Questo sito utilizza cookie tecnici propri per migliorare la tua navigazione e cookie di terze parti per analisi statistiche e condivisione dei contenuti. Procedendo con la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.

Oceano ai Poli

Artico e Antartide: le loro lande nevose, le loro acque gelate, sono l’ultimo esempio che resta, il più puro, di vita selvaggia sul Pianeta Terra e sono indispensabili al funzionamento dell’unico Pianeta che abbiamo.

Mentre l’Artico è stato abitato per millenni da popoli che si sono adattati alle difficili condizioni della vita tra i ghiacci, l’Antartide solo da poco tempo ha cominciato a “ospitare” prima cacciatori (di foche e balene), poi esploratori, scienziati e turisti… più di recente. Entrambi i Poli, e i loro oceani, ospitano una vita selvaggia in grado di resistere a condizioni ambientali estreme. Le acque polari forniscono alimentazione ricchissima a uccelli e a quel che resta delle popolazioni di mammiferi marini, compresa la maggior parte delle ultime grandi balene.

Oggi troppi fattori ormai hanno un effetto globale sul funzionamento di tutto il Pianeta e non risparmiano neanche i Poli: dal cambiamento climatico in rapida accelerazione, alla rapida industrializzazione, fino al consumo incontrollato delle risorse globali.

I Poli sono indicatori dello stato di salute del nostro Pianeta e ci mandano un allarme molto chiaro: stiamo compromettendo la capacità della Terra di sostenere la vita come la conosciamo. È già troppo tardi per evitare effetti profondi e negativi sugli ecosistemi polari. Siamo ancora in tempo, però, per evitare ulteriori impatti, mettendo un freno all’espansione delle flotte pescherecce, all’industria estrattiva di combustibili fossili (petrolio, gas, ma anche carbone) e alle altre minacce che rischiano di completare il saccheggio e la contaminazione della nostra ultima frontiera selvaggia.

Le riserve marine sono la migliore soluzione possibile per entrambi i Poli.

Gli ultimi aggiornamenti

 

Energy revolution: sole, vento e risparmio

News | 28 settembre, 2006 a 0:00

A distanza di pochi giorni l'uno dall'altro, due nuovi rapporti di Greenpeace, "Solar Generation III" e "Global Wind Energy Outlook 2006" fanno il punto sulle potenzialità delle fonti rinnovabili alla luce delle tecnologie presenti sul mercato.

Impianto eolico

Immagine | 28 settembre, 2006 a 0:00

Impianto eolico. Dal 1995 al 2005 la potenza installata nel mondo è cresciuta di dodici volte.

Impianto eolico

Immagine | 28 settembre, 2006 a 0:00

Impianto eolico. La crescita dell'eolico è stata notevole, se paragonata alle altre fonti rinnovabili: dal 1995 al 2005 la potenza installata nel mondo è cresciuta di dodici volte.

Presenza di composti perflorurati nelle anguille in 11 paesi Europei

Pubblicazione | 27 settembre, 2006 a 0:00

Greenpeace ha analizzato le anguille in 11 paesi europei. Le anguille sono un bioindicatore molto importante della qualità delle acque. Le analisi effettuate rilevano la presenza di composti perflorurati, sostanze chimiche utilizzare per produrre...

Greenpeace blocca la nave Probo Koala nel

Immagine | 25 settembre, 2006 a 1:00

Greenpeace blocca la nave Probo Koala nel porto di Paldiski in Estonia.

Toxic chemicals in computers exposed

Pubblicazione | 18 settembre, 2006 a 0:00

I computer della Apple e della Hewlett Packard contengono sostanze tossiche in quantità preoccupanti. Lo rivela uno studio di Greenpeace che sottolinea anche come la HP menta sul proprio sito, dove afferma di aver eliminato da anni un ritardante...

Solar Generation III [ in inglese ]

Pubblicazione | 11 settembre, 2006 a 0:00

SolarGeneration III è il rapporto sviluppato da Greenpeace International in partnership con EPIA - European Photovoltaic Industry Association – per capire quali sono i potenziali di crescita della nuova tecnologia solare fotovoltaica e quali sono...

Petizione inceneritori

Pubblicazione | 6 settembre, 2006 a 0:00

Petizione contro gli inceneritori

Foto Notte Bianca.

Immagine | 5 settembre, 2006 a 23:22

Foto Notte Bianca.

Uno dei prodotti cinesi venduti in Francia

Immagine | 5 settembre, 2006 a 12:58

Uno dei prodotti cinesi venduti in Francia, Germania e Gran Bretagna, contenenti una varietà non autorizzata di riso transgenico, modificato per essere resistente a un insetto attraverso la tossina Cry1Ac, che è un potenziale allergene per l'uomo.

2531 - 2540 di 3073 risultati.