Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Zelig 1 - Due lampadine a spasso per la città

Video | 28 ottobre, 2007 a 18:07

Leonardo Manera e Diego Parassole - i due famosi comici di Zelig - hanno collaborato con Greenpeace realizzando una serie di mini gag video per promuovere campagna "Al bando le incandescenti". Sono andati in giro travestiti da lampadine...

Leonardo Manera e Diego Parassole hanno collaborato

Immagine | 26 ottobre, 2007 a 12:08

Leonardo Manera e Diego Parassole hanno collaborato con Greenpeace per promuovere la campagna "Al bando le incandescenti" realizzando una serie di gag video, travestiti da lampadine.

Greenpeace risponde ai blog sul rapporto dell’iPhone della Apple

Pubblicazione | 26 ottobre, 2007 a 0:00

L’obiettivo di Greenpeace e’ quello di messa al bando delle sostanze pericolose nei beni di consumo ed in particolare nei prodotti elettrici ed elettronici. Con la recente ricerca pubblicata sull’iPhone (a cui ha fatto seguito un altro studio su...

Briefing "Al bando le lampadine incandescenti"

Pubblicazione | 26 ottobre, 2007 a 0:00

Breve rapporto di approfondimento della campagna "Al bando le incandescenti". Con questa campagna Greenpeace chiede la messa al bando delle lampadine incandescenti, sprecone e nemiche del clima. Secondo Greenpeace occorre sostituire le lampadine...

Al bando le lampadine a incandescenza

News | 26 ottobre, 2007 a 0:00

Greenpeace lancia oggi la campagna per mettere al bando le lampadine incandescenti, sprecone e nemiche del clima. A promuovere l'iniziativa, Leonardo Manera e Diego Parassole - i due noti comici di Zelig - che hanno realizzato una serie di mini...

"Le salvi chi può": foreste in bella mostra

News | 25 ottobre, 2007 a 0:00

Dal 26 al 29 ottobre - presso l'Arancera del Comune di Roma - sarà aperta al pubblico la mostra "Le salvi chi può". I visitatori verranno condotti in un coinvolgente percorso interattivo: la ricostruzione in serra di una selva tropicale, una...

Sostanze pericolose nei portatili. Atto II

Pubblicazione | 23 ottobre, 2007 a 0:00

Seconda edizione del rapporto di Greenpeace che analizza la presenza di composti chimici pericolosi nei computer portatili.

Portatili ma pericolosi

News | 23 ottobre, 2007 a 0:00

Greenpeace presenta i risultati di una ricerca condotta sui materiali contenuti nei portatili. Nell'ultimo anno i produttori di computer hanno eliminato l'uso di alcune delle sostanze più pericolose. Ma i portatili continuano a essere imbottiti...

La Bibbia secondo Greenpeace

News | 18 ottobre, 2007 a 0:00

Primo: non distruggere le foreste primarie. Secondo: stampare su carta riciclata e certificata FSC. Così – negli Usa - la Bibbia diventa verde. L’editore Thomas Nelson Inc. ha sviluppato una nuova qualità di carta ecologica super sottile, ideale...

L’ombra della Clemenceau sul porto di Napoli

News | 17 ottobre, 2007 a 0:00

Il porto di Napoli rischia di essere il cantiere in cui verrà smantellata la portaerei francese Clemenceau. 27.000 tonnellate, piene di amianto, PCB e metalli pesanti in arrivo. Da anni Greenpeace denuncia il pericolo dello smantellamento delle...

2401 - 2410 di 3239 risultati.