Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Il fallimento del sistema autorizzativo degli Ogm. Il caso del MON863

Pubblicazione | 13 marzo, 2007 a 0:00

Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica "Archives of Environmental Contamination and Toxicology" ha analizzato i risultati dei test sulla sicurezza sottoposti dalla Monsanto alla Commissione europea e ha concluso che il mais geneticamente...

La lezione camerunese. Storia di un saccheggio annunciato. La riforma del settore...

Pubblicazione | 12 marzo, 2007 a 14:38

Nella Repubblica Democratica del Congo la guerra è formalmente finita. Ora le sue preziose foreste sono a un bivio: l'industria del legno potrebbe diventare l'attività economica dominante, con conseguenze ambientali e sociali molto gravi. La...

Europa in prima linea per salvare il clima

News | 9 marzo, 2007 a 0:00

Il 20 per cento di gas serra in meno e il 20 per cento di energia da fonti rinnovabili. Entro il 2020. Sono questi gli obiettivi vincolanti previsti dal testo della Merkel che il Consiglio UE ha appena approvato per contrastare il riscaldamento...

Due orsi polari di Greenpeace chiedono al

Immagine | 9 marzo, 2007 a 0:00

Due orsi polari di Greenpeace chiedono al Governo Italiano di rinunciare al carbone, investire nelle rinnovabili e adottare obiettivi vincolanti per salvare il clima.

Britain's New Bomb Programme

Pubblicazione | 8 marzo, 2007 a 12:19

Un rapporto di Greenpeace che fa il punto della situazione sui rischi e sugli sprechi di Trident, il programma del Governo Inglese per la realizzazione di nuove bombe atomiche.

Chimica pericolosa

Video | 8 marzo, 2007 a 12:00

La contaminazione dovuta al rilascio in ambiente di composti chimici tossici e' un processo invisibile, ma incredibilmente subdolo e capillare. Le sostanze pericolose sono ovunque. Difenditi dalla chimica pericolosa!

Ferma la più grande centrale a carbone della Nuova Zelanda

News | 8 marzo, 2007 a 0:00

Si ferma la Marsden B, la più grande centrale a carbone della Nuova Zelanda. Dopo tre anni di battaglie Greenpeace ottiene lo smantellamento dell'impianto. È un primo passo del paese verso le energie rinnovabili e lontano dal carbone: secondo un...

Aspen dice no alla Kimberly-Clark

News | 8 marzo, 2007 a 0:00

Anche gli impianti sciistici di Aspen rinunciano ai prodotti della Kimberly Clark, il gigante della carta proprietario di marchi famosi come Scottex e Kleenex. Più di 700 sono le aziende che hanno boicottato la Kimberly Clark, chiedendo più fibra...

Ogni anno più di 1

Immagine | 8 marzo, 2007 a 0:00

Ogni anno più di 1.400.000 sciatori frequentano gli impianti di Aspen, in Colorado: è un giro di affari enorme e la decisione di non rinnovare i contratti di fornitura con la Kimberly-Clark rappresenta un duro colpo per il gigante della carta.

L'eco-tour dei Verdena con Greenpeace

News | 7 marzo, 2007 a 0:00

Un grande benvenuto ai Verdena tra i Guerrieri dell'Arcobaleno. La band, sensibile ai problemi ecologici, porterà in giro per l'Italia il messaggio di Greenpeace. Per un pianeta più pulito. Il nuovo tour è partito con un concerto a Torino il 1...

2531 - 2540 di 3215 risultati.