucchero. È ciò...

SOS per le foreste del Congo

News | 11 aprile, 2007 a 14:07

Greenpeace lancia oggi un nuovo scioccante rapporto per denunciare il saccheggio della foresta della Repubblica Democratica del Congo. La foresta più grande al mondo dopo l'Amazzonia è una difesa fondamentale contro il cambiamento climatico. E le...

Francesco Galanzino alla North Pole Marathon

Immagine | 11 aprile, 2007 a 13:33

Francesco Galanzino alla North Pole Marathon. Con lo striscione della campagna Energia e clima di Greenpeace. Per chiedere una rivoluzione dell'energia. E salvare il clima.

Il saccheggio delle foreste del Congo

Pubblicazione | 11 aprile, 2007 a 0:00

Un'investigazione sulle conseguenze della rapida espansione dell'industria forestale nella Repubblica Democratica del Congo.Questo rapporto dimostra chiaramente quanto sia urgente un impegno politico per fermare la continua espansione...

La deforestazione in Congo mette a rischio

Immagine | 11 aprile, 2007 a 0:00

La deforestazione in Congo mette a rischio la preziosa biodiversità dell'area e contribuisce a esasperare il fenomeno dei cambiamenti climatici.

2351 - 2360 di 3073 risultati.