Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

La Bompiani amica delle foreste

News | 14 maggio, 2007 a 0:00

La Bompiani passa dalla parte delle foreste: stamperà tutti i suoi libri su carta riciclata o certificata FSC. Per fare un libro non ci vuole un albero. E grazie all'impegno degli autori che hanno aderito al progetto di Greenpeace "Scrittori per...

Attivisti di Greenpeace manifestano alla

Immagine | 14 maggio, 2007 a 0:00

Attivisti di Greenpeace manifestano alla Fiera del Libro di Torino per sottolineare il successo del progetto "Scrittori per le foreste" attraverso il quale Greenpeace chiede da tempo al mondo dell'editoria un cambiamento radicale, a favore delle...

Attivisti di Greenpeace in azione a Port

Immagine | 9 maggio, 2007 a 12:50

Attivisti di Greenpeace in azione a Port Moresby, in Papua Nuova Guinea, per salvare le foreste

Scorie esportate. Ma a tempo determinato.

News | 9 maggio, 2007 a 0:00

Accordo tra la Sogin e la francese Areva per la gestione delle scorie nucleari italiane. Sono 235 le tonnellate di combustibile irraggiato in partenza. Le scorie verranno riprocessate in Francia. E torneranno in Italia vetrificate. Ma non per...

L'ITTO chiacchiera. Le foreste muoiono

News | 8 maggio, 2007 a 0:00

L'ITTO (International Tropical Timber Organization) è riunito a Port Moresby, in Papua Nuova Guinea, per l'inizio del suo 42° vertice. Attivisti di Greenpeace si sono calati dal tetto del Plaza Crowne hotel, sede del meeting, e hanno spiegato un...

L'ultimo parquet. Il caso del merbau.

Pubblicazione | 4 maggio, 2007 a 0:00

La domanda di parquet di lusso cresce e con essa fanno la loro comparsa sul mercato sempre nuove specie. Nuove mode vengono alla ribalta. Colori, venature e caratteristiche tecniche per tutti i gusti, ma pochi si domandano quali siano le...

Occhio al parquet! Il caso merbau

News | 4 maggio, 2007 a 0:00

C'era una volta il merbau. Un tempo le foreste di merbau ricoprivano un'area vastissima: dall'Africa occidentale all'India meridionale, dal sud-est asiatico all'Oceania. Oggi il merbau – divorato dall'industria del parquet – rischia l'estinzione:...

E finalmente la Apple diventa verde

News | 3 maggio, 2007 a 16:10

Una mela verde sul sito ufficiale della Apple. E un lungo documento con il quale Steve Jobs – il guru della società di Cupertino – si impegna a eliminare alcune delle peggiori sostanze chimiche dai suoi prodotti. È una grande vittoria per...

La schermata della home del sito ufficiale

Immagine | 3 maggio, 2007 a 15:58

La schermata della home del sito ufficiale Apple, sul quale è comparsa una mela verde, a sottolineare la svolta ambientale della società di Cupertino.

Una foto della conferenza di presentazione

Immagine | 3 maggio, 2007 a 13:01

Una foto della conferenza di presentazione del rapporto "In un mare di guai", con la partecipazione di Romina Power, nuova testimonial della campagna Mare di Greenpeace.

2401 - 2410 di 3146 risultati.