Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Il diario di Caterina: un'attivista italiana per salvare le balene

News | 13 febbraio, 2006 a 0:00

Il 18 novembre, l'Esperanza e l'Arctic Sunrise - due navi della nostra flotta - hanno lasciato il porto di Città del Capo per difendere le balene nelle gelide acque dell'Oceano Indiano Meridionale: è iniziata così "A Year in the Life of Our...

Attivisti di Greenpeace in azione alla Fieragricola

Immagine | 12 febbraio, 2006 a 14:17

Attivisti di Greenpeace in azione alla Fieragricola di Verona, dove veniva offerto un banchetto a base di polenta e birra Ogm da Futuragra, un'associazione di lobbisti che promuove il mercato di alimenti geneticamente modificati.

Attivisti di Greenpeace in azione alla Fieragricola

Immagine | 12 febbraio, 2006 a 14:16

Attivisti di Greenpeace in azione alla Fieragricola di Verona, dove veniva offerto un banchetto a base di polenta e birra Ogm da Futuragra, un'associazione di lobbisti che promuove il mercato di alimenti geneticamente modificati.

Attivisti di Greenpeace in azione alla Fieragricola

Immagine | 12 febbraio, 2006 a 14:15

Attivisti di Greenpeace in azione alla Fieragricola di Verona, dove veniva offerto un banchetto a base di polenta e birra Ogm da Futuragra, un'associazione di lobbisti che promuove il mercato di alimenti geneticamente modificati.

Attivisti di Greenpeace in azione alla Fieragricola

Immagine | 12 febbraio, 2006 a 14:12

Attivisti di Greenpeace in azione alla Fieragricola di Verona, dove veniva offerto un banchetto a base di polenta e birra Ogm da Futuragra, un'associazione di lobbisti che promuove il mercato di alimenti geneticamente modificati.

Attivisti di Greenpeace in azione alla Fieragricola

Immagine | 12 febbraio, 2006 a 14:11

Attivisti di Greenpeace in azione alla Fieragricola di Verona, dove veniva offerto un banchetto a base di polenta e birra Ogm da Futuragra, un'associazione di lobbisti che promuove il mercato di alimenti geneticamente modificati.

Attivisti di Greenpeace in azione alla Fieragricola

Immagine | 12 febbraio, 2006 a 14:02

Attivisti di Greenpeace in azione alla Fieragricola di Verona, dove veniva offerto un banchetto a base di polenta e birra Ogm da Futuragra, un'associazione di lobbisti che promuove il mercato di alimenti geneticamente modificati.

Greenpeace premiata dal World Press Photo

Immagine | 10 febbraio, 2006 a 16:18

Greenpeace premiata dal World Press Photo per le foto sugli effetti del cambiamento climatico e dell'industria nucleare.

Molte spesso la pesca non è selettiva ed

Immagine | 9 febbraio, 2006 a 16:45

Molte spesso la pesca non è selettiva ed è molto diffuso il fenomeno delle catture accidentali: ogni anno quasi 100 milioni di squali e di razze vengano catturati per sbaglio e buttati a mare, mentre sono 300.000 i cetacei - balene, focene e...

Le grandi risorse ittiche che si trovano

Immagine | 9 febbraio, 2006 a 12:25

Le grandi risorse ittiche che si trovano nel Pacifico Meridionale sono minacciate dal sovrasfruttamento e dalla pesca industriale. Le comunità locali che da generazioni praticano una pesca tradizionale sostenibile sono minacciate dalle flotte di...

2401 - 2410 di 2728 risultati.