Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Enel e nucleare: il caso Mochovce

Pubblicazione | 15 novembre, 2007 a 0:00

L'Enel intende spendere circa 1,9 miliardi di euro per il completamento della centrale di "Mochovce 3&4", uno degli impianti più antiquati d'Europa in quanto privo del guscio di contenimento necessario a proteggere i reattori da accidenti esterni...

WEC. Secondo round contro Enel!

News | 15 novembre, 2007 a 0:00

Al World Energy Congress Greenpeace colpisce ancora. Dopo il blitz di domenica scorsa, oggi un nuovo striscione si è aperto "magicamente" sulla testa di Fulvio Conti: "ENEL: Do Not Export Nuclear Risk", per denunciare l’intenzione di Enel di...

Attivisti di Greenpeace in azione al WEC

Immagine | 15 novembre, 2007 a 0:00

Attivisti di Greenpeace in azione al WEC contro gli investimenti ENEL sul nucleare a Belene e Mochovce. Il congresso è stato bloccato per mezz'ora per consentire la rimozione del nostro striscione.

Galanzino sfida il Polo Sud

News | 14 novembre, 2007 a 0:00

Una maratona al Polo Sud. E' la nuova sfida impossibile di Francesco Galanzino. Partirà il prossimo 21 novembre per la gara più fredda e massacrante del mondo: 250 chilometri in 5 giorni, temperature dai -10 ai -30 C°, solo 15 partecipanti. Anche...

Zelig 4 - Due lampadine a spasso per la città

Video | 13 novembre, 2007 a 18:31

Leonardo Manera e Diego Parassole - i due famosi comici di Zelig - hanno collaborato con Greenpeace realizzando una serie di mini gag video per promuovere campagna "Al bando le incandescenti". Sono andati in giro travestiti da lampadine...

Zelig 3 - Due lampadine a spasso per la città

Video | 13 novembre, 2007 a 18:27

Leonardo Manera e Diego Parassole - i due famosi comici di Zelig - hanno collaborato con Greenpeace realizzando una serie di mini gag video per promuovere campagna "Al bando le incandescenti". Sono andati in giro travestiti da lampadine...

In azione al WEC per dire no al nucleare

Video | 12 novembre, 2007 a 18:00

Gli attivisti di Greenpeace entrano in azione al congresso del WEC - il Consiglio Mondiale dell'Energia - per dire NO al nucleare come risposta ai cambiamenti climatici.

Disastro ambientale nel Mar Nero

News | 12 novembre, 2007 a 0:00

Lo scenario è quello dello stretto di Kerch, un passaggio angusto che separa il Mar Nero dal Mare di Azov. Sei imbarcazioni commerciali - 2 petroliere e 4 mercantili - sono state travolte da una tempesta con onde di 6 metri. 2.000 tonnellate di...

Saving the climate: Quit Nuclear Madness – Energy Revolution Now!

Pubblicazione | 11 novembre, 2007 a 0:00

Questo rapporto dimostra come il recupero del nucleare sia in realtà una distrazione rispetto alla vera soluzione del problema dei cambiamenti climatici.

NO al nucleare. Azione di Greenpeace al WEC.

News | 11 novembre, 2007 a 0:00

Inizia oggi - per la prima volta in Italia - il ventesimo congresso del WEC, il Consiglio Mondiale dell'Energia. E Greenpeace entra in azione con i suoi attivisti, per dire NO al nucleare e ricordare che l'unica vera risposta possibile al tema...

2371 - 2380 di 3233 risultati.