Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Rischio di contaminazione radioattiva nelle

Immagine | 1 giugno, 2006 a 0:00

Rischio di contaminazione radioattiva nelle falde acquifere nella regione francese dello Champagne

Ordigni nucleari USA NATO in Italia.

Pubblicazione | 30 maggio, 2006 a 0:00

Sei paesi europei - Belgio, Germania, Italia, Paesi Bassi,Turchia e Regno Unito - ospitano, in base agli accordi NATO sulla "condivisione nucleare", 480 bombe sotto il controllo diretto degli degli Stati Uniti. Ognuna di queste bombe rappresenta...

Via le testate nucleari dai cortili di casa nostra!

News | 30 maggio, 2006 a 0:00

Vuoi che l'Europa sia libera o no dalle testate nucleari? Il 71,5 per cento degli italiani ha rispostio affermativamente a questa domanda nell'ambito di un sondaggio commissionato da Greenpeace a Eurisko, alla vigilia del prossimo vertice dei...

Motorola PVC modello Toxic

News | 26 maggio, 2006 a 17:04

Motorola è ritornata sui suoi passi: non rimuoverà dai suoi prodotti sostanze chimiche tossiche come i ritardanti di fiamma bromurati e il PVC. Otto mesi fa Greenpeace si era congratulata con Motorola che aveva promesso di ripulire i propri...

Where have all the tuna gone?

Pubblicazione | 24 maggio, 2006 a 12:26

L'estinzione commerciale del tonno rosso è appena dietro l'angolo a causa della pesca pirata e del ranching dei torni. Questo rapporto di Greenpeace sottolinea l'urgenza di misure per rafforzare le norme sulla pesca e proteggere in particolare i...

Il segreto di La Hague. Acqua radioattiva in Normadia.

News | 24 maggio, 2006 a 9:33

Greenpeace ha reso noto ieri un rapporto del laboratorio Acro che documenta la contaminazione radioattiva delle falde acquifere in Normandia. L'acqua radioattiva viene impiegata in agricoltura e per l'allevamento delle mucche da latte. I...

Database prodotti toxic [ Ultimo aggiornamento maggio 2006 ]

Pubblicazione | 24 maggio, 2006 a 0:00

Guida ai composti chimici presenti nei prodotti di uso comune. Ultimo aggiornamento: maggio 2006.

Greenpeace Francia rende noto un rapporto

Immagine | 23 maggio, 2006 a 18:17

Greenpeace Francia rende noto un rapporto realizzato dal laboratorio Acro, dal quale emerge la contaminazione delle falde acquifere in Normandia. Sono stati rilevati livelli di radioattività pari a sette volte il limite previsto dalla normativa...

I volontari di Greenpeace hanno aperto uno

Immagine | 19 maggio, 2006 a 0:00

I volontari di Greenpeace hanno aperto uno striscione di 300 metri quadri in una vasta area della foresta che è stata massacrata dalla deforestazione. Il messaggio era 'KFC – Amazon Criminal'. Sotto accusa il gigante del fast food Kentucky Fried...

Biodiversità a Palma di Majorca.

Immagine | 17 maggio, 2006 a 0:00

Biodiversità a Palma di Majorca.

2401 - 2410 di 2808 risultati.