Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

La pesca eccessiva nel Mediterraneo porta

Immagine | 17 maggio, 2006 a 0:00

La pesca eccessiva nel Mediterraneo porta a pescare pesci di taglia sempre più piccola.

Francesco Galanzino e Greenpeace. Un milione di passi, un'impresa sportiva per il...

News | 16 maggio, 2006 a 19:16

Il vento tagliente del deserto dei Gobi. I laghi salati dell'Acatama. Le tempeste di sabbia del Sahara. Le temperature agghiaccianti del Polo Sud. Sono questi gli scenari con i quali dovrà confrontarsi, nei prossimi otto mesi, Francesco Galanzino...

Francesco Galanzino

Immagine | 16 maggio, 2006 a 0:00

Francesco Galanzino, 45 anni, è un imprenditore di Tortona sposato con Simona e padre di Giacomo e Giulio. Istruttore di arrampicata sportiva con innumerevoli vie di roccia e cascate di ghiaccio all'attivo nelle Alpi italiane e francesi,...

Le Foreste del Paradiso. Un Paradiso da salvare.

News | 14 maggio, 2006 a 13:22

Le foreste primarie sono una delle risorse naturali più vitali del pianeta. Ospitano circa i due terzi della biodiversità, regolano i cicli dell'acqua e stabilizzano il clima. Lo sfruttamento eccessivo delle risorse forestali è un problema di...

La stazione di Greenpeace per la protezione

Immagine | 14 maggio, 2006 a 11:09

La stazione di Greenpeace per la protezione delle foreste del Paradiso si trova in Papua Nuova Guinea, nei pressi del lago Murray.

A Fontana di Trevi contro la pesca pirata

Immagine | 14 maggio, 2006 a 10:02

Una sirena è apparsa oggi a Roma, nella Fontana di Trevi, per dire basta alla pesca pirata che uccide il mare.

Il costo umano di una catastrofe

Galleria di immagini | 13 maggio, 2006

prova cern 2

Immagine | 13 maggio, 2006 a 11:06

Birds swim on flooded Karl Marx Street in Muslumovo, a village which has been contaminated by the Mayak Nuclear Complex. This street is almost totally abandoned because radiation-levels are so high. Muslumovo was contaminated with radio-active...

prova cern

Immagine | 13 maggio, 2006 a 11:01

Mentally handicapped children are cared for in an orphanage in Ajaguz. Children in the region of Semipalatinsk are born with mental handicaps because of the high doses of radiation their parents received. Socially and economically isolated, many...

"Un grembo

Immagine | 12 maggio, 2006 a 13:54

"Un grembo. Non un deposito chimico". Lo slogan campeggia sul pancione delle volontarie che si sono sottoposte alle analisi del sangue. Tra le volontarie anche Vittoria Polidori, responsabile della campagna Inquinamento di Greenpeace Italia.

2401 - 2410 di 2798 risultati.