Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

"Un grembo

Immagine | 12 maggio, 2006 a 13:54

"Un grembo. Non un deposito chimico". Lo slogan campeggia sul pancione delle volontarie che si sono sottoposte alle analisi del sangue. Tra le volontarie anche Vittoria Polidori, responsabile della campagna Inquinamento di Greenpeace Italia.

La chimica in grembo - Analisi di contaminanti ambientali nel sangue di donne in...

Pubblicazione | 12 maggio, 2006 a 13:47

Greenpeace Italia ha commissionato un'indagine scientifica a un laboratorio olandese esterno ed indipendente - il TNO Environment and Geosciences - per raccogliere nuovi dati sulla presenza di alcuni contaminanti ambientali nel sangue di donne in...

Un grembo. Non un deposito chimico

News | 12 maggio, 2006 a 0:00

Domenica 14 maggio è la Festa della mamma, ma quali sostanze passano attraverso il cordone ombelicale dalla madre al figlio? Ftalati, ritardanti di fiamma e muschi artificiali sono le sostanze persistenti, bioaccumulabili e potenzialmente...

Rischi e pericoli del trasporto di combustibile irraggiato nel Regno Unito [ in inglese ]

Pubblicazione | 10 maggio, 2006 a 0:00

Questa analisi esamina i pericoli, i rischi e le conseguenze potenziali del trasporto del combustibile nucleare irraggiato nel Regno Unito.

GUIDA AI COMPOSTI CHIMICI PRESENTI NEI PRODOTTI DI USO COMUNE

Pubblicazione | 7 maggio, 2006 a 0:00

Ultimo aggiornamento: maggio 2006

Caso Enel. Nucleare all'estero. I reattori dell'assurdo

News | 2 maggio, 2006 a 0:00

L'Enel ha annunciato l'acquisizione della società slovacca "Slovesnke Elektrarne", principale impresa del settore con l'83% della potenza istallata. Il 38% dell'energia erogata dalla SE deriva dallo sfruttamento del nucleare. In cambio della...

Elena con la sorella Irina.

Immagine | 26 aprile, 2006 a 0:00

Elena con la sorella Irina.

Venti anni fa, la catastrofe nucleare di Cernobyl

News | 26 aprile, 2006 a 0:00

Il 26 aprile del 1986, a causa di un esperimento avventato, esplode l'unità numero 4 della centrale nucleare di Cernobyl, in Ucraina. I rischi del nucleare diventano di colpo una minaccia concreta per centinaia di migliaia di persone, non solo in...

Attivisti di Greenpeace in azione presso

Immagine | 24 aprile, 2006 a 19:41

Attivisti di Greenpeace in azione presso la sede dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica, che si trova a Vienna. Gli attivisti hanno recapitato un campione di suolo contaminato da radiazione e proveniente dalla zona di Cernobyl

Una foto storica

Immagine | 20 aprile, 2006 a 0:00

Una foto storica. Alcuni degli attivisti che presero parte alla prima missione di Greenpeace contro i test nucleari condotti a largo delle coste canadesi. Patrick Moore, che ha contribuito a fondare Greenpeace, ma che non fa più parte della...

2371 - 2380 di 2759 risultati.