Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Motorola PVC modello Toxic

News | 26 maggio, 2006 a 17:04

Motorola è ritornata sui suoi passi: non rimuoverà dai suoi prodotti sostanze chimiche tossiche come i ritardanti di fiamma bromurati e il PVC. Otto mesi fa Greenpeace si era congratulata con Motorola che aveva promesso di ripulire i propri...

Where have all the tuna gone?

Pubblicazione | 24 maggio, 2006 a 12:26

L'estinzione commerciale del tonno rosso è appena dietro l'angolo a causa della pesca pirata e del ranching dei torni. Questo rapporto di Greenpeace sottolinea l'urgenza di misure per rafforzare le norme sulla pesca e proteggere in particolare i...

Il segreto di La Hague. Acqua radioattiva in Normadia.

News | 24 maggio, 2006 a 9:33

Greenpeace ha reso noto ieri un rapporto del laboratorio Acro che documenta la contaminazione radioattiva delle falde acquifere in Normandia. L'acqua radioattiva viene impiegata in agricoltura e per l'allevamento delle mucche da latte. I...

Database prodotti toxic [ Ultimo aggiornamento maggio 2006 ]

Pubblicazione | 24 maggio, 2006 a 0:00

Guida ai composti chimici presenti nei prodotti di uso comune. Ultimo aggiornamento: maggio 2006.

Greenpeace Francia rende noto un rapporto

Immagine | 23 maggio, 2006 a 18:17

Greenpeace Francia rende noto un rapporto realizzato dal laboratorio Acro, dal quale emerge la contaminazione delle falde acquifere in Normandia. Sono stati rilevati livelli di radioattività pari a sette volte il limite previsto dalla normativa...

I volontari di Greenpeace hanno aperto uno

Immagine | 19 maggio, 2006 a 0:00

I volontari di Greenpeace hanno aperto uno striscione di 300 metri quadri in una vasta area della foresta che è stata massacrata dalla deforestazione. Il messaggio era 'KFC – Amazon Criminal'. Sotto accusa il gigante del fast food Kentucky Fried...

Biodiversità a Palma di Majorca.

Immagine | 17 maggio, 2006 a 0:00

Biodiversità a Palma di Majorca.

La pesca eccessiva nel Mediterraneo porta

Immagine | 17 maggio, 2006 a 0:00

La pesca eccessiva nel Mediterraneo porta a pescare pesci di taglia sempre più piccola.

Francesco Galanzino e Greenpeace. Un milione di passi, un'impresa sportiva per il...

News | 16 maggio, 2006 a 19:16

Il vento tagliente del deserto dei Gobi. I laghi salati dell'Acatama. Le tempeste di sabbia del Sahara. Le temperature agghiaccianti del Polo Sud. Sono questi gli scenari con i quali dovrà confrontarsi, nei prossimi otto mesi, Francesco Galanzino...

Francesco Galanzino

Immagine | 16 maggio, 2006 a 0:00

Francesco Galanzino, 45 anni, è un imprenditore di Tortona sposato con Simona e padre di Giacomo e Giulio. Istruttore di arrampicata sportiva con innumerevoli vie di roccia e cascate di ghiaccio all'attivo nelle Alpi italiane e francesi,...

2471 - 2480 di 2875 risultati.