Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Scottex: 10 piani di... distruzione

News | 9 novembre, 2006 a 0:00

Gli attivisti di Greenpeace sono entrati in azione per denunciare la Kimberly-Clark, uno dei più importanti produttori al mondo di fazzolettini e carta igienica, noto ai consumatori italiani per i marchi Kleenex e Scottex. Da un'indagine di...

Greenpeace ha protestato oggi di fronte alla

Immagine | 9 novembre, 2006 a 0:00

Greenpeace ha protestato oggi di fronte alla direzione della Kimberly-Clark per denunciare la distruzione delle foreste primarie del Canada. La Kimberly-Clark, nota per i marchi Kleenex e Scottex e principale produttore di fazzolettini e carta...

L'arrivo di Francesco Galanzino nell'ultima

Immagine | 4 novembre, 2006 a 17:17

L'arrivo di Francesco Galanzino nell'ultima tappa dell'Atacama Crossing. "Save the climate. Energy Revolution" è il messaggio cardine della campagna Energia e Clima di Greenpeace.

Venticinque attivisti di Greenpeace sono

Immagine | 4 novembre, 2006 a 9:26

Venticinque attivisti di Greenpeace sono entrati in azione, occupando la centrale elettrica a carbone di Didcot, in Inghilterra. La centrael di Didcot è uno degli impianti più inquinanti e meno efficienti di tutta l'Inghilterra.

Galanzino è secondo anche in Sahara.

News | 4 novembre, 2006 a 0:00

La sfinge e le piramidi non portano fortuna a Francesco Galanzino che, dopo aver dominato la classifica generale nelle prime cinque giornate di gara, viene superato, proprio nell'ultima tappa, dal runner danese Jimmi Olsen. Francesco non ha...

Centrale a carbone ferma in Inghilterra

News | 3 novembre, 2006 a 0:00

Venticinque attivisti di Greenpeace hanno occupato la centrale a carbone di Didcot, uno degli impianti più inquinanti e meno efficienti di tutta l'Inghilterra. Greenpeace chiede a Blair di chiudere queste "centrali dinosauro" e puntare su un...

Testimoni di guerra

Pubblicazione | 31 ottobre, 2006 a 0:00

Questo documento è una sintesi del rapporto di Greenpeace International "Witnessing War" e contiene una valutazione preliminare sugli impatti ambientali del conflitto in Libano: non si tratta di un'analisi scientifica dettagliata, ma piuttosto di...

Testimoni di guerra

News | 31 ottobre, 2006 a 0:00

Era la notte del 13 luglio, quando il bombardamento della centrale elettrica di Jieh, alle porte di Beirut, provoca lo sversamento in mare di quasi 15 mila tonnellate di petrolio. Oggi Greenpeace presenta una valutazione sugli impatti ambientali...

Greenpeace presenta un rapporto sugli impatti

Immagine | 31 ottobre, 2006 a 0:00

Greenpeace presenta un rapporto sugli impatti ambientali della guerra in Libano.

Ghiacciai in ritirata. Avanza il riscaldamento globale.

News | 30 ottobre, 2006 a 0:00

A una settimana dall'inizio della Conferenza delle Nazioni Unite sul clima, Greenpeace lancia l'allarme sul ritiro dei ghiacciai. Una spedizione sulla Marmolada ci racconta gli effetti del riscaldamento globale nelle Alpi: di questo passo, ci...

2491 - 2500 di 3072 risultati.