Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Lo smaltimento dei rifiuti elettronici e

Immagine | 6 dicembre, 2006 a 0:00

Lo smaltimento dei rifiuti elettronici e l'impiego di sostanze chimiche pericolose nella produzione di prodotti tecnologici come personal computer e cellulari rappresentano una vera e proprio emergenza ambientale.

L'UE concede l'amnistia ai pirati e condanna a morte i tonni rossi

News | 5 dicembre, 2006 a 0:00

Il "piano di recupero" presentato a conclusione della riunione dell'Iccat (Commissione Internazionale per la Conservazione del Tonno Atlantico) a Dubrovnik su proposta dell'Ue farà "recuperare" soltanto la pesca illegale, a danno dei tonni rossi,...

Per i lavori di ristrutturazione della sede

Immagine | 1 dicembre, 2006 a 15:05

Per i lavori di ristrutturazione della sede della Commissione Europea, il palazzo di Berlaymont, a Bruxelles, è stato utilizzato legname fornito da imprese note per il commercio di legno illegale. Questo rappresenta una violazione nelle norme che...

OGM free i maggiori importatori russi di cibo e foraggio

News | 28 novembre, 2006 a 0:00

Dopo tre settimane di intensa campagna contro le importazioni di cibo geneticamente modificato in Russia, arriva una buona notizia: i due più grandi importatori russi di cibo e foraggio adotteranno la politica ogm free, utilizzando esclusivamente...

Ritorno all'isola del Diavolo. Monitoraggio all'isola di Montecristo

Pubblicazione | 26 novembre, 2006 a 0:00

Nel mese di giugno, Greenpeace effettua un'immersione di monitoraggio sui fondali di Montecristo. I risultati sono sconfortanti: non si vedono pesci di grossa taglia. Il fenomeno potrebbe indicare una certa pressione di pesca. E sarebbe pesca...

Bombe atomiche a Montecitorio.

News | 24 novembre, 2006 a 0:00

In vista dell'imminente Summit Nato di Riga, Greenpeace protesta a Montecitorio con sei riproduzioni di bombe atomiche tipo B61 a grandezza naturale. Il messaggio è forte e chiaro: serve il disarmo nucleare per bloccare la proliferazione atomica.

Attivisti di Greenpeace in azione con 6 riproduzioni

Immagine | 24 novembre, 2006 a 0:00

Attivisti di Greenpeace in azione con 6 riproduzioni di testate atomiche B61 a grandezza naturale, per chiedere una nuova stagione di disarmo, necessaria per fermare la proliferazione atomica.

1000 balene a rischio di massacro

News | 16 novembre, 2006 a 0:00

Bloccare le baleniere in porto e fermare il fittizio programma di ricerca è questa la richiesta di Greenpeace al governo giapponese in vista della riapertura della stagione di caccia alle balene.

Attivisti di Greenpeace in azione davanti

Immagine | 9 novembre, 2006 a 13:12

Attivisti di Greenpeace in azione davanti alla sede della Kimberly-Clark per denunciare le responsabilità della multinazionale, nota ai consumatori italiani per i marchi Kleenex e Scottex, nella distruzione delle foreste primarie del Canada.

Greenpeace ha protestato oggi di fronte alla

Immagine | 9 novembre, 2006 a 9:55

Greenpeace ha protestato oggi di fronte alla direzione della Kimberly-Clark per denunciare la distruzione delle foreste primarie del Canada. La Kimberly-Clark, nota per i marchi Kleenex e Scottex e principale produttore di fazzolettini e carta...

2471 - 2480 di 3072 risultati.